Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Gli anagrammi di Varsavia
 

Gli anagrammi di Varsavia Gli anagrammi di Varsavia

Gli anagrammi di Varsavia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Gli anagrammi di Varsavia, romanzo di Richard Zimler edito da Piemme. Varsavia, 1941. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua statura era uno dei passatempi con cui lui e il prozio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell’isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all’alba di un giorno d’inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra.La lotta quotidiana per la sopravvivenza non lascia il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l’orrore è all’ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari può celarsi la verità. E la sua ricerca diventa l’unica ragione d’essere per Erik Cohen, prozio di Adam nonché ex psichiatra nella precedente vita da uomo libero, ora tormentato dal senso di colpa. Quando Adam è scomparso, infatti, era sotto la sua tutela; è stato lui a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e gli avessero chiesto di negoziare un trattato di pace.Guidato da enigmatici indizi rinvenuti addosso ai cadaveri e da anagrammi che lo introducono in un mondo sotterraneo di contrabbandieri e collaborazionisti, l’uomo inizia un’indagine personale. Non avrà pace finché non avrà compiuto la sua vendetta. Non avrà giustizia finché non sarà certo che la memoria dell’accaduto sarà tramandata nel tempo.

Nato a New York nel 1956, Richard Zimler è laureato in Religioni comparate e ha conseguito un master in giornalismo alla Stanford University. Dal 1990 vive in Portogallo, dove ha insegnato giornalismo per sedici anni all’Università di Porto. Firma articoli per il «Los Angeles Times»; ha scritto romanzi, racconti e libri per ragazzi. Autore bestseller, è tradotto in oltre venti lingue e ha vinto numerosi premi letterari a livello internazionale.Gli anagrammi di Varsavia è stato nominato Libro dell’anno dalla rivista «Ler», selezionato tra i venti migliori libri dell’ultimo decennio dal quotidiano «Público», e insignito del premio Marquês de Ouro, assegnato da studenti e insegnanti delle scuole secondarie portoghesi. Amato dai lettori e dalla critica, è un romanzo che «merita un posto tra le opere più importanti della letteratura sull’Olocausto» («San Francisco Chronicle»).

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli anagrammi di Varsavia 2012-04-05 08:05:46 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    05 Aprile, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Gli anagrammi di Varsavia" di Richard Zimler - Il

Un romanzo che scuote l’animo, perché il protagonista, lo psichiatra Erik Cohen, porta a galla, insieme ai responsabili di alcuni infanticidi, il senso di colpa che l’umanità ha nei confronti di se stessa.
Epoca storica: 1941
Fatti narrati: le persecuzioni tedesche degli ebrei. L’olocausto.
Ambientazione: Varsavia. Nel ghetto di Varsavia.
Eric è uno psichiatra. Suo nipotino Adam viene ritrovato ucciso sul filo spinato che separa il ghetto dall’altra parte della città. Nudo e con la gamba destra amputata sotto al ginocchio. Il delitto viene ricollegato a quello di Anna, quindici anni, ritrovata alle stesse modalità e con una mano amputata. E a quello di un altro bambino, Greg, al quale è stata asportata la pelle sull’anca.
Erik risolverà il mistero di questi delitti orrendi, mantenendo una promessa che ha fatto a se stesso e alla madre di Adam, sua nipote Stefa, suicida dopo l’assassinio del figlioletto.
Ritengo che quest’opera sia unica per diversi motivi.
Per le descrizioni di una Varsavia gelida e del suo ghetto: dei traffici e delle relazioni umane e disumane che vi si instaurano (“… nel ghetto malattia e fame si portavano via un centinaio di persone al giorno ...”)
Per la rappresentazione del vuoto e del dolore che si viene a creare in seguito alla morte di un essere umano in generale, di un bambino in particolare (“Al funerale di un bambino la terra si apre sotto i nostri piedi e noi precipitiamo, senza opporre resistenza, mentre l’oscurità ci stringe fra le sue braccia accoglienti, perché è impossibile immaginare che un bambino o una bambina siano mandati sottoterra soli e nudi.”).
Per l’imbarazzante ritratto della follia e della crudeltà umana (“La crudeltà gratuita … Bisogna ammettere che non è priva di ricercatezze, e i nazisti l’avevano elevata a livello di filosofia”).
Un capolavoro che lascia sgomenti, destinato:
a chi non vuole dimenticare;
a chi ama scavare nella psicologia di situazioni estreme;
a chi ritiene che il passato possa servire a non commettere altri errori analoghi;
a chi si immedesima in un romanzo al punto da soffrire intimamente, quasi sul piano fisico, insieme ai protagonisti;
a chi possiede la consapevolezza che, purtroppo, certe orribili tragedie non sono soltanto frutto della fantasia di un romanziere. Come …

… Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi desidera tener viva "la memoria"
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri