Il taglio di Dio Il taglio di Dio

Il taglio di Dio

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Diamond District, Manhattan. Jatin Patel, mae-stro tagliatore di diamanti, giace esanime sul pavimento del suo laboratorio. Pochi metri più in là, una giovane coppia di fidanzati. Hanno caviglie e polsi legati, la gola tagliata. La scena che la squadra di Lincoln Rhyme si trova di fronte, un sabato mattina qualunque nelle stanze della Patel Designs, ha tutti i numeri della classica rapina finita male. Ma per Amelia Sachs qualcosa non torna. I diamanti lavorati non sono stati portati via, e l’assassino si è accanito sulle vittime con una brutalità che suggerisce un movente diverso. Per sposare definitivamente la tesi che dietro all’omicidio si nasconda altro, basta leggere il messaggio sgrammaticato e delirante che il killer ha inviato alla stampa. Non è la prima volta che Rhyme deve entrare nella mente allucinata di un assassino. Se non fosse che la follia del Promittente, così si è firmato, è eguagliata da un’abilità e una lucidità fuori dal comune. Per quanto un errore l’abbia già commesso, un errore che lo potrebbe incastrare. Jeffery Deaver lancia la sua sfida, una duplice caccia all’uomo nello spietato mondo del commercio dei diamanti, e si diverte a mettere alla prova il formidabile intuito di Lincoln e Amelia con svolte improvvise e deviazioni di percorso. Nelle pagine dell’ultimo Rhyme, il suo autore ci offre qualcosa di nuovo e inaspettato, l’ingrediente segreto per un thriller perfetto.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il taglio di Dio 2018-11-18 10:34:20 cesare giardini
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    18 Novembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delitti nel Diamond District di New York City.

Jeffery Deaver a quasi settant’anni pubblica il suo ennesimo giallo, una trama incalzante e sorprendente ove ancora una volta l’investigatore Lincoln Rhime e la sua assistente (e moglie) detective Amelia Sachs si fanno in quattro per scoprire l’autore ed i mandanti di inspiegabili delitti. L’ambiente è quello sofisticato e oscuro dei tagliatori di diamanti: il tutto inizia con un delitto nel Diamond District di New York, quartiere piuttosto vecchio e trasandato con gioiellerie dozzinali, ma dove risiedono ed operano anche artigiani che trattano magistralmente il prezioso minerale. Qui vengono trovati brutalmente assassinati, in un negozio, il proprietario, un anziano operatore del ramo, e due fidanzati casualmente presenti. Ha inizio una caccia all’uomo, le tracce non sono molte, un misterioso assicuratore si offre di dare una mano a Lincoln: la trama è complicata da esplosioni sotterranee ed incendi che simulano falsi terremoti e dal ritrovamento casuale di frammenti di kimberlite, una roccia ignea che contiene diamante e che, in seguito a eruzioni o movimenti tellurici, lo riporta dalla profondità della crosta terrestre in superficie. C’è un collegamento tra i delitti ed i sommovimenti terrestri newyorkesi ? Emerge forse una pista da seguire, può essere che compagnie diamantifere monopolizzanti il mercato (Russia, Sudafrica) vogliano impedire che vengano alla luce miniere di diamanti negli Stati Uniti. Lincoln e Amelia indagano in varie direzioni, soprattutto la Sachs che non esita a mettere a repentaglio la propria vita, quando rischia di finire travolta da un mare di fango o, peggio ancora, quando cade nelle mani dell’assassino e sta per essere brutalmente eliminata….
Ma ecco un colpo di scena: spunta un secondo assassino (mai fidarsi dei falsi collaboratori!), e la vicenda si fa sempre più emozionante. Sembra essere coinvolto infatti anche un losco trafficante messicano, a processo per una sparatoria con morti, che Lincoln riesce a smascherare. Finale a sorpresa: eliminati gli autori dei delitti, Lincoln Rhime viene contattato da un misterioso personaggio dalle abilità diaboliche (di cui non rivelerò il soprannome ma che i fan di Deaver conoscono bene) che invia, in lingua latina, oscuri messaggi di morte.
In conclusione, un giallo che emoziona con una trama narrativa che coinvolge un gran numero di personaggi e che non ha momenti di tregua. La storia ha, è vero, momenti drammatici un pò forzati, con soluzioni e strane coincidenze risolutrici che sfiorano l’inverosimile, ma tutto fa parte del gioco, soprattutto in un giallo che deve sorprendere per situazioni inattese e imprevedibili. Un dato positivo è la scomparsa delle famose tabelle riassuntive (e ripetitive) dei precedenti gialli di Deaver: portavano via inutilmente intere pagine, e dubito che fossero lette attentamente. Edificante è, nel contesto della vicenda poliziesca, la storia di una famiglia residente di immigrati indiani: il figlio, apprendista tagliatore di diamanti e testimone del delitto, è costretto a fuggire, nascondendosi di continuo. Alla fine sarà salvato da Amelia e riconsegnato ad un padre burbero che lo vuole “diamantaire”, ma che alla fine cederà al desiderio del figlio, immamorato di Michelangelo, di poter diventare scultore e di visitare Firenze. Deaver sembra sottolineare questa vicenda apparentemente secondaria nell’economia generale del thriller, tanto da introdurre il romanzo con le seguenti parole di Michelangelo:”Ho visto un angelo nel marmo e ho scolpito fino a liberarlo”.
Straripante infine il numero di collaboratori (la sua “squadra”) ai quali vanno i ringraziamenti dell’autore: ben trentasei, giustificati dalla complessità della storia narrata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I thriller di Jeffery Deaver.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri