Estate di morte Estate di morte

Estate di morte

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Durante un campeggio estivo, quattro ragazzi si avventurano nei boschi di notte per non fare più ritorno. Margot e Doug vengono brutalmente assassinati; Gil e Camille svaniscono nel nulla. Vent'anni dopo, Paul Copeland, fratello di Camille e brillante procuratore della contea di Essex, viene chiamato all'obitorio per il riconoscimento di un uomo ucciso la notte prima. Una cicatrice sul braccio del cadavere rivela una verità sconcertante: il morto è Gil Perez. La scoperta getta Paul in un baratro di ricordi strazianti. Che cosa è accaduto davvero durante quella tragica vacanza? È possibile che anche Camille sia ancora viva? Per cercare le risposte a queste domande, Paul si inoltra in un dedalo di reticenze e ambiguità, trovandosi a fare i conti con le zone d'ombra della sua stessa famiglia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Estate di morte 2017-12-01 20:48:30 aeglos
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
aeglos Opinione inserita da aeglos    01 Dicembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Thriller mozzafiato

Avevo da tempo questo libro ,trovato per puro caso ad un mercatino dell'usato.Non avevo mai trovato il tempo giusto per leggerlo,ma finalmente ho deciso di prenderlo tra le mani e cominciare a sfogliarlo.Ebbene mi sono ritrovata a leggere un thriller mozzafiato, davvero scritto molto bene e con un sacco di colpi di scena, soprattutto alla fine.Cosa si è disposti a fare pur di salvare le persone che amiamo? E soprattutto chi non ha scheletri nell'armadio? In questo libro il passato torna inesorabile nella vita di Copeland e Lucy,due persone che ai tempi in cui erano ragazzi, erano innanorati.Ma la morte di altri quattro loro amici sconvolge la loro relazione,fino a che ,un giorno,quando ormai tutto sembra dimenticato,viene trovato morto un certo Manolo.Sembra essere uno dei ragazzi morti nel bosco,ma com'è possibile questa cosa? Siete pronti ad indagare insieme a Copeland,siete pronti a scoprire i segreti che ognuno vorrebbe tenere con se?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Estate di morte 2011-03-12 12:00:01 Cristiana Pasetto
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Cristiana Pasetto    12 Marzo, 2011

Perfetto

Un libro perfetto, in cui tutto torna a meraviglia, compreso il finale, spesso debole anche nei miei autori preferiti, prima fra tutti la Cornwell. La vicenda si presenta come un complesso meccanismo ad orologeria, complicato e inestricabile, fino a che tutto arriva a sciogliersi naturalmente, spontaneamente, senza forzature. Avevo paura, leggendolo, che il finale potesse deludermi, invece l'ultima pagina è quella che mi ha più emozionata: una conclusione aperta, che sembra sovvertire tutto quanto narrato in precedenza.
Molti elementi sono quelli topici: il campeggio, il bosco, i cambi di identità... ma i filoni narrativi che si intrecciano sono numerosi, e tutti avvincenti, i personaggi vengono delineati, dal primo all'ultimo, con grande chiarezza, i dialoghi sono incisivi ed essenziali, sembrano nati per una trasposizione cinematografica. Il protagonista è davvero profondo, e penso sia difficile non "innamorarsi" di lui: è passionale e romantico, ma nello stesso tempo è razionale, e organizza la sua vita "per compartimenti stagni", come spesso afferma. E' in grado di separare nettamente la vita sentimentale, il lavoro di procuratore distrettuale, il ruolo di padre, quello di investigatore, mettendo spesso da parte un passato ingombrante e scomodo, che però sgomita per riemergere. E' capace di amare una donna con la stessa intensità, dopo 20 anni, ed è capace alla fine di abbandonarla, o ucciderla, o chissà, forse riprenderla con sè per sempre...
Il tema dominante, che riesce miracolosamente a riunificare tutti i filoni narrativi, è la potenza dei legami familiari, più forti della legge e della vita stessa, capace di condurre ai più grandi eccessi e ai più efferati delitti... il padre della donna amata, i genitori dei ragazzi condannati dal protagonista per stupro, la famiglia di Gil Perez, alias Manolo Santiago, presunto morto nei boschi a 18 anni, l'adorato padre del protagonista, la madre... tutti sono uniti dalla volontà disperata di tenere insieme la famiglia, di vivere, di andare avanti, infischiandosene di tutto il resto. E forse lo stesso protagonista, per lo stesso motivo, arriverà a commettere un atroce delitto, pronto ad infangare la sua reputazione pur di avere la vendetta di una'esistenza rovinata...
Lo stile è straordinario, con una continua alternanza della voce narrante: prima la narrazione del protagonista in prima persona, poi il narratore esterno, poi ancora la prima persona, e infine la coincidenza dei due diversi piani. Una lingua sciolta, fluida, curatissima dal punto di vista propriamente estetico, che spesso passa in secondo piano in questo genere di romanzo.
Vorrei trovare qualche difetto.... forse l'eccessiva complessità nella risoluzione della vicenda: cambi d'identità, morti veri e presunti, ritorni miracolosi dopo 20 anni..... forse qui l'autore ha un po' calcato la mano...
Consiglio anche la lettura dei ringraziamenti finali: "Non sono esperto in nessun settore, quindi è una fortuna per me conoscere dei geni generosi che invece lo sono". Meraviglioso: mi ero sempre chiesta come facessero questi autori a saperla così lunga....

Riassunto: leggetelo! Non è un autore molto noto, ma è grande!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama il thriller, l'avventura, il mistero, un po' una via di mezzo fra Patricia Cornwell, Kathy Reich, Stephen King.... i più grandi, insomma
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri