L'apparenza delle cose L'apparenza delle cose

L'apparenza delle cose

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Un tardo pomeriggio d'inverno nello stato di New York, George Clare torna a casa e trova la moglie assassinata e la figlia di tre anni sola - da quante ore? - in camera sua. Da poco ha accettato un posto di insegnante di Storia dell'arte in un college locale, e si è trasferito con la famiglia in una fattoria che le voci di paese vogliono «stregata»: pochi anni prima, è stata al centro di un altro fatto di sangue, la morte di una coppia di agricoltori, che ha lasciato tre figli adolescenti. George diventa subito il sospettato numero uno, e mentre i suoi genitori tentano di salvarlo dalle accuse, e lo sceriffo cerca prove di colpevolezza, la cittadina opta per un intervento soprannaturale, che sembra confermato da strane apparizioni di oggetti, gelide folate di vento. I tre ragazzi orfani si ritrovano presto invischiati nel mistero, visto che l'omicidio è avvenuto in quella che era la loro vecchia casa d'infanzia. In questo noir ricco di riferimenti artistici e filosofici, seguiamo la storia di due famiglie, l'intreccio delle loro vite, il ritratto complesso di un matrimonio, e uno studio delle ferite che segnano un'intera comunità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'apparenza delle cose 2017-07-26 06:01:23 cosimociraci
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    26 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non aprite quella porta

Elizabeth Brundage ci offre uno stile molto particolare. I dialoghi non fanno uso delle virgolette e a volte non c'è alcuna indicazione di chi sia a parlare poiché non esiste un inizio della frase. Questo tratto, che ho letto in giro essere fastidioso, a me ha affascinato perché mi ha trascinato in un'esperienza di lettura impegnativa, sicuramente diversa dal solito. Il libro è ben scritto, con un tocco di soprannaturale. L'impostazione ben strutturata e intuizioni interessanti mi hanno ricordato lo stile di Paula Hawkins. Inoltre, l'impostazione di Chosen, piccola città agricola, sembrava estremamente realistica.

Purtroppo le note positive finiscono qui. La storia è secca e poco produttiva, il ritmo lento e le transizioni brusche tra passato e presente fanno perdere i punti di vista.
Non ho stabilito alcun legame con nessuno dei personaggi. Non c'era profondità in loro. Dopo il capitolo iniziale con la morte di Catherine, ritorniamo immediatamente indietro con i giovani fratelli Hale. Non ero veramente interessato finché le strade degli Hale e di Catherine non si incrociano. Era la prima volta che la storia mi ha fatto provare un po' di tensione.
A metà strada, cominciamo a ottenere un quadro più chiaro del matrimonio di Clare attraverso le loro prospettive e le prospettive degli altri. Catherine sa che qualcosa e sospetta di George e del suo matrimonio, ma è troppo vicino per vedere l'immagine completa.

Dopo aver solleticato il mio interesse, ho incontrato lunghi paragrafi di descrizione e di introspezione ma non ho mai sentito un livello sostenuto di tensione.

Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'apparenza delle cose 2017-03-07 10:41:23 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    07 Marzo, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'oscura casa maledetta

Inverno, Chosen, Stato di New York. George, insegnante di storia dell'arte in un college locale, torna nella nuova casa appena acquistata, e trova sua moglie brutalmente uccisa con un'ascia, e la piccola figlia di tre anni chiusa nella sua cameretta. Ovviamente i sospetti si concentrano immediatamente sulla sua persona. Ma non solo: c'è un particolare inquietante. La casa: per molti anni disabitata, a detta di tutti gli abitanti della piccola comunità, perchè stregata; ha visto la morte-suicidio di una coppia di agricoltori, che hanno così abbandonato al proprio tragico destino i tre figli adolescenti. Dopo un primo capitolo di spiegazione dei fatti, l'autrice ci riporta indietro nel tempo, nella narrazione di un mondo rurale che ricorda i grandi romanzi americani della prima metà del '900. Ecco la storia dei tre fratelli orfani: Eddy, Cole, Wade, che risale lentamente fino alla storia dell'omicidio. Il parallelismo, dunque, di due famiglie tragicamente segnate. Ma non solo: strane apparizioni di oggetti, gelide folate di vento. Questi sono gli ingredienti principali di questo testo, che portano il lettore ad ascriverlo nel genere gotico. Molto intensa è la caratterizzazione dei personaggi, soprattutto quello di Ella Hale, di cui si dice: "Continuava ad accarezzare un mucchio di sogni frammentati. L'aveva fatto per tanti anni, così aveva una vasta collezione di possibilità. (...) Aveva sempre desiderato tornare a scuola, diventare infermiera. Ma..." Per non parlare di Clare, la moglie di George: " Sentiva che doveva esserci qualcosa di più nella vita, una ragione più profonda di esistere, uno scopo più significativo."
Determinante è il titolo di questo romanzo, L'apparenza delle cose, che rimanda proprio alla difficoltà insita nella ricerca della verità, dello sforzo di andare oltre la superficie, e di quanto sia facile nascondere l'insanità mentale dietro la rassicurante quotidianità. E' un affresco a tutto tondo, a più voci, atte a svelare l'arcano celatosi in un oscuro omicidio. Un libro che è un insieme di generi: paranormale, filosofico, psicologico. Un sicuro successo editoriale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
consigliato a chi ha letto Mary Higgins Clark, Nella notte un grido.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri