Corruzione Corruzione

Corruzione

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il detective Denny Malone conduce un'unità di elite per combattere le bande criminali di spacciatori a New York. Per diciotto anni è stato in prima linea, facendo tutto quello che serve per sopravvivere in una città permeata da ambizione e corruzione, dove nessuno è pulito. Quello che solo pochi sanno è che Denny Malone è corrotto: lui e i suoi compagni hanno rubato milioni di dollari in droghe e denaro. Ora è intrappolato, mentre la città si trova sul bordo di una conflagrazione razziale che potrebbe distruggere tutti. L'ultimo romanzo di Don Winslow è una storia stravagante sull'avidità e sulla violenza, sulle disuguaglianze e sul razzismo. Ricco di tensione e colpi di scena, offre un'analisi morale complessa sui problemi che oggi caratterizzano la società.



Recensione della Redazione QLibri

 
Corruzione 2017-07-14 07:49:00 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    14 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Essere un buon poliziotto

Due appuntamenti con Don Winslow, due libri memorabili; dopo "Il cartello", "Corruzione" è un altro grande libro sfornato da uno degli scrittori contemporanei più capaci e giustamente acclamati.
Il suo stile è unico, accurato eppure leggero. Dalla prima all'ultima pagina ci si rende conto che l'autore sa di cosa sta parlando: immergendo dei personaggi ben caratterizzati in un contesto che conosce e descrive in maniera eccelsa, imbastendo una storia che seppure trova il suo climax nella seconda metà del libro, non è mai noiosa. I personaggi poi, soprattutto il protagonista, sono indagati a fondo e il lettore si ritrova legato a loro e riesce anche a scoprire la causa profonda di tutte le loro azioni, anche le più scabrose.

Dennis Malone è il poliziotto più popolare di New York. Potresti non sorprenderti di trovare in galera il capo della polizia, il sindaco o anche il presidente degli Stati Uniti, ma se dovessi vederci il detective Denny Malone, allora c'è qualcosa che non va.
Eppure è così che la storia di "Corruzione" ha inizio, per poi partire con un flashback alla scoperta di cosa ha portato quel poliziotto insospettabile a finire dietro le sbarre.
New York è un covo di corrotti, un mondo in cui anche chi dovrebbe essere incorruttibile accetta favori e regali, anche da persone che dovrebbe sbattere in galera. Mafiosi, narcotrafficanti.
Malone non è da meno: "il re di Manhattan North" è, insieme ai suoi partner, tra i più corrotti della città. Tutti lo conoscono, tutti lo rispettano, perché è anche grazie a lui che criminali veri e propri e criminali subdoli conducono i propri sporchi affari. Ben presto però, i segreti e le persone coinvolte nel giro diventano troppe, e quando un uccellino inizia a cantare allora è probabile che in molti lo seguano, innescando un effetto domino che travolgerà anche Malone. Il detective si ritroverà immerso in un fiume di eventi che lo trascineranno verso l'oblio, verso un'oscurità impenetrabile e senza via d'uscita. In una New York affrescata in maniera impeccabile, della quale vengono messi in scena i lati più oscuri, i conflitti d'interesse, le discriminazioni e le lotte razziali, e ovviamente la corruzione dilagante, andrà in scena uno dei polizieschi più appassionanti degli ultimi anni. Una città in cui i buoni non esistono e anche la persona più insospettabile potrebbe riservare delle sorprese.
Spettacolare.

"La vita, pensa Malone, cerca di uccidere tutti. E ci riesce sempre. A volte anche prima della tua morte."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il Cartello
Perfidia
L.A. Confidential
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Corruzione 2021-04-15 20:24:09 cesare giardini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    15 Aprile, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Denny Malone, un superpoliziotto contro tutti.

“Il miglior crime che sia mai stato scritto”, così ha definito questo romanzo Lee Child. In effetti, dopo il capolavoro “Il cartello” sul narcotraffico messicano, Don Winslow infila un altro capolavoro, un giallo mozzafiato sulla dilagante corruzione che infiltra un considerevole strato della società newyorkese, dai bassifondi delle gang giovanili ai boss indiscussi della droga, fino ad interessare poliziotti di ogni grado, avvocati, giudici, politici. Protagonista della storia è un superpoliziotto, Denny Malone, capo indiscusso di un quartetto della Task Force del Dipartimento di Polizia, figura leggendaria, terrore dei malviventi, amico dei deboli e degli oppressi: è il “re” delle zone di sua competenza, temuto e stimato, pronto a far valere la legge con ogni mezzo sia nella lotta al traffico di eroina e di armi, sia nelle conseguenze di più banali conflitti interpersonali. Malone non è uno stinco di santo: parte della droga sequestrata viene occultata, il denaro sottratto ai boss è ben nascosto e potrà servire per la scuola dei figli, una vita più serena, una pensione senza problemi. Gli scontri con i boss sono frequenti, così come le buste con denaro che servono per addomesticare processi e corrompere alte sfere della polizia e della politica. L’atmosfera è rovente. Malone è sugli scudi quando annienta un pericoloso boss e quando scopre e sequestra un ingente traffico di armi, ma cade in disgrazia quando è costretto a denunciare alcun colleghi ( uno si suiciderà) passando per infame e quando verranno alla luce certi suoi rapporti disinvolti con il malaffare. Lasciato libero per recuperare un compromettente filmato su una rivolta razziale, riuscirà alla fine ad eliminare due pericolosi boss della droga ed a distruggere un grosso carico di eroina. Ma ormai è troppo tardi: la sua carriera è segnata, chi ha voluto toglierlo di mezzo per sporchi interessi personali sembra aver vinto.
“Tutto quello che Malone desiderava era essere un buon poliziotto”.Così finisce il romanzo. La figura di Malone è dominante, un eroe a modo suo, in una città come New York laddove “ in una sola strada senti parlare cinque lingue, avverti i profumi di sei culture, ascolti sette tipi di musica, vedi centinaia di persone con migliaia di storie”, ma anche una città dove crimini e corruzione dilagano e dove occorrono mani pesanti e strategie anche non conformi alla legge per riportare ordine e sicurezza. Malone è il campione di una legge tutta sua, al di fuori dei canoni consueti, ma è anche un tenero amante della sua compagna Claudette, un soccorritore disinteressato di chi è in difficoltà, un padre affettuoso preoccupato dell’avvenire dei figli. Un personaggio unico, contrapposto dall’autore a certe figure rappresentative della legge (capi della polizia, agenti dell’FBI e degli Affari Interni …) coinvolti in affari meschini e preoccupati solo di salvaguardare interessi personali.
Lo stile narrativo è quello consueto di Don Winslow, secco, tagliente, quasi telegrafico: c’è solo una ampia parentesi di grande respiro, quando Malone, inquisito e degradato (siamo quasi alla fine del libro), pronuncia una sferzante requisitoria contro i suoi superiori, accusandoli di essere corrotti, “ il marcio nell’anima della città, disposti a lasciarmi libero per coprire tutto… a fare la guerra alla droga per tenere negri e ispanici al loro posto… a giocare con le cifre per farle diventare ciò che volete voi, in modo da ottenere promozioni, titoli di giornali e carriere in ascesa…”. E termina :”Poliziotti corrotti? Sono i miei fratelli, le mie sorelle. Possono essere corrotti, possono sbagliare, ma sono migliori di voi”.
Don Winslow ama denunciare i mali della nostra epoca. Traffico di droga (“Il cartello”), malversazioni e violenza (“Corruzione”) degradano ambiente e rapporti sociali, e non sempre è facile trovarsi dalla parte giusta, perché, come ammonisce l’autore, Verità e Giustizia non sempre vanno a braccetto: un saluto fugace, “e tutto finisce lì”.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Il cartello", dello stesso Autore.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri