Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Il cappotto della macellaia
 

Il cappotto della macellaia Il cappotto della macellaia

Il cappotto della macellaia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Pagnottina era isolata dal mondo esterno da tre giorni, questa volta sul serio. La punizione di Dio per aver infranto uno dei peccati capitali. Ma a Pagnottina il peccato di gola non poteva fregar di meno. Per una bella bistecca con purea avrebbe consegnato la sua anima al diavolo. "Mi chiamo Lilia Carlota Lorenzo, sono argentina. Ho una laurea in architettura che mi è servita solo per fare bella figura. Adoro l'ozio, ma non è colpa mia se sono nata in Sudamerica. Nella mia vita ho cambiato trentatré indirizzi, fatto i mestieri più disparati, vissuto in alberghi di lusso, topaie di infima categoriai. Ho frequentato gli indios del Chaco ma anche gli smorfiosi radical chic europei. Questo mi ha molto arricchita. Adesso non esco più di casa, e ho solo amici virtuali. Di tutti i mestieri che ho fatto, scrivere è senza dubbio il più divertente: niente male come compagno della vecchiaia che si avvicina."

Recensione della Redazione QLibri

 
Il cappotto della macellaia 2016-06-02 19:10:14 Vita93
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    02 Giugno, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alea iacta est

Uno dei mezzi moderni più rapidi che ha a disposizione un aspirante scrittore per farsi conoscere è il cosiddetto self-publishing, una realtà in crescita costante che a fronte di milioni di volenterosi sconosciuti praticanti, ha permesso di emergere ad autori come Amanda Hocking, Hugh Howey e la celebre E.L. James di “ Cinquanta sfumature di grigio “.
E poi c’ è “ Il cappotto della macellaia “, un romanzo a tinte noir scritto dall’ argentina Lilia Carlota Lorenzo che ha raggiunto vette tali in termini di vendite derivanti dal self-publishing da non poter non attirare l’ attenzione delle grandi case editrici.

Questo simpatico libro, ambientato nel 1943 in un minuscolo paese della pampa argentina, ha preso spunto da un fatto di sangue realmente accaduto e che l’ autrice ha curiosamente appreso dalla madre e dalla nonna che erano solite frequentare la località.

Palo Santo. 207 abitanti. Tutti sanno tutto di tutti.
Un paese tanto striminzito quanto autosufficiente. Gli abitanti hanno una strada, un emporio, una parrucchiera, una merciaia affascinante e audace, un bel macellaio con a carico una figlia ingorda e una moglie superba, una sarta, uno sfaticato cacciatore, una scuola, un barbiere in pensione e una telefonista che fanno a gara quanto a pettegolezzi.
Ognuno convinto che la vita avrebbe potuto servirgli un mazzo di carte migliori.
Ma questo “ non impedisce agli abitanti di sentirsi come se vivessero all’ ombelico del mondo. Non se ne andrebbero mai “.
Certo non se ne andrebbero ora che sta per avvicinarsi la data di un matrimonio, uno dei pochi eventi capace di spezzare la monotona routine di Palo Santo.

Il testo sorprende per la vivacità di uno stile ironico e grottesco, con una genuina dose di cattiveria e scurrilità necessarie a tratteggiare una schiera di comparse universalmente negative.

E’ curioso paragonare le dinamiche sociali tra i personaggi, costretti dal destino e dalla geografia ad una convivenza forzata in un luogo ristretto, a tutte quelle situazioni che ci vedono protagonisti di microcosmi siano essi una classe o un ambiente lavorativo dove incomprensioni, insoddisfazioni e gelosie hanno spesso la meglio sul quieto vivere.

“ Il cappotto della macellaia “ è un testo da affrontare con intelligente leggerezza e divertimento, lo stesso divertimento che penso abbia accompagnato la brava Lilia Carlota Lorenzo nel definire figure tanto bizzarre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri