L'assassino che è in me L'assassino che è in me

L'assassino che è in me

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Lou Ford è il vicesceriffo di una piccola città del Texas. La cosa peggiore che si può dire di lui è che è un po’ noioso, un po’ troppo lento, a volte saccente. Ma nessuno immagina il suo male nascosto, quella malattia che lo ha quasi rovinato quando era giovane. E quel male è di nuovo sul punto di tornare in superficie, irrefrenabile e violento. Perché la vita non ha niente da dare agli uomini come Lou, se non brevi momenti di feroce energia sempre raggelati dall’oceano nero del destino. “Se il buon Dio ha commesso un errore, con noi esseri umani, è quello di farci desiderare di vivere anche quando abbiamo ben poche scuse per farlo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'assassino che è in me 2014-02-12 11:35:01 Dartagnan
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dartagnan Opinione inserita da Dartagnan    12 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leggerlo è un dovere

Un grandissimo noir, un "must" per gli amanti del genere. Jim Thompson dà voce alla follia più pura e recondita, quasi come a volerci dire: "Ehi, state attenti, non immaginereste mai dove si trova il male".
Il punto di vista del cattivo ti viene spiattellato davanti agli occhi senza inibizioni, e tu lettore ti trovi costretto a lottare con i meandri di una mente malata.
Davvero fantastico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Amanti del noir o futuri amanti del noir. Ma non solo.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'assassino che è in me 2014-02-12 08:37:35 marlon
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
marlon Opinione inserita da marlon    12 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL BIANCO E IL NERO

Central City , Texas. Anni ‘50
Settant’anni prima qui era il far west. Non è cambiato molto. Invece di cavalli e diligenze ora ci sono automobili e pick up. Lou Ford è il vice sceriffo della contea e del minuscolo paese di Central City. Suo padre era il solo ed unico dottore del paese. Lou ha trent’anni ed è una persona gentile ed affabile. Gran bravo ragazzo. Lo sceriffo Bob, suo superiore, lo conosce da quando è nato. Quando tira una brutta aria Lou viene sempre inviato per sedare risse, per parlare con la gente, per risolvere con le buone le situazioni più ingarbugliate. Cappello in testa e sigaro in bocca. “ SISSIGNORE … SISSIGNORA .. BUON GIORNO … BUON GIORNO SIGNORA .. “ .
In una comunità così piccola si ha l’illusione di conoscersi tutti, anche intimamente. Già, l’illusione …
Lou ha un lato oscuro. Lou è una persona malata. Quest’ombra nera si manifesta sin dall’infanzia. La gente non lo sa. Tutti hanno scheletri nell’armadio ma il nostro vice sceriffo porta il seme del male dentro di se . Qui la gente per bene, gli onesti cittadini non riescono a vedere il vero volto di questo gentile giovanotto. Qui il diavolo ha la divisa e si muove indisturbato nel paese. Gioca al gatto col topo.
La vera natura di Lou riemerge dall’abisso quando in paese compare Joyce Lakeland . Una affascinante ragazza che si prostituisce in casa propria. Tanti clienti, anche illustri, ma la comunità non vede di buon occhio la cosa … Tanto da indurre lo sceriffo Bob ad inviare il nostro giovane vice e convincere la prostituta a levare le tende … Sarà l’inizio della fine …..
L’autore, Jim Thompson, è stato un precursore. Questo libro è stato pubblicato negli anni cinquanta. Il genere noir , la doppiezza del protagonista, la sua appartenenza alle forze del bene, il Male in una piccola comunità. Non si era pronti per questo genere. Lo stile ironico è una serie di rasoiate. Ma è realtà e disincanto. I cambi di marcia repentini, le trasformazioni del protagonista ( un gran bravo ragazzo …. ). I lettori vengono ingannati e agghiacciati dalla reale natura di Lou e naturalmente dalla bravura dello scrittore. Infatti i libri di Thompson verranno apprezzati molti anni dopo. Ma gli artisti e le persone di talento si riconoscono tra loro ….. Stanley Kubrick rimase colpito dal talento di Jim Thompson …
Lettura consigliata agli amanti del genere. Non ho dubbi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vie di fuga
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.4 (3)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri