Icona Icona

Icona

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Russia, 1999: le elezioni sono vicine e Igor Komarov, leader delle destre, sipresenta come l'unico capace di ridare grandezza al suo paese, un'icona umanaper il popolo russo. Ma un documento rubato dalla sua scrivania fa impallidirechi, in Occidente, ha modo di leggerlo. Se il Manifesto Nero è autentico,quell'uomo è un nuovo Hitler. Ufficialmente le potenze occidentali non possonofar nulla. Il compito di fermare Komarov è così affidato a Jason Monk, exagente Cia che ha già combattuto il Kgb. Tornando nella città che avevagiurato di non rivedere mai più, Monk deve affrontare Ames, l'uomo che tradìi suoi amici, e il Colonnello Grishin che li fece uccidere. Ma soprattutto,deve trovare il modo di uscire vivo dallo scontro scatenatosi nel Cremlino.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Icona 2011-06-15 07:39:23 dmcgianluca
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
dmcgianluca Opinione inserita da dmcgianluca    15 Giugno, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sufficiente

Al contrario di altri romanzi di Forsyth questo non ha la solita indiscutibile verosimiglianza. Abbastanza credibile direi, ma non stucchevole. Si tratta comunque di un ottimo racconto in cui non ci si perde certo in chiacchiere e la lettura scorre veloce. Nella prima parte del romanzo ci si deve adattare all'alternarsi frequente di due piani temporali distinti, uno prima della caduta del muro ed uno dopo. Verso la metà il primo racconto nel racconto raggiunge rapidamente il secondo e poi la storia procede lineare. E' il finale che non mi ha convinto... boh ?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri