Il circo maledetto Il circo maledetto

Il circo maledetto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Corney Sage, comico, ballerino e cantante, ha appena finito il suo numero quando, all'uscita del teatro, si imbatte nel corpo senza vita di una giovane donna e intravede l'assassino darsi alla fuga. Anche l'attrice Lucy Strong ha visto tutto, e quando quella sera stessa il colpevole torna sul luogo del delitto, Lucy e Corney capiscono che le loro vite sono in pericolo. Per mettersi in salvo decidono di abbandonare Londra e separarsi, tenendosi in contatto soltanto attraverso dei messaggi in codice su un giornale di annunci economici. Ma l'assassino è sulle loro tracce, ed è un vero mago dei travestimenti. Dai salotti dell'alta società allo squallore dei bordelli, dalle tavole dei palcoscenici alle arene dei circhi, Il circo maledetto è un avvincente thriller psicologico incastonato in un esaltante ritratto di una Londra vittoriana cinica, oscura, ambigua, mai vista prima.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.7
Stile 
 
2.8  (4)
Contenuto 
 
3.0  (4)
Piacevolezza 
 
2.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il circo maledetto 2018-10-08 13:15:28 Liebestraum
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Liebestraum Opinione inserita da Liebestraum    08 Ottobre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo sopravvalutato

La storia racconta di Corney Sage, (comico, ballerino e cantante) si imbatte nel corpo senza vita di Bessie, intravedendone l'assassino. Anche l'attrice Lucy Strong ha visto tutto, e quando quella sera stessa il colpevole torna sul luogo del delitto, Lucy e Corney capiscono che le loro vite sono in pericolo.
Da qui inizia un racconto a più voci che conduce, a tratti stancamente, il lettore sino all'epilogo.
La storia si muove sullo sfondo dell'Inghilterra Vittoriana che viene ampiamente descritta, senza tuttavia riuscire ad essere sufficientemente delineata.
I personaggi, a parte Corney, sono tutti poco tratteggiati. Lo stesso protagonista negativo, in fondo, non riesce ad emergere con sufficiente individualità dalle pastoie di una narrazione a tratti contorta.
Il romanzo, peraltro, parte molto lentamente, si velocizza a metà, e poi si trascina, quasi stancamente verso un finale per certi versi imprevedibile, ma grottesco.
Non è una lettura determinante.
Non consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il circo maledetto 2014-06-09 13:23:55 AlexisKami
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
AlexisKami Opinione inserita da AlexisKami    09 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Corney Sage

Iniziamo con le cose positive di questo libro: viene rappresentata molto bene l'inghilterra vittoriana, quella però del suo lato cupo, fatto di prostitute picchiate dai clienti, locali fumosi, ingaggi poco remunerativi e bambini abbandonati sui gradini freddi.
Ci si immerge in queste atmosfere in modo molto vivido, Whitechapel viene descritta come abbiamo spesso visto nei film o serie tv dedicate a Jack lo Squartatore, buia, umida, violenta.
E anche qui una prostituta di nome Bessie viene uccisa in questo quartiere.
Purtroppo Lucy, una sua amica, e Corney Sage, il protagonista, vedono l'assassino e trovano il corpo martoriato, perchè Bessie è stata uccisa a calci. A questo punto i due devono separarsi e cercare di rimanere in vita, perchè l'assassino li sta cercando.
I capitoli vengono infatti narrati in prima persona alternativamente da Corney e dall'assassino.
Le noti dolenti: innanzittutto il fatto che l'assassino venga svelato nel terzo capitolo. Si perde tutta la sfida, degna di un giallo, di riuscire a capire chi è. E' lui stesso infatti a raccontarci cosa è accaduto, dopo che l'aveva fatto Corney, così abbiamo l'omicidio visto da due punti di vista.
Avvengono molti colpi di scena, alcuni abbastanza clamorosi, ma il linguaggio a volte è molto crudo e scurrile, forse per adeguarsi al livello dei personaggi, non certo nobili o di una classe sociale elevata.
Dalla metà in poi il libro perde molto secondo me, vengono inseriti molti personaggi, ma sembra che i due testimoni si siano quasi dimenticati che l'assassino è sulle loro tracce, e a volte sembra che anche quest'ultimo se ne sia dimenticato.
Il finale delude abbastanza, è piuttosto abbozzato anche questo.
Io poi, nei capitoli narrati da Corney, ho trovato pesante il continuo cambio di tempi verbali: una frase in presente e una in passato remoto, non so se sia volontario o un errore, ma a volte i capitoli, specie all'inizio, sembrano scritti da due autori differenti, e questo non aiuta la lettura.
A meno che non amiate l'ambientazione alla follia, non mi sento di consigliarlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il circo maledetto 2012-10-28 18:05:39 LittleDorrit
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    28 Ottobre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il vicolo degli orrori

"Permettetemi di presentarvi un omicidio"

Nel quartiere di Whitechapel a Londra c'è il Costellation Concert Room gestito da Mr. Pickuls e consorte. Siamo in pieno periodo vittoriano.
Il Costellation è un locale di spettacoli teatrali e donnine allegre che intrattengono clienti facoltosi assecondandone i capricci e subendone i vizi.
Corney Sage, bizzarro artista nonché protagonista della storia, viene ingaggiato per lo spettacolo.
Una sera, uscendo sul retro del locale immerso in un vicolo buio e sudicio (spinto da un impellente bisogno fisiologico), assiste ad una scena che sarà preludio di un brutale omicidio.
Bessie, una delle ragazze della compagnia, verrà, di lì a poco, uccisa e sfigurata selvaggiamente da un misterioso uomo della buona società e gli unici testimoni (naturalmente involontari) saranno Corney e l'amica di Bessie, Lucy. I due si troveranno invischiati in una storia torbida e a tinte noir; l'assassino è sulle loro tracce e per restare vivi devono separarsi. Inizia un'avventura costellata di situazioni equivoche e colpi di scena.
Il romanzo d'esordio scritto da Ann Featherstone, docente di storia del teatro a Manchester e Londra, non sguinzaglia l'effetto sorpresa tipico del giallo a causa dell'utilizzo del punto di vista narrativo alternato tra il protagonista e l'antagonista/assassino. La conoscenza dell'identità del criminale da parte del lettore avviene da subito e questa scelta della scrittrice può risultare azzardata. Il romanzo, nonostante questo, risulta godibile e in alcuni capitoli anche appassionante. Non mancano i colpi di scena, le descrizioni minuziose e la caratterizzazione dei personaggi; inoltre, la passione della scrittrice per il teatro e il periodo vittoriano trapela da ogni parte. Un buon esordio, senza troppe pretese, per gli amanti dei gialli d'ambientazione ottocentesca con impostazione moderna.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gialli e noir vecchio stampo
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il circo maledetto 2011-06-27 17:35:41 Lady Aileen
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    27 Giugno, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Manca qualcosa

E' senza dubbio un romanzo con molti pregi ma manca quel qualcosa che lo renda un thriller mozzafiato.
L'aspetto incredibile ed estremamente interessante é la ricostruzione accurata e dettagliata dell'epoca vittoriana. E' così vivida che sembra di essere lì e non c'è da stupirsene considerato che l'autrice ha scritto numerosi saggi sull'intrattenimento e gli spettacoli in epoca vittoriana.
Una grande varietà di personaggi (gente dello spettacolo, ricchi viziati, povera gente e prostitute) con una caratterizzazione apprezabile.
Anche lo stile é molto particolare: scritto in prima persona ma il punto di vista si alterna tra Sage Corney (la parte predominante) e l'assassino. Purtroppo la vera identità di quest'ultimo é palese al lettore sin dalle prime pagine e così addio effetto sorpresa ma non mancano colpi di scena inaspettati (il danno ormai é fatto).
Non é molto scorrevole e il finale non mi ha soddisfatto pienamente però la copertina e il formato sono uno spettacolo.
Darò un'altra opportunità all'autrice essendo questa un'opera prima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stanza della tessitrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Mio fratello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leone
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fate il vostro gioco
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Matrigna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri