Imperial Bedrooms Imperial Bedrooms

Imperial Bedrooms

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Clay è tornato in città - ancora a Los Angeles, ancora durante le vacanze di Natale - ma dai tempi di Meno di zero sono passati venticinque anni. Oggi Clay è uno sceneggiatore che deve mettere insieme il cast per il suo nuovo film: ma quando incontrerà i vecchi amici (Blair, Trent, Julian...), sempre più annoiati, amorali e decadenti, si inoltrerà in un inferno in cui è impossibile distinguere la vittima dal carnefice. Un noir chandleriano per un Ellis mai così ironico, disincantato e disperato.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.3  (4)
Contenuto 
 
2.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Imperial Bedrooms 2012-07-04 18:36:45 Francesco Cuffari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Francesco Cuffari    04 Luglio, 2012

Piccoli mostri crescono

Venticinque anni dopo il lettore ha la possibilità di vedere come si svolgono le vite di Clay, Julian, Rip, Blair e altri protagonisti del bel romanzo "Meno di zero". Di solito si ricorre al luogo comune secondo cui il sequel è sempre e immancabilmente peggiore del prequel, ma questo è uno dei rari casi in cui il seguito batte l'originale. Questo "Imperial bedrooms" è scritto molto meglio perchè Ellis è ora un autore molto più maturo ed esperto del 21enne che era un tempo. La lettura è piacevole e scorrevole. E' un romanzo molto più omogeneo di "Meno di zero" e non si ha quasi mai l'impressione di stare leggendo qualcosa di superfluo e fuori tema perchè Ellis è diventato, in questi venticinque anni, uno degli scrittori più divertenti e interessanti. Il registro cambia spesso: si passa dal grottesco, all'horror con alcuni ammiccamenti allo stile del bel "American Psycho".

Per concludere, se siete lettori bigotti e superficiali lasciate perdere Ellis perchè rischiereste di riconoscervi troppo nei personaggi che l'autore americano sbeffeggia e ridicolizza volutamente. E non date retta agli analfabeti che vi sconsigliano questo romanzo.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Imperial Bedrooms 2011-09-28 09:32:25 padoan.antonio
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
padoan.antonio Opinione inserita da padoan.antonio    28 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Clay era meglio che non tornasse.....

Forse Ellis ha bisogno di soldi... è il primo pensiero che ho fatto dopo aver letto questo noioso libro.
Forse era meglio che Clay non tornasse, perchè da vecchi fa tutto un po' più schifo, i cocktail non son più buoni e andare a letto con donne di 20 anni più giovani di te non ti fa onore. Soprattutto perchè vengono a letto solo perchè sei uno che conta nel cinema.
Insomma Clay delude un po' ... la sua abbbronzatura non fa rima con la pelle raggrinzita ..
Un libro stanco, che ho buttato via, manco in biblioteca me lo son tenuto perchè non rappresenta niente.
Un autore si ripete sempre un po' nei suoi libri ma con questo rischia di andare a fondo ripercorrendo già i suoi "deja vu".
Mi spiace che la parabola sia finita per Ellis, già con Glamorama aveva rischiato il fondo, però dai mi era piaciucchiato alla fine, Lunar Park va beh è la sua autobiografia .... ma questo è una bocciatura senza appello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Sconsigliata a chi ha letto "le regole dell'attrazione" e "meno di zero"... rischia di vederseli rovinare
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Imperial Bedrooms 2011-01-24 09:15:37 phoebe1976
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
phoebe1976 Opinione inserita da phoebe1976    24 Gennaio, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L.A. Confidential in salsa pulp (servita a parte)

Sesso, droga, tradimenti, sangue e morte. Gli ingredienti per un thriller ci sono tutti. Ma si è mai visto Ellis scrivere un thriller? E infatti questo non lo è.
E cos'è allora?
Denuncia sociale dello stile di vita vuoto e lussurioso di Hollywood? No.
Grido disperato sulla vacuità del nostro tempo? No.
Violenta satira sui costumi americani? No.
Enigmatico esercizio di stile e livore? Sì.

Ed il problema sta tutto qui.

PS. Nota feticista: trovo che la copertina sia bellissima e senza di essa non mi sarei nemmeno avvicinata al romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Imperial Bedrooms 2010-12-23 22:31:18 alan smithee
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
alan smithee Opinione inserita da alan smithee    24 Dicembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Imperial bedrooms - Bret Easton Ellis

Clay e' tornato, venticinque anni dopo, in una Los Angeles contemporanea che, agli occhi cinici e spietati di Ellis, appare pressoche' identica a come l'avevamo lasciata nei furoreggianti anni '80: vuota, vacua come le migliaia di effimere starlettes, promesse mancate di un cinema alla deriva dei contenuti, ma anche spietata e cruda con i deboli, accogliente e prerogativa di successo con i sempre piu' arroganti arrampicatori sociali, gli stessi appunto di 25 anni prima, qualora sopravvissuti agli eccessi di una gioventu' allo sbando. Ellis scrive quasi sempre lo stesso romanzo, sia che parli di lui in prima persona, ossessionato dai fantasmi delle sue creature su carta (Lunar Park, geniale), sia che riprenda le vicende di alcuni dei suoi cinici giovani protagonisti, che oltrepassate le quaranta primavere sembrano impassibilmente trattenere l'immaturita' e la spietatezza che gia' caratterizzavano le vuote esistenze nel campus universitario negli '80. Eccellente come gia' in precedenza la traduzione a cura di Giuseppe Culicchia, che cattura lo stile sorprendente di Ellis riproponendocelo in modo esemplare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Meno di zero e Le regole dell'attrazione
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri