Il segreto di Rembrandt Il segreto di Rembrandt

Il segreto di Rembrandt

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Owen Zeigler, un famoso gallerista londinese noto nell'ambiente come esperto di pittura olandese del Seicento, viene brutalmente ucciso creando sconcerto nel mondo dell'arte internazionale. Il figlio Marshall, finora estraneo all'attività del padre, inizia a indagare alla ricerca di qualche indizio che gli consenta di individuare il colpevole. Owen era a conoscenza di un segreto in grado di gettare un'ombra sinistra sulla figura del grande pittore Rembrandt, un segreto che può avere effetti devastanti su uno dei mercati più redditizi e competitivi del mondo e che l'assassino sembra voler proteggere a tutti i costi. Marshall si rende conto che è proprio questo il motivo per il quale suo padre è stato ucciso e dovrà agire con la massima prudenza, perché può essere lui stesso la prossima vittima. Riuscirà a scoprire la verità? Di chi si può davvero fidare? Sopravviverà abbastanza a lungo?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il segreto di Rembrandt 2012-01-17 07:38:17 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    17 Gennaio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Il segreto di Rembrandt" di Alex Connor - comment

Un bel “giallo d’arte” “Il segreto di Rembrandt” di Alex O’Connor, pittrice e studiosa d’arte, qui alle prese con il suo primo thriller. Un’opera da gustare, insieme alle opere del maestro d’arte olandese, il pittore del seicento intorno al quale viene intessuta una leggenda a partire dalla sua relazione con Geertje Dircx: amante di Rembrandt van Rijin, da lui cacciata di casa, tradita dalla sua stessa famiglia che le testimoniò contro, condannata a dodici anni di reclusione nella casa di correzione di Gouda. Bollata come isterica aggressiva e reclusa, nella sua prigionia, verga le lettere ove svela il segreto di Rembrandt. Il pittore avrebbe generato – da lei – un figlio illegittimo: Carel Fabritius, ribattezzato “la scimmia di Rembrandt”: “Il maestro pagava il suo allievo … Carel fu così felice che sorrise, come non faceva quasi mai. Era un ragazzo serio, di appena vent’anni, che rideva come una scimmia. Così lo chiamava Rembrandt: la sua scimmia. La scimmia di Rembrandt … Lo diceva con affetto, ma io sapevo che una scimmia indicava anche un farabutto, un manigoldo, un criminale. Questo aveva fatto di mio figlio …” Sì, perché nell’atelier del più famoso pittore del seicento olandese – tra gli allievi (oltre a Carel, il figlio Barent, Ferdinand Bol e Govert Flinck) - la scimmia di Rembrandt produceva dipinti, su commissione. Senza sapere di esser figlio dell’artista più apprezzato del momento.
Naturalmente, la pubblicazione di queste lettere avrebbe determinato una riattribuzione delle opere di Rembrandt, con conseguente impatto sulle loro quotazioni e sul mercato delle opere d’arte: “Sono la testimonianza di un crimine morale e di una truffa artistica, le cui ricadute … potrebbero essere disastrose. … Queste lettere … nelle mani sbagliate potrebbero essere letali.” Delle lettere, in particolare, la più preziosa sembra essere l’ultima: quella che contiene l’elenco delle opere dipinte dalla “scimmia” e non da Rembrandt.
Ma il segreto di Rembrandt è come il segreto di Pulcinella. Le lettere – tutte tranne l’ultima - sono note a molti: a Owen Zeigler, gallerista e legittimo proprietario del segreto, a suo figlio Marshall, che dopo l’assassinio del padre ne viene in possesso, allo storico dell’arte (un brillante iconoclasta) Samuel Hennings, che ne possiede una copia opportunamente custodita nella cuccia del cane defunto, al factotum Teddy Jack, a Giorgia, la ex moglie di Marshall, a Charlotte Gorday (amante di Owen) e al di lei marito, l’avvocato Philip Gorday, al contabile polacco della galleria (Nicolaj Kapinski) e all’intraprendente gallerista Lilion Kauffman. Un segreto – dice il proverbio – quando è conosciuto da due persone, non è più un segreto. E che dire, dunque, di questo segreto così ampiamente condiviso? Certo, senza l’ultima lettera, quella con l’elenco che è in grado di stabilire se i due ritratti “Issenhirst” che verranno messi all’asta a New York sono autentici …
E veniamo ai delitti. In questo contesto – tra galleristi spregiudicati come il vile Tobar Manners che rovina in via definitiva Owen, e altri personaggi ambigui come Thimoty, Léon e Rufus – si consumano, ispirandosi a dipinti di Rembrandt:
1) l’omicidio di Owen Zeigler, realizzato sulla base di “La lezione di anatomia del dottor Joan Deyman”. Vale a dire: cadavere eviscerato, scalpo tagliato.
2) l’assassinio di “Stefan … Stefan van der Helde era stato costretto a ingoiare delle pietre” che riprende “La lapidazione di Santo Stefano”; Stefan van der Helde è lo studioso che certifica l’autenticità delle lettere che marchiano Rembrandt come essere meschino e privo di scrupoli;
3) la morte di Charlotte, l’amante di Owen, che allude a “Il suicidio di Lucrezia”. L’amante di Owen Zeigler sembrerebbe essersi suicidata pugnalandosi al cuore, proprio come la Lucrezia del capolavoro di Rembrandt. Ma Marshall comprende che la donna non si è data la morte da sé e quindi continua le sue indagini, alla ricerca dell’assassino del padre.
4) l’omicidio del contabile di Owen Zegler, Kapinski, il polacco “orfano” del gemello Luther, al quale tocca la sorte di “Sansone accecato dai Filistei”.
Il romanzo pullula, oltre che di omicidi, di opere d’arte (oltre alle citate, anche “Il cardellino” di Fabritius e “Susanna e i vecchioni”, ove Susanna sarebbe Geertje).
La morale della storia sarebbe una beffa, “un falso nel falso”, un gioco di specchi, se l’autrice non si mettesse una mano sul cuore: in un impeto di femminismo, conclude: “Rasserenato, Marshall fissò lo sguardo indecifrabile di GeertJe Dircx. Vide nei suoi occhi gli occhi di suo padre … e vide in lei una verità che meritava di essere raccontata. Il suo volto era il volto di ogni donna, ogni volto umano che avesse mai avuto una storia da raccontare. Il racconto, anche se in parte era fasullo, aveva comunque un fondo di verità.”
Una morale che è piaciuta anche a …

Bruno Elpis

PS: chi lo desiderasse, può vedere una mia selezione di quadri di Rembrandt su http://www.malgradopoi.it/letture-consigliate/il-segreto-d-rembrandt-di-alex-connor

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama il giallo d'arte
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri