Duma Key Duma Key

Duma Key

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo che una gru si abbatte sul suo pickup, Edgar Freemantle deve far fronte a una vita diversa. Devastato nel fisico, e non solo, dapprima cerca di accoltellare la moglie e poi di strangolarla con la mano sinistra (l'altra mano l'ha persa, con tutto il braccio destro, nell'incidente). Apparentemente ristabilito, lascia le sue proprietà alle due figlie e alla moglie, che ha deciso di divorziare da lui, e si stabilisce su una solitaria e paradisiaca costa della Florida, Duma Key, dove affitta una grande villa rosa sulla spiaggia.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 17

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.5  (17)
Contenuto 
 
3.9  (17)
Piacevolezza 
 
4.2  (17)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Duma Key 2017-11-04 11:09:08 fablic
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
fablic Opinione inserita da fablic    04 Novembre, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Molto colore, poca adrenalina...

Copertina a parte (molto bella), DUMA KEY è un romanzo particolare, che alla fine di horror, suspence e tensione ha molto poco. La storia che molto lentamente introduce alla fitta trama del racconto è angosciosa e triste, di sicuro riecheggia e richiama ovviamente ampliandolo di molto l'incidente che lo stesso King ha avuto, per certi versi mi ricorda Insomnia, non so il perchè!
Punto di forza di questo romanzo è la creatività pittorica incontrollata che gradualmente si manifesterà nel protagonista Edgar, creatività dettata (e fatta vedere da King) dal sublime, etimologicamente lo dice la parola stessa= sub limen che letteralmente "andare oltre la soglia". Le vicissitudini successive assumeranno dei contorni misteriosi, sufficentemente interessanti, fino a diventare sempre più drammatici.
A mio avviso, molte parti del racconto, soprattutto nella sua fase iniziale, come tante descrizioni paesagistiche o di stati emozionali interiori, potevano essere omesse per snellire la trama ed il suo andamento.
La parte finale acquista un po' più di interesse ed i misteri vengono svelati a ritroso nel tempo, ma sacrificando la tensione tipica dei suoi libri. In conclusione Duma Key, è un bel romanzo, forse più che romanzo è un bel quadro, ma carente di adrenalina, tensione. Consigliato solo a chi piace il "Paranormal romance".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2014-04-24 11:38:14 Gondes
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    24 Aprile, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NON PRENDETE QUEL PENNELLO!

Mi aspettavo molto di più da questo libro, visto i giudizi favorevoli ricevuti da più parti. Le mie aspettative era quindi ben spalleggiate, ma purtroppo si sono rivelate per me troppo benevole.
La gran parte del libro l’ho trovata troppo attendista, priva di quel ritmo e curiosità che spinge a divorare pagina dopo pagina.
La storia non decolla fino verso la fine del libro, quando gli eventi iniziano finalmente a susseguirsi in maniera più incalzante e ha catturare l’attenzione. Si percepisce che questi dipinti, scaturiti quasi dal nulla dalla mano del protagonista, abbiamo un ruolo inquietante, ma la situazione viene continuamente rimandata e sembra quasi di assistere ad un corso di pittura.
Avrei sicuramente gradito qualche pagina in meno nella parte iniziale e qualche pagina in più nel finale. Ci sarebbe da ridire anche su certe scelte propria nella parte conclusiva del libro; dove alcune situazioni mi sono apparse troppo facili e scontate per uno scrittore del calibro di Stephen King. Forse aveva fretta di finire il romanzo oppure era a secco di idee

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2013-08-06 10:11:47 Hypo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Hypo Opinione inserita da Hypo    06 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

King è sempre King

Potrei fermarmi al titolo di questo piccolo commento, basterebbe per andare sul sicuro con "Duma Key", un romanzo che sprigiona forze completamente Kinghiane dove lo scrittore va sul "sicuro" mettendo in mostra ciò che meglio sa fare. Sto parlando ovviamente della sua particolare arte di farti amare qualsiasi personaggio di un suo libro (si, anche Perse in questo caso), ma soprattutto della sua innata capacità di unire forti sensazioni malinconiche con orrori che a questo giro arrivano tutti assieme ma quando arrivano non perdonano. Lo si potrebbe dividere in due parti "Duma Key", la prima di "studio", la seconda di azione, la bellezza è che ovviamente una parte non può vivere senza l'altra, la seconda mette in ordine eventi in un crescendo da fiato sospeso. Come al solito leggo di un finale poco apprezzato, mi tocca andare controcorrente visto che mi piaciono gli epiloghi svolti come in questo caso.

E così ecco la sua capacità di scegliere un luogo e farlo diventare "mistico", l'apparente "vuoto" di un isola al largo della Florida diventa così scenario ideale di questa storia che è anche un racconto di speranza, sul come si debba sempre andare avanti per sconfiggere i propri mostri. Ennesimo romanzo lunghetto per King, ma come spesso accade durante la lettura vorresti che le pagine mancanti restino sempre tante. Realtà, mistero, orrore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2012-12-10 19:58:53 Andreas Sballetti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Andreas Sballetti Opinione inserita da Andreas Sballetti    10 Dicembre, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Notevole

Come sempre King riesce a costruire una storia surreale attraverso la potenza di personaggi e luoghi vagamente magici ma realistici. Come se tutto potesse accadere realmente anche al lettore.

Vorrei sapere se King ha composto quest'opera dopo aver visto una mostra di Dalì. Entrambi questi autori nei rispettivi campi artistici sprigionano la stessa potenza espressiva nel costruire anche nel grottesco e nell'assurdo un groviglio di sensazioni ed inquietudini profonde nel pubblico.

La potenza espressiva di Edgar viene dipinta come in un quadro di Dalì dalla menomazione fisica e dalle conseguenze che essa reca nel quotidiano del personaggio.

La storia quindi si sviluppa intorno al dolore solitario dell'handicap fisico per poi planare nel contesto apparentemente amichevole e rigenerante della Florida.

Gli altri personaggi accompagnano il travaglio fisico e psicologico del nostro eroe con singolarità che ne permettono l'evoluzione verso l'inevitabile scontro con la surreale forza oscura celata malignamente dall'autore nell'apparente quanto rassicurante svolta artistica attraverso la quale Edgar coltiva le sue ambizioni di di riscatto. Il desiderio di riappropriarsi della propria vita così brutalmente sconvolta dall'incidente nutre la forza oscura Persie, dormiente nell'isola di Duma Key.

Lo scontro e la lotta per la sopravvivenza fra Edgar e Persie divengono dunque inevitabili assumendo inquietanti risvolti tragicomici. La catarsi finale di Edgar altro non è che un omaggio dell'autore ad un altro grandissimo dell'arte del Novecento: Salvador Dalì.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

Gli altri di King
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2012-05-15 09:34:08 McLennon
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
McLennon Opinione inserita da McLennon    15 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo e il mare

Trama avvincente, che tiene incollati e che invita a volere leggere ogni volta "ancora una pagina.."
Vicenda surreale ma efficace ai fini dell'intrattenimento.

Il protagonista Edgar Freemantle riesce a farci entrare pienamente nel suo dramma e nelle sue percezioni e visioni, dopo il terribile incidente a cui è scampato miracolosamente (seppur con la perdita del braccio destro).
La perdita di una parte fisica di sè gli fa però acquisire un dono unico e dai connotati soprannaturali che sarà la sua fortuna e allo stesso tempo causa di dolore immenso e di profondo turbamento.

Non molti i colpi di scena e i momenti "thriller", finale un po' scontato e abbastanza frettoloso a mio parere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri del "Re" ... e a chi vuole una storia affascinante (seppur di fantasia)
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2011-11-15 21:39:35 alexmai
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
alexmai Opinione inserita da alexmai    15 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Home by the sea

La casa vicino al mare, così si intitolava una canzone dei Genesis di tanti anni fa.
Nel nuovo romanzo di Stephen King, Duma Key, è proprio una casa in riva al mare a fare da protagonista. Lei, e l’uomo che la abita. Ma anche lei, e l’anziana donna che la abita. Ma anche, infine, lei e la bambina che quella donna una volta è stata.
Duma Key è una delle isolette che formano quella penisola artificiale unita dai ponti, a sud della Florida. Un posto dove si ritirano persone anziane, o persone che devono far ricominciare la loro vita. Come Edgar Freemantle, che da costruttore milionario si trova ora senza un braccio e senza più la moglie. Come Wireman, che in un’altra vita faceva l’avvocato, quando ancora non aveva un buco nella testa.
Questo nuovo lavoro di King è l’ennesima conferma della sua grandezza, buono almeno quanto La storia di Lisey che lo ha preceduto. Un King che torna nei territori della sua fanciullezza di scrittore, gli anni ’70 e poco oltre.
Zio Steve ci porta in un territorio che a prima vista è conosciuto, la storia dell’uomo mutilato apre la mente a cento diverse strade, ma che poi si rivela pieno di nuovi elementi, sempre più accerchianti. Il lettore si trova a essere trasportato in Florida, alla mostra dei quadri che Edgar ha disegnato nel giro di poche settimane. Prima di cominciare a capire davvero alcune delle stranezze che erano accadute nelle pagine precedenti, stranezze che gli faranno capire poi pian piano quello che accadrà ai suoi eroi. Perché di questo si tratta, protagonisti di una storia che si dipana in anni di misteri, creature che arrivano dall’impossibile, ricordi, paure, amori e dolore. “Dio ci punisce per quello che non riusciamo a immaginare”, è una delle stupende frasi attribuite all’ex avvocato Wireman, nuovi regali che il Re ci pone davanti agli occhi. Grazie zio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2011-01-15 16:32:45 Frax90
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Frax90 Opinione inserita da Frax90    15 Gennaio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

inganniamo noi stessi stessi così spesso

Nonostante le ultime, ridondanti e a parer mio ingiustificate(comprenderete il significato del termine "ingiustificate" molto meglio dopo la lettura di questo romanzo) critiche nei confronti dei più recenti lavori kinghiani, "Duma Key" rappresenta sicuramente un'opera di magistrale forgiatura, grazie alla fluidità e scorrevolezza(oltre che alla ormai standardizzata piacevolezza)della narrazione ed al mirabile ibrido tra suspance e atavico terrore che ritorna dagli abissi("abyssus abyssum invocat").La tematica con cui si apre il sipario sulle vicende di Edgar Freemantle è quella del "cambio di vita";infatti a conseguenza di un tragico incidente, il grande magnate dell'edilizia si ritroverà mancante del braccio destro e con lesioni temporanee all'area di Broca.In aggiunta a tutto ciò, già psicologicamnete e fisicamente devastante, la moglie di Edgar, Pam , decide di promuovere un'azione legale volta a chiedere il divorzio dal menomato marito. Questo bitume di tragici e sfortunati incovenienti porta il nostro protagonista a prendere la "decisione da un milione di dollari" ovvero "mollo tutto e cambio completamente la mia vita.(tra l'altro..chi di noi non vi ha mai pensato).Così accade,infatti Edgar si trasferisce su un'apparentemente innoqua ed incontaminata isola della Florida(Duma Key),e durante la sua "nuova vita" incontra il secondo protagonista dell'opera, ovvero l' ex avvocato Jerome Wireman, che, per la mia modesta opinione, rappresenta uno dei meglio riusciti protagonisti della finzione letteraria(giudicate voi muchacho!)e la signora Elisabeth ,anziana donna afflitta dal morbo di Alzheimer e circondata da un alone di misteri. Durante quello che appare un placido trascorrere del tempo, Edgar si scopre però pittore, artista di talento innegabile ma con uno strano ed inspiegabilmente tetro repertorio di soggetti e con la capacità di influenzare la realtà tramite le sue pitture. Le curiose suggestioni del paesaggio assumono significati sinistri e i sogni diventano raccapricciante realtà...Qualcosa o qualcuno si sta servendo di Edgar per liberarsi da un millenario sonno forzato.Si scoprirà poi che l'anziana Elisabeth , da bambina , fu vittima della medesima possessione.Da qui in poi si snoda un labirito di misteri e sensazioni,che molto ha da spartire con il genere generalmente nominato "triller", che spingerà il lettore negli angoli più oscuri della mente, rievocando emozioni di cui (noi lettori)eravamo diventati comletamente estranei.L'occhio di King è sempre rivolto ad un esame attento del passato che sta alle spalle delle persone, tempo che fù il quale lascia il lettore sbigottito durante la narrazione: è grazie all'analisi del passato che si capiscono molti comportameti della vecchia Elisabeth e del signor Wireman.Il romanzo sicuramente vi sconvolgerà(sono molto di parte siccome King è uno dei miei scrittori preferiti)ma spero vi piaccia anche la mia recensione e vi sia soprattutto utile nella scelta e comprensione di questo manoscritto....forse"yes"forse"no.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2010-07-30 22:13:17 Cap.harlock
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cap.harlock Opinione inserita da Cap.harlock    31 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

bello e inquietante!

Questo romanzo è uno dei king migliori degli ultimi anni, bella anche la copertina!

Un uomo, un incidente, una casa, oscure presenze, un talento nascosto per la pittura...ingredienti che fanno di Duma Kay un romanzo che ti prende molto e ti "unisce" al protagonista stesso della storia!

Eccellente la descrizione del luogo...sembra di sentire veramente il rumore del mare e il fruscio delle conchiglie...da brivido nel descrivere gli "ospiti" che si celano nei quadri...insomma, un romanzo tutto da leggere e farsi trascinare nella mente e nell'animo di Edgard!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per vivere una bella storia di mistero con un bel pizzico di paura!
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2010-07-12 15:19:22 chatnoir
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
chatnoir Opinione inserita da chatnoir    12 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Big Pink

Questo libro può essere tranquillamente sezionato in sue parti ben evidenti e separate, da una parte la vicenda umana di una persona diversamente abile, dall'altro la vicenda horror. La prima parte è senza dubbio la più piacevole e riuscita, addirittura toccante in molte parti, la seconda invece è meno coinvolgente e la trovata finale quantomeno dubbia. Nel complesso un romanzo piacevole e leggibilissimo, da non lascirsi sfuggire, la cui unica pecca è, in parte, il finale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Duma Key 2009-10-20 11:20:52 Marco
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Marco    20 Ottobre, 2009

Commento

Contiene spoiler.
Diciamocelo: se dobbiamo valutarlo come libro sull'amicizia, sulla vita, sulla necessita' di reagire alle difficolta', sul destino, questo e' un ottimo libro, da 8 almeno (tendo a non sparare 10 cosi' a caso...). Ma se vogliamo valutarlo come libro horror, mammamia, il finale e' una cosa indecente anche per un ragazzetto di 16 anni!
Ma comunque tutta la trama soffre di grossi problemi di coerenza!
Perche' Perse vive nell'acqua salata e teme quella dolce?
Che c'azzecca l'argento?
Quale sarebbe il suo fantomatico potere tanto sbandierato dal protagonista Edgar ("fino a che non entrammo in quella casa non capii quanto fosse potente Perse"), se ne finale la povera Perse e' praticamente inerme?
Quale sarebbe realmente il collegamento fra Perse e l'abilita' pittorica se Edgar, nel finale, nonostante Perse sia stata imprigionata a dovere, riesce ancora autonomamente a disegnare un uragano su Duma che si materializza realmente sull'isola?
Sopratutto perche' Perse ha bisogno di un collegamento "spirituale" con Elizaberh prima e con Edgar poi, se da sola ha gia' il potere di convincere le persone ad ucciderne altre? A che pro!?!?
Che razza di esercito sarebbe uno zombie malandato in compagnia di due bimbette isteriche urlanti?
E poi il finale con la statuetta animata che da' morsi sul torace... ma chi l'ha scritta sta roba?
Secondo me ha messo su un gran baraccone che fa acqua da tutte le parti come la nave del romanzo!

Per me e' raggiunge la sufficienza solo grazie alle prime 500 pagine, che raccontano una storia di amicizia e speranza veramente memorabile!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
33
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri