Fondazione Paradiso Fondazione Paradiso

Fondazione Paradiso

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un uragano si è abbattuto sulla Svezia. Al porto, tra le macerie lasciate dal suo passaggio, una donna scappa per salvare la propria vita. Si chiama Aida. Annika Bengtzon l'aiuta a mettersi in contatto con la Fondazione Paradiso, un'istituzione che aiuta le persone a sparire e ricostruirsi una nuova identità. Ma dopo una serie di violenti omicidi, Annika si avvicina alla verità, per scoprire che né Aida né la Fondazione Paradiso sono davvero ciò che sembrano.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fondazione Paradiso 2016-09-26 09:32:54 Pelizzari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    26 Settembre, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Donne in fuga

Annika è una giornalista. Aida è una fuggitiva. Rebecka è una salvatrice. Questo thriller ha un focus speciale sulle donne ed ha un ritmo veloce e brioso. Racconta la storia di una fondazione che ha lo scopo di proteggere le persone che sono perseguitate, nascondendole, rendendole invisibili. Rebecka ne è l’ideatrice. Aida se ne avvale. Annika conduce l’inchiesta. Ed alla fine si scopre che non tutto è come sembrava all’inizio. La storia è buona ed il ritmo è dettato anche dalla frenesia del mondo del giornalismo, che su di me esercita sempre il suo grande fascino. Molto interessanti sono anche le parti più lontane dalla storia, da cui però emergono i lati più personali di Annika, il suo carattere, le sue fragilità, le sue emozioni private, soprattutto nel rapporto con la nonna e con la madre. Altre due comparse, femminili, che danno a questa storia dai colori giallo e nero pennellate di rosa e di bianco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri