Il giardino delle rose Il giardino delle rose

Il giardino delle rose

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Sono passati quattro mesi dall'esplosione che ha distrutto il Giardino delle Farfalle; il luogo dove alcune giovani donne erano tenute prigioniere per soddisfare i brutali impulsi sessuali del “Giardiniere” che le rapiva, le tatuava sulla schiena con le ali dei lepidotteri e, poi le uccideva al compimento del diciottesimo anno di età. Gli agenti dell'FBI devono ancora fare i conti con le conseguenze del tragico episodio, In particolare aiutare le sopravvissute a ricostruirsi una vita dopo il trauma e, purtroppo, talvolta, andare ai funerali di coloro che, invece, non ce l’hanno fatta a sopportare lo strazio ed hanno deciso di abbreviare le loro sofferenze col suicidio. L’inverno sta per volgere al termine e per gli agenti l’arrivo della primavera significa anche il ritorno di un incubo che perdura da troppi anni. Nel periodo pasquale da sedici anni vengono ritrovate delle giovani donne morte, sempre all'interno di una chiesa, sempre con uno squarcio al'’altezza della gola e il corpo, nudo, interamente circondato da fiori. La sorella di Priya è stata una delle prime vittime. Adesso Priya e sua madre vivono da fuggiasche, spostandosi di continuo alla ricerca di un nuovo inizio. Ma quando la ragazza finisce nel mirino del maniaco, il lavoro degli agenti per proteggerla diventa una drammatica corsa contro il tempo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il giardino delle rose 2018-10-16 08:47:37 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    16 Ottobre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Priya e le rose bianche di maggio.

Gli agenti speciali Vic Hanoverian, Brandon Eddinson e Mercedes Ramirez, il terzetto di investigatori FBI che ha risolto lo straziante caso del Giardiniere e del suo Giardino delle Farfalle, sono ancora alle prese con gli strascichi dell’indagine. Devono raccogliere tutte le prove e la documentazione necessarie alla pubblica accusa per istruire e blindare il processo in modo inattaccabile. Ma debbono pure trasmettere forza e sicurezza alle ragazze farfalla sopravvissute all'esplosione finale e, purtroppo, accompagnare all'ultimo riposo coloro che, nonostante tutto, non ce l’hanno fatta a superare il trauma e si sono suicidate.
Malauguratamente il modo del crimine non si arresta ed il terzetto di Quantico ha un altro caso per le mani su cui indaga da anni senza giungere ad una soluzione.
Negli ultimi sedici anni si ripete con angosciante regolarità lo stesso macabro rituale ogni primavera. Durante il pieno fulgore della stagione viene rinvenuta entro una chiesa una ragazza nuda con la gola tagliata, i vestiti diligentemente ripiegati, il corpo composto, circondato da fiori sempre diversi per tipologia, ma sempre collocati attorno al cadavere con studiata cura.
Priya Sravasti, una caparbia e risoluta diciassettenne di origini indiane, trovò così il corpo della sorella Chavi cinque anni fa. Da allora Eddison l’ha presa quasi sotto tutela, forse perché gli ricorda la sorellina misteriosamente scomparsa. È costantemente in contatto con lei per evitarle crolli psicologici. Mentre Priya e sua madre Deshani (unica sopravvissuta alla tragedia) sono costrette a spostarsi continuamente di città in città per sfuggire al killer, Brandon continua a dedicare ogni momento disponibile allo studio di quei sedici casi irrisolti.
Improvvisamente gli eventi subiscono una minacciosa accelerazione: Priya comincia a trovare davanti all'uscio di casa mazzi di fiori nella medesima sequenza in cui sono stati deposti sui cadaveri delle altre ragazze. Viene posta sotto sorveglianza l’abitazione, ma, nonostante gli sforzi, l’identità del serial killer rimane ignota e ormai sono stati recapitati tutti e sedici i bouquet…

“Il Giardino delle Farfalle” è uno dei più sconvolgenti thriller che io abbia mai letto. L’A., Dot Hutchison, nonostante fosse al suo esordio, è riuscita a narrare, con una tecnica ed una abilità da veterana, quelle vicende agghiaccianti in modo mirabile catturando l’attenzione del lettore in un climax spasmodico. Lo stile coinvolgente e mai banale ha dato vita ad un capolavoro ineguagliabile.
Proprio per questo motivo, avvicinandomi a questo secondo volume della trilogia dei Collezionisti, ero pieno di aspettative, ma anche di timori. Era forte il desiderio di incontrare nuovamente la prosa efficacissima dell’A. pur nel timore di riaffrontare quella morta gora oppressiva, quell'atmosfera cupa e minacciosa che pervadeva tutto il romanzo d’esordio e che si appiccicava in modo sinistro al lettore.
Tuttavia c’era anche la preoccupazione di restare deluso da qualcosa al di sotto delle pretese, ad un seguito inferiore per qualità e tematiche, giacché il primo volume aveva raggiunto vette difficilmente eguagliabili.
Il Giardino delle Rose mi ha piacevolmente sorpreso. Mi aspettavo un romanzo giocato sui medesimi temi e con i medesimi meccanismi narrativi del precedente. Invece, con un coraggio a dir poco temerario, ma encomiabile, l’A. reinventa sé stessa e muta completamente lo stile. Nelle “Farfalle”, la storia era tutta narrata al passato, con ritmi lenti, ossessivi e tortuosi, al seguito dei ricordi incerti e mescolati di Inara (una delle sopravvissute). Era attraverso le sue parole strazianti che ci si calava nel cupo labirinto di terrore e brutalità del Giardino, reso ancor più terrifico dal tanto non detto, ma meramente accennato, suggerito, lasciato all'immaginazione del lettore con un sapiente gioco psicologico.
In questo romanzo, invece, tutto è palese, tutto è mostrato senza pudori. Anche il colpevole, in fondo, è relativamente facile da intuire.
I veri protagonisti di questa storia sono i sentimenti dei protagonisti che vengono accuratamente descritti, analizzati, sviscerati con paziente dedizione. Da notare, con ammirazione, come l’A. si curi di riprendere in mano anche la vita dei personaggi della storia precedente per mostrare che, con la parola fine, non cessano i traumi e le ansie: nella vita reale per le vittime non esiste un “happy end” che risolve tutto l’insoluto e dischiude orizzonti di pace e tranquillità. Il passato è sempre presente in noi e torna ad angosciarci, a tormentare i nostri ricordi.
La narrazione, così, ci mostra quattro mesi di vita di Priya, ma anche il difficile “dopo” di Inara e Bliss e lo strazio professionale degli agenti consapevoli della loro impotenza ed inadeguatezza nel risolvere quelle inchieste che sono anche casi umani.
Le sensazioni di Priya sono analizzate dalla stessa, in prima persona, con onesta sincerità. I crimini precedenti sono descritti senza reticenze, ma anche senza un sadico indulgere sui particolari. Il lavoro investigativo è seguito minuziosamente in contemporanea con i detectives.
Il pathos, la tensione sono instillati con puntualità, in questa gara contro il tempo nella quale il timer è nelle mani dell’assassino il quale, solo, può stabilire i ritmi con cui procedere.
Il personaggio di Priya è splendido, terribilmente umano e terribilmente realistico, con i suoi crolli psicologici e le alzate d’orgoglio e fermezza d’animo. Pur con la mente tormentata dagli atroci ricordi (la scoperta del cadavere della sorella, di quello del padre suicida per dolore, la morte dell’amica, vittima “collaterale” del maniaco), ci svela una personalità notevolissima, ammirevole ed invidiabile.
Ma anche gli altri protagonisti vengono descritti e studiati con cura ed intelligenza: la mamma Deshani, granitica, che si erge a baluardo della ragazzina, contro tutto e contro tutti; l’agente Eddison che ci mostra come, dietro al distintivo, esista il suo lato umano, paterno e affettuoso, in continua apprensione per le sorti di Priya di cui si sente intimamente responsabile; Inara e Bliss, le vittime del Giardiniere, preda spesso della loro furia contro il mondo, ma fermamente intenzionate a farcela.
Insomma si tratta di un ottimo romanzo nel quale se anche non si raggiungono le vette de “Il Giardino delle Farfalle” si confermano le grandi doti di narratrice della Hutchison.
-----------------------

Una postilla per l’angolo del pignolo. Una critica all'editore: per conservare un collegamento con il primo romanzo ha ritenuto di intitolare questo, in modo incongruo, “il Giardino delle Rose” quando, invece, non esiste alcun giardino e le rose appaiono solo nel finale da mere comparse. Il titolo originale “The Roses of May” (Le Rose di Maggio) aveva una forza evocativa e minatoria ben più efficace e precisa.
Una critica alla traduzione: nel primo romanzo l’amica di Inara era stata rinominata Felicia, mentre in questo conserva il nome originale (Bliss che significa, appunto, gioia, felicità). Questa incongruità determina un po’ di confusione, dal momento che le storie si innestano l’una nell'altra.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Caldamente consigliato a chi ha amato "Il Giardino delle Farfalle", ma anche a tutti coloro che desiderano leggere un thriller intelligente e ben scritto, nel quale i sentimenti la fanno da padroni.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La prigione della monaca senza volto
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco letale
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri