Il quarto uomo Il quarto uomo

Il quarto uomo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Kuwait, 1991. In un convoglio distrutto dai bombardamenti, tre mercenari tedeschi al soldo dell'esercito americano s’imbattono in un carico molto speciale: diamanti, abbastanza per permettere a tutti e tre di ritirarsi per sempre a vita privata. È chiaro però non possono portarli con sé alla base: se venissero scoperti, sarebbero accusati di sciacallaggio e giustiziati. Decidono allora di nasconderli in un luogo sicuro, per andare a recuperarli quando le acque si saranno calmate. Sulla via del ritorno, però, vengono attaccati. Uno di loro rimane ferito e gli altri due si danno alla fuga, lasciandolo a morire nel deserto… Diversi anni dopo, in un appartamento di Colonia viene trovato il cadavere di un uomo, Mehmet Üsker. Da un primo esame, è evidente che Üsker sia stato torturato a lungo, da un professionista che non ha lasciato tracce. Non ci sono impronte, né DNA, niente. L'unico indizio è una vecchia foto della vittima scattata durante la guerra del Golfo, in cui posa davanti a una jeep insieme con altri due commilitoni…

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il quarto uomo 2018-01-02 14:45:41 berico predieri
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da berico predieri    02 Gennaio, 2018

una "mezza" delusione.

Schatzing prendere o lasciare, in questo caso meglio lasciare... Chi è rimasto catturato da Il quinto giorno si chiederà se si parla dello stesso autore. Il libro sembra scritto nella fase giovanile di Schatzing, cerca approfondimenti che non riesce a trovare, si dilunga su storie amorose tra la repressa protagonista e il suo cliente che alla lunga annoiano e non poco... si contorce in argomentazioni filosofiche-filologiche che si fatica a seguire (la violenza sulle donne/tema trito e ritrito, la disumanizzazione dell'uomo, la realtà virtuale che ha ormai preso il sopravvento ecc ecc.). Manca la suspense, lo svolgimento dei fatti è intuibile, un libro godibile per chi non ha letto altro di Schatzing ma "leggero leggero".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
da leggere per primo per chi si vuole avvicinare a Shatzing.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri