Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Il discepolo. Le cronache di Sebastian Bergman
 

Il discepolo. Le cronache di Sebastian Bergman Il discepolo. Le cronache di Sebastian Bergman

Il discepolo. Le cronache di Sebastian Bergman

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Quattro donne uccise esattamente come le vittime di un serial killer che sta scontando l'ergastolo. Donne diverse per età, aspetto fisico, estrazione sociale. Donne che non hanno nulla in comune, a parte Sebastian Bergman. Torna lo psicologo e profiler più spiazzante e politicamente scorretto del thriller contemporaneo, in una storia mozzafiato di vendetta e colpa. Il discepolo è il secondo romanzo delle Cronache di Sebastian Bergman. Edward Hinde è stato uno dei piú temibili serial killer degli anni Novanta. Ora, grazie a Sebastian Bergman, è rinchiuso nel penitenziario di Lövhaga. Hinde uccideva seguendo precise modalità, le stesse usate per le tre donne rinvenute sgozzate negli ultimi mesi. Un copycat, dunque, un assassino che ne emula un altro e sceglie le proprie vittime secondo un criterio che viene alla luce soltanto dopo un quarto delitto: tutte sono state amanti di Sebastian Bergman. Nonostante l'angoscia e i sensi di colpa che lo attanagliano Sebastian non ha dubbi: il copycat è guidato da Hinde. È Hinde che, manipolando il «discepolo», scrive la trama della propria vendetta contro l'uomo che l'ha mandato in carcere. Ma come fa? Per rispondere a queste domande Sebastian dovrà mettere in gioco la propria vita e, ancor peggio, la vita della figlia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il discepolo. Le cronache di Sebastian Bergman 2013-10-02 11:44:47 Ero10
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Ero10 Opinione inserita da Ero10    02 Ottobre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il discepolo

Premetto che la mia opinione è influenzata (e lo ammetto) dal fatto di non aver letto i romanzi precedenti di questa serie e quindi di aver perso molti collegamenti.
Siamo di fronte agli atti criminosi di un serial killer che uccide quattro donne, tutte accomunate dall'aver avuto una relazione con Sebastian Bergman, profiler abilissimo ad entrare nella mente dei serial killer più pericolosi. Ma ora Sebastian è un uomo in piena crisi umana e lavorativa e questo influisce pesantemente sul caso. Quattordici anni prima Bergman ha contribuito a catturare Edward Hinde, pericoloso omicida, ma ora, benchè HInde sia rinchiuso in un carcere di massima sicurezza, si ripetono delitti che rimandano sicuramente a lui. Detto questo, la parola che mi viene alla mente per questo romanzo è "insopportabile". Per una lunghezza spropositata (660 pagine) i poliziotti e il profiler passano il tempo a odiarsi e farsi del male facendo delle indagini che fanno acqua da tutte le parti. Il profiler alla fine non fa nessun profilo, ma solo delle domande al Discepolo (peraltro catturato più che altro per caso) e usando la tattica che avrebbe potuto utilizzare ogni poliziotto appena uscito dall'accademia. Per rendere il tutto migliore, l'autore avrebbe prima di tutto dovuto sforbiciare il romanzo e sbrigarsela in un terzo della lunghezza, poi avrebbe dovuto insistere di più sulla psicologia sia di Hinde che del Discepolo lasciando perdere gran parte dei risentimenti personali. Un'ultima cosa: i responsabili del carcere di massima sicurezza fanno davvero una figura ridicola in tutti i sensi. Per concludere: non ho letto il prequel e non lo leggerò, ma non leggerò nemmeno il seguito. Un'ultima notazione: l'amante di Sebastian, Ellinor è talmente insulsa ed inutile, una sciocca tale che quasi quasi ti auguri diventi vittima del serial killer. Peccato sia sfuggita.....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri