Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Il mistero della signora scomparsa
 

Il mistero della signora scomparsa Il mistero della signora scomparsa

Il mistero della signora scomparsa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

E' il celebre romanzo da cui nel 1983 Hitchcock trasse il film La signora scompare. Nel 1979 il regista Anthony Page ne ha realizzata un remake dal titolo Il mistero della signora scomparsa.In un treno in viaggio attraverso l'Europa la giovane Iris Carr stringe un'occasionale amicizia con la signorina Froy, una zitella inglese che la circonda di attenzioni... Ma quando Iris si risveglia da un breve sonnellino scopre che la signorina Froy è scomparsa. Nessuno degli altri passeggeri vuole ammettere di averla mai vista: Iris ha avuto un'allucinazione, oppure tutti i viaggiatori sono complici di un'assurda e terribile congiura?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il mistero della signora scomparsa 2022-02-08 16:11:43 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    08 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che fine ha fatto la signorina Froy?

Anni ’30; Iris Carr è una ragazza inglese troppo ricca e troppo presa da sé stessa per curarsi del suo prossimo. Circondata da un gruppo di amici, più interessati a sfruttare i suoi soldi che a darle una vera solidarietà, sta conducendo una vacanza abbastanza dissoluta in montagna, in una non meglio precisata località dell’Europa orientale. I pochi altri turisti britannici evitano la chiassosa e turbolenta combriccola e sono lieti quando, finalmente, questa decide di levare le tende e tornarsene a casa. Iris, però, ha litigato con una delle altre donne del gruppetto, che l’ha accusata di averle “rubato” il marito, quindi si stacca da loro e ritarda di un giorno la partenza.
Quando finalmente si trova in stazione, una serie di contrattempi la fanno precipitare in uno stato di completa agitazione. Innanzi tutto, mentre attende l’arrivo del convoglio, un malore, forse un colpo di sole, le fa perdere i sensi. Poi, si trova improvvisamente schiacciata in un treno affollatissimo di gente di cui non capisce nemmeno una sillaba di quanto dicono, infine si siede in uno scompartimento in cui gli altri occupanti la squadrano con aria truce.
Fortunatamente, proprio davanti a lei, c’è una strana signora di mezz’età, infagottata in un vestito di tweed, che si rivela essere una governante inglese che sta facendo ritorno a casa dopo un anno trascorso in quei luoghi. La signorina Froy, così si chiama, prende Iris sotto la sua ala protettrice e la copre di attenzioni, sin troppe, per i gusti della ragazza. Così, quando lei si risveglia dal sonnellino fatto per smaltire i postumi del malore e non se la vede davanti, è felice per la tregua concessale. Però la signorina Froy non ricompare neppure in seguito. Iris comincia a essere seriamente preoccupata: cosa le è accaduto? Comincia a indagare, ma nessuno sembra ricordarsi di quella donnina, neppure i turisti inglesi che stanno viaggiando assieme a lei e che, a giudizio di Iris, sicuramente avevano avuto dei contatti con la donna. Possibile che il “colpo di sole” le abbia fatto venire le allucinazioni? Che si sia sognata tutto? È mai esistita la signorina Froy? Inizia così un incubo terribile che rischierà di far impazzire Iris in lotta contro tutti gli altri.

Il romanzo della White, a volte titolato “La signora scompare”, è un classico del genere, un piccolo capolavoro che ha fatto epoca. Del resto se un maestro del thriller come Alfred Hitchcock decise di trarne uno dei suoi memorabili film una ragione c’è. La tensione psicologica si accresce di pagina in pagina e il lettore che sa, o crede di sapere, come stanno davvero le cose non può che partecipare all’angoscia di Iris e, ancor di più, temere per le sorti della piccola signora inglese svanita nel nulla.
Il romanzo parte lentamente, con un lungo preambolo dedicato a Iris che ci viene descritta come capricciosa, egocentrica, troppo abituata a sentirsi guidata e protetta dagli altri. Il mutamento del suo carattere, iniziato con una gita in solitario, durante la quale ha rischiato di perdersi, e accelerato dalle successive esperienze, ce la fa diventare di pagina in pagina più simpatica. Il mistero della scomparsa della Froy, che per un lettore attento non è neppure troppo misterioso (basta ragionare un po’ sui compagni di viaggio), è solo una scusante per un attento e incalzante dramma psicologico. Il terrore di essere circondati da persone che non si comprendono e non comprendono la nostra lingua (o che complottano contro di noi?); il treno fumoso e surriscaldato dalla gente accalcata ovunque; la paura di essere presi per pazzi e, magari, scaricati in un luogo sconosciuto e internati in manicomio; l’ansia per le sorti di una persona, estranea sì, ma che s’è dimostrata essere l’unica che avesse a cuore la nostra sorte; l’ostilità o, quantomeno, la diffidenza degli altri, sono gli ingredienti di questo dramma che in un crescendo continuo alza la tensione emotiva. Anche i saltuari stacchi che ci portano all’esterno del treno per mostrarci la vite delle persone vicine ai passeggeri aiutano a conservare l’apprensione generale e l'anelito per una soluzione finale lieta o tragica che sia, ma almeno risolutiva.
In conclusione, tra i gialli del periodo classico, questo, a mio parere, è da catalogare tra uno dei più significativi e importanti. Assolutamente da non perdere se si vuole riscoprire la letteratura thriller degli anni d’oro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il dottor Bergelon
Il mistero della signora scomparsa