Caos a Bruges Caos a Bruges

Caos a Bruges

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Caos a Bruges, romanzo di Pieter Aspe edito da Fazi. Sono tornati: il commissario Pieter Van In, un burbero dal cuore tenero e una passione smodata per la birra Duvel; il suo assistente, il perspicace Versavel; e, dulcis in fundo, la bella e sfrontata Hannelore Martens, sostituto procuratore. Un trio formidabile, qui nuovamente all’opera di fronte a una serie di crimini che seminano il panico nella borghese e sonnolenta Bruges e che daranno occasione al “politicamente scorretto” Van In di giocare un brutto tiro agli esponenti più altolocati della città, fino a svelare un passato sul quale si allunga la nera ombra del nazismo. Al termine di una notte glaciale un turista tedesco, ferito a morte, muore tra le braccia di un poliziotto. Quando, tra i suoi effetti personali, Van In scopre una foto della statua La Madonna con il bambino di Michelangelo, da secoli proprietà della città, gli appare evidente che in questo omicidio c’è qualcosa che non torna. Poco dopo, qualcuno tenta di far saltare in aria i monumenti di Bruges. Ma il commissario è impegnato a fare tutt’altro: qualcosa che non piacerebbe affatto a Hannelore, qualcosa che nessuno dovrà mai riferirle... Dopo l’esordio folgorante de Il quadrato della vendetta, ecco il secondo, irresistibile thriller di Pieter Aspe, il «Simenon fiammingo».

Pieter Aspe è nato a Bruges nel 1953. Ex precettore, fotografo, commerciante di vini, venditore di granaglie e cereali, custode di una basilica, impiegato in ’impresa tessile e lavoratore stagionale per la polizia marittima, ha esordito come scrittore nel 1995 con Il quadrato della vendetta. Nel 2001, ha vinto il premio Hercule Poirot come miglior scrittore fiammingo di gialli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Caos a Bruges 2016-11-30 13:48:47 luk74
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
luk74 Opinione inserita da luk74    30 Novembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TANTO STILE, POCA SOSTANZA

Un romanzo sobrio, a mio parere, questo Caos a Bruges.
Ritmo lento e pochissima azione, ma chi ha detto che debba sempre essere il contrario?
Corriamo già tutto il giorno per lavoro e impegni vari.
La trama è decisamente interessante, con un paio di cadaveri e attentanti dinamitardi nella sorniona Bruges, cittadina meravigliosa delle Fiandre, che si scoprono essere legati a un aggressivo piano finanziario e in qualche modo a strascichi dell’invasione nazista.
Ma la ciliegina sulla torta di questo giallo sono personaggi. Il commissario Van In, in particolare, è antieroe da manuale: beve come una spugna, sta per finire sotto un ponte, ha una compagna bellissima ma frequenta abitualmente una prostituta.
Anche se a volte fin esagerato, sembrato un protagonista capace di tenere la scena, ben coadiuvato nel compito dalla sua “spalla” Versavel, dichiaratamente omosessuale, e dalla dolce metà cornificata Hannelore, sostituto procuratore in carica.
Non un capolavoro intendiamoci, ma nel complesso una lettura scorrevole, in alcuni passaggi spassosa e nel complesso piacevole, vista anche la fluidità della scrittura di Pieter Aspe.
Tutto sommato, quindi, il giudizio è sicuramente positivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri