L'assassino L'assassino

L'assassino

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il primo martedì di gennaio – le strade sono coperte di neve – il dottor Hans Kuperus lascia Sneek, il paesino della Frisia in cui vive, e si reca ad Amsterdam, come tutti i primi martedì del mese. Questa volta, però, compra una pistola. E quando, prima di arrivare a Sneek, il convoglio rallenta e si ferma, il dottor Kuperus agisce quasi senza riflettere: scende e si avvia, camminando nella neve, tra le ombre della notte, verso il bungalow in riva al lago dove (come ha appreso da una lettera anonima pervenutagli un anno prima) troverà la moglie in compagnia del suo amante. Tutto avviene molto rapidamente: quando i due escono, Kuperus li uccide e ne getta i corpi nel lago.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'assassino 2015-10-04 22:45:21 DanySanny
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    05 Ottobre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Organizzato, pulito: senza vita

I romanzi di Simenon, in fondo, si definiscono come un “tutto sommato”: si costruiscono di poche svolte, azioni particellari che si agitano nel reticolo gelido, dalla trasparenza atroce, di un destino già scritto; “tutto sommato” perché anche senza conoscere l’intermezzo, alla fine quel punto d’arresto che con placida insistenza si solleva dopo ogni riga, fatalmente arriva. E’ un approdo forgiato di una necessitò filosofica stringente, di una crudeltà esatta che si abbatte su personaggi inesauribilmente colpevoli e mediocri, senza diritto di replica. Non c’è livore nella penna, non c’è condanna, ma solo un profondo disincanto.
Simenon ha la capacità di descrivere le passioni più violente congelando la pagina: non c’è amore che scaldi, non c’è unione che divampi, non c’è affetto che addolcisca il profilo spigoloso di una banalità che si trascina sempre uguale a se stessa, voluttuosa e avvinghiante. Non c’è il sole nemmeno nella Turchia idealmente tiepida dei “Clienti di Avrenos” o nell’incendio di passione dei “Complici”: solo una terra sferzata dal vento artico di una vita che sfugge dalla resa dei conti con se stessa.

La condanna che pende su Kupereus, di professione medico, accidentalmente assassino, marito tradito, mediocre notabile locale, è quella di essere per l’appunto congelato in questa terra pallida e deserta di una vita a metà, quella di non aver pro-gettato la propria fragilità di uomo, di averla barricata dietro ad un profilo rispettabile, una condotta irreprensibile, una quotidianità dalla ripetitività aberrante; la sua ingenuità, invece, è quella di non aver capito che egli stesso, senza più forze, stava lasciando scivolare via le catene (notevole ribaltamento per un prigioniero!) cui tanto avrebbe voluto essere avvinghiato. In questa dicotomia, sospeso tra le catene del noto e l’inferno dell’ignoto, Kuperus rimane in bilico in un limbo senza anima, pietrificato da un paese di mediocri che lo rifiuta e una cameriera-amante di un’assurdità alla Camus. L’esito di questa vita che non ha saputo o voluto compiere se stessa è già scritto: non potrebbe essere null’altro se non l’atonia.
Ci sono le cause del comportamento, è vero, una filosofia della complessità racchiusa in mezzo fiorino, ma in fondo, alla fine di tutto, c’è un vita rotta al suo primo tardo vagito. Un libro di ossimori e contraddizioni, tortuosi snodi dell’anima che puntano dritti dritti all’implosione.

“L’assassino” è un libro faticoso, sembra consumare fino in fondo una distonia col mondo e con la vita al cui calice esso stesso ha attinto. Dopo aver bevuto il mare salato di una ferocia inaudita (non quella di Kupereus, ma quella dell’animo umano), resta soltanto la disidratazione nauseante di una frattura con la vita, resta il bisogno acuto e insopprimibile di riconciliarsi con la realtà, magari leggendo uno di quei gialli inglesi dove alla fine movente e colpevolezza sono di una trasparenza rassicurante. Eppure, in fondo, tutto sommato, si trascina nella mente quella malinconia che no, un giallo inglese non può colmare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'assassino 2013-05-19 06:53:10 Pelizzari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    19 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Basta mezzo fiorino...

...per trasformare un uomo di indole tranquilla in un assassino...Il giallo comincia in un modo un pò spiazzante, ricorda la sceneggiatura di "un giorno di ordinaria follia", però mentre la follia di quel film era senza motivo, questa follia ha un movente. Il concatenarsi degli eventi, tra l'ossessione per la domestica Neel dagli occhi scavati e intrecci di vita fra abitudine ed avventura, dimostra che alla base c'è la gelosia, ma se andiamo in fondo un pò di più capiamo che forse è l'invidia e se scaviamo ancora un pò l'insoddisfazione del quotidiano. E' un giallo che offre tante chiavi di lettura, a cui pensi anche dopo che hai chiuso l'ultima pagina, pur sapendo, ancora prima di iniziare a leggerlo, chi è l'assassino. E' un giallo che ci fa capire quanto poco basta per accendere una miccia in un'anima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'assassino 2013-02-14 14:03:24 *Monica*
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
*Monica* Opinione inserita da *Monica*    14 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ASSASSINO

Protagonista del libro è il dottor Hans Kuperus, stimato medico del paesino di Sneek che, grazie ad una lettera anonima, scopre che sua moglie ha un amante. Dopo un anno di meditazioni compra una pistola, si reca al bungalow dove sa che li troverà insieme, li uccide e getta i loro corpi nel lago.
Poi riprende la sua solita vita come se niente fosse. Ad un certo punto però incomincia a chiedersi cosa pensi la gente di lui, se gli altri lo ritengono un assassino oppure no. Questo sospetto lo tormenta fino a diventare un' ossessione.
Piano piano le dicerie, gli sguardi e i sospetti dei concittadini lo trascinano in una situazione di isolamento completo: i compaesani lo ignorano, nessuno si fa più visitare da lui, nessuno lo saluta. Alla fine riesce a sfuggire alla giustizia per mancanza di prove, ma non riuscirà a far tacere la propria coscienza.
Kuperus è un uomo comune che uccide per sfuggire alla noia. Ma l'illusione di poter cambiare la sua vita dura poco. Non verrà condannato ma pagherà a caro prezzo il duplice delitto: logorato dal dubbio che qualcuno sappia ed evitato dai suoi concittadini. Profonda e dettagliata l'analisi psicologica del protagonista, del quale conosciamo pensieri, ossessioni e paure. Lettura molto piacevole che consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Delitto e castigo - Fedor Dostoevskij
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri