Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Gli uccelli e altri racconti
 

Gli uccelli e altri racconti Gli uccelli e altri racconti

Gli uccelli e altri racconti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Reso immortale da Hitchcock grazie al suo indimenticabile film, Gli uccelli è ormai divenuto un classico della letteratura horror mondiale. Le altre cinque, agghiaccianti storie contenute in questa antologia si fanno beffe della volontà di dominio sulla natura da parte dell'uomo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli uccelli e altri racconti 2017-09-06 13:13:28 SARY
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
SARY Opinione inserita da SARY    06 Settembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Racconti

Brevi viaggi inquietanti fra paranormale e fantascienza.
Misteri che instillano palpitazioni e sgomento seminando interrogativi.
La mancanza di soluzione logica e di un epilogo definitivo lascia il lettore frustrato e in preda a deduzioni spingendolo a visioni macabre; egli attende speranzoso il lieto fine, ma il cattivo presentimento già urla vittoria.
Si individuano tra le pagine impronte di colpa e umana ed in generale spicca la piccolezza dell’essere umano.
Una penna elegante e raffinata, traccia scenari dai toni sfumati. L’autrice merita per stile e contenuto un posto d’onore accanto ad Arthur Conan Doyle ed Edgar Allan Poe. L’entrata in scena non è fragorosa (spari, esplosioni, urla, sirene, volgarità sono banditi) è più una narrazione in punta di piedi.
Concludendo, una lettura consigliata.

“Gli occhi fermi in quella faccia gonfia mi fissavano ma erano anche i miei, tali e quali li avrei visti in brevi riflessi in uno specchio. Parevano contenere nella loro profondità tutta la conoscenza e tutta la disperazione.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Gli uccelli e altri racconti 2014-06-13 05:48:35 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    13 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Birds & birds & birds

Dal primo di questi racconti (“Gli uccelli”) trasse ispirazione Alfred Hitchcock per i “Birds” del suo film cult. Lo spunto della tensione è il medesimo, ma la storia che Hitchcock impianta sull’atmosfera di terrore e minaccia mutuata dall’idea di Daphne Du Maurier è completamente diversa.

Il racconto ha infatti un plot piuttosto elementare, perché narra come Nat affronta gli inquietanti stormi dei volatili assassini con la moglie e i figlioletti Jill e Johnny.
Dapprima è soltanto osservazione di abitudini stanziali (“i rituali della loro vita non tolleravano ritardi”) o migratorie (“arrivavano sulla penisola a grossi stormi, irrequieti, agitati, consumando le energie nel continuo movimento”). Poi le pagine s’imbrattano di macchie (“bianchi e neri, gabbiani e cornacchie si mescolavano in starne amicizie, in cerca di una specie di liberazione, mai soddisfatti, mai fermi”) e di forme (“beccacce di mare, pettegole, piovanelli e chiurli erano appostati sulla battigia”) al ritmo incalzante (“gli uccelli erano stati più irrequieti che mai quell’anno e la loro agitazione era più evidente perché le giornate erano tranquille”) di una minaccia che diventa sempre più concreta (“ci sono in giro più uccelli del solito, me ne sono accorto anch’io”), sempre più misteriosa nelle cause (“è colpa del tempo, dev’esser così, è colpa del brutto tempo”) e cupa nelle tonalità (“erano i gabbiani a oscurare il cielo ed erano silenziosi, non emettevano un solo verso”).
Di fronte a un’occulta forza naturale, l’uomo è piccolo piccolo con le sue strategie prima supponenti (“Perché non si ferma qui e si unisce alla battuta di caccia?”), ben presto difensive (“decise di portare gli uccelli alla spiaggia e di seppellirli là”), poi di rassegnata resa (“ovunque volgesse lo sguardo vedeva uccelli morti”), infine di disperata sussistenza (“Nat prestò ascolto al rumore del legno ridotto in schegge e si domandò quanti milioni di anni di memoria fossero rinchiusi in quei cervellini, dietro quei becchi appuntiti, quegli occhi penetranti, e che ora alimentavano l’istinto di distruggere l’umanità con l’abile precisione delle macchine”).

Anche il secondo racconto (“Monte verità”) ha un’atmosfera di sospensione e minaccia in una connotazione mistica (“Questa calma, non saprei come altrimenti chiamarla, proveniva da una profondità interiore e gettava su tutta la casa una specie di incantesimo”) se non addirittura esoterica (“A un tratto mi tornarono in mente leggende di tempi remotissimi, storie di druidi, di massacri, di sacrifici umani”). Con ritmo lento, quasi esasperante, scorre la storia d’amore tra narratore e Anna, moglie dell’amico di sempre Victor: tre appassionati di montagna (“L’impulso ad arrampicarsi non potrà mai essere spiegato”) legati dal filo di una storia inquietante (“Dopo tutto siamo alla ricerca della stessa cosa”) di misteriosa sparizione...

A mio parere, questo libro è unicamente “Uccelli”, cinquanta pagine circa alle quali dedico le mie valutazioni.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri