Carte in tavola Carte in tavola

Carte in tavola

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Decisamente uno strano invito a cena quello che ha ricevuto Poirot. Il suo anfitrione, il mefistofelico Schaitana, ha infatti promesso al celebre investigatore di mostrargli la più strana delle sue collezioni: quella di criminali che hanno commesso un delitto e non sono mai stati scoperti. Poirot, incuriosito, si reca al ricevimento con un funesto presentimento e ben presto scopre che la sua sensazione era ben motivata. Infatti, mentre gli invitati, tra i quali altri tre celebri cacciatori di delitti, sono impegnati in una partita a bridge, qualcuno pugnala a morte l'eccentrico padrone di casa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Carte in tavola 2019-09-18 23:34:19 DanySanny
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    19 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scala di gialli alla Christie - 1

Agatha Christie ha il dono di una scrittura limpida e cristallina, senza ornamenti, ma sempre garbata, essenziale e composta, capace di riconciliare anche il lettore più stanco con la letteratura e, direi, con la vita. Certo si parla sempre di omicidi e delitti, ma la ricomposizione finale, l’idea di un narratore che accompagna saldamente il lettore nell’impervio ginepraio dell’assassinio, hanno un magico potere taumaturgico. Specialmente qui, lontani dai sinistri bagliori di libri magistrali come “Dieci piccoli indiani” e “Assassinio sull’Orient-Express.

La forza di questo romanzo è la genialità lucidissima della trama: un eccentrico e mefistofelico signore invita a cena, in una casa che ricorda gli arredamenti dannunziani, quattro “segugi del crimine”, tra cui il solito Poirot e quattro individui che, invece, hanno già ucciso, ma sono rimasti impuniti. Mentre i personaggi sono impegnati in una accanita partita di bridge, il proprietario viene silenziosamente ucciso. Una sfida audace per i quattro investigatori e contemporaneamente l’idea di un’urgenza omicida di sfuggente giustificazione. Il romanzo si dipana ordinatissimo alla ricerca di quei delitti sepolti e di una accuratissima indagine psicologica dei personaggi, uno studio della mente e dei caratteri davvero appassionante che sembra l’unica strada per capire il colpevole. Qualcuno che ha ucciso un tempo, che ha ucciso ora e che è pronto a farlo ancora.

Agatha Christie scrive un romanzo tesissimo, che diventa quasi spasmodico nelle pagine finali. La soluzione, forse, si intravvede, ma le carte si mescolano continuamente tra bluff e rilanci, cadute e rinascite, che confondono continuamente le idee. Eppure il vero colpo di genio è l’introduzione di un personaggio, quello di una celebre scrittrice di gialli, alter ego della scrittrice: è lei che disvela, ironicamente, i meccanismi nascosti delle trame poliziesche, che smonta la superbia proverbiale di Poirot e che infrange la quarta parete dell’autore-tessitore-d’inganni. Un libro che trova il giusto equilibrio tra caratterizzazione, intreccio e contenuti e che non nega la sua appartenenza alle opere migliori della scrittrice. Per chi si intende di bridge, un’occasione per provare a dedurre la vita dal gioco e per gli appassionati di gialli un’occasione meravigliosa per entrare nell’officina creativa della scrittrice. Ingiustamente poco apprezzato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Carte in tavola 2013-09-03 10:27:35 SARY
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
SARY Opinione inserita da SARY    03 Settembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

VEDO E NON VEDO

Scarto, pesco, passo, ripesco, chiudo. No, non sto giocando a carte, è il metodo investigativo migliore per risolvere i casi e scovare il colpevole.
Siamo a Londra negli anni trenta, l’infallibile Poirot, è ospite del criptico Shaitana, personaggio dall’aspetto demoniaco. Un banchetto speciale, da una parte si accomodano quattro autorità e dall’altra quattro presunti rei, tutti ignari del reale scopo della cena. A che gioco vuole giocare il padrone di casa? Proprio durante un sfida a bridge la serata si tinge di giallo. Tocca ancora al geniale Poirot con la preziosa collaborazione di altre celebrità scoprire le carte e risolvere l’arcano.
Scrittura elegante e pulita con senso pratico, priva di fronzoli e ricca di sostanza. Narrazione ordinata, senza confusione ogni tassello del puzzle criminale si incastra al posto giusto, rendendo la situazione chiara e perfetta, da incorniciare.
Agatha Christie è abile a stimolare la mente, punzecchia e suggerisce ipotesi, disseziona i fatti, appunta dettagli rendendo il lettore un migliore osservatore di ciò che lo circonda. Le ambientazioni e i personaggi son ben definiti sia fisicamente che caratterialmente, garantendo al lettore l’orientamento. Un giallo sobrio, classico, capace di rapire l’attenzione senza scene raccapriccianti o brividi da alta tensione.
All’inizio ho provato delusione perché la trama non è originale, è simile a quella di “Dieci piccoli indiani”, il passato dei personaggi è il tema ricorrente, ma la storia è sviluppata talmente bene che i pensieri negativi si sono eclissati velocemente.
Un romanzo da leggere impettiti e cerimoniosi, come del resto lo è Poirot, e non scordatevi una buona tazza di thè bollente, meglio se twinings.

“Con gli occhi della mente si vedono molte più cose di quel che non si veda con gli occhi del corpo”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
310
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri