L'epidemia L'epidemia

L'epidemia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un intervento chirurgico ha trattenuto Jensen all'estero per ben tre mesi. Ora che potrebbe tornare a casa, però, glielo impediscono le condizioni sanitarie e politiche dello Stato: si è diffusa un'epidemia inspiegabile e fatale; dopo aver tentato invano di arginarla, il governo è fuggito. Da un Paese confinante, alcuni ministri chiedono a Jensen di indagare le cause del contagio, e il commissario si ritrova a dover affrontare una sorta di apocalisse: la mancanza di cibo, acqua ed elettricità ha abbrutito la popolazione, i sopravvissuti si barricano in casa, le strade sono pattugliate da ambulanze a caccia d'infetti. Jensen ha tre giorni per risolvere il caso; tre giorni per capire che il virus piú letale si annida, sempre, nel cuore umano.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'epidemia 2015-03-30 19:40:27 fosforo
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
fosforo Opinione inserita da fosforo    30 Marzo, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da dimenticare.....

E' uno dei polizieschi più brutti che abbia mai letto. La vicenda, che si svolge in un paese immaginario, è l'occasione per tutta una serie di considerazioni, peraltro abbastanza scontate e banali, sul Potere e sulle sue degenerazioni. Nessuna attinenza con il genere poliziesco cui il racconto dovrebbe appartenere. Oltretutto le basi su cui si sviluppa la storia dell'epidemia ha dei connotati semplicemente assurdi e ridicoli. Il protagonista non riesce a guadagnare una sua dignità umana, rimane inesorabilmente una creatura di carta sen'anima. Non esiste un colpo di scena che scuota il lettore dal torpore che la lettura procura. L'autore sa solo inframmezzare qua e la frasi ad effetto che dovrebbero preludere a chissà quali sviluppi e invece nulla... Non accede nulla!! Il finale è in linea con le pretese di un libro mal concepito e mal scritto... Provare a leggere per credere....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'epidemia 2014-04-18 15:42:55 AndCor
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    18 Aprile, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Demagogia, un concetto politico che fa solo danni

"Un'epidemia che trasforma le persone in belve rabbiose prima di ucciderle, un Paese abbandonato al caos e alla paura.
E un solo uomo che cerca di scoprirne il motivo - o il movente? - di quanto sta succedendo. Il Commissario Jensen."
È questa la breve introduzione che ci catapulta all'interno di un romanzo d'altri tempi.
Il protagonista è il già citato Commissario Jensen, costretto a lasciare la conduzione del Sedicesimo Distretto per un intervento chirurgico che lo tratterrà all'estero per tre mesi.
Peccato che, al termine del decorso post-operatorio, per lui sarà impossibile tornare nel suo paese, ufficialmente isolato dal resto del mondo per un'epidemia che sta mettendo in ginocchio ogni fascia della popolazione.
Su incarico del Primo Ministro, Jensen riuscirà clandestinamente a tornare nel paese e avrà tre giorni di tempo per fare luce su ciò che sta realmente accadendo.
Avrà modo di raccogliere informazioni più o meno vaghe dai (pochissimi) cittadini che incontrerà, mentre un terribile presagio inizierà a prendere forma pagina dopo pagina e che - purtroppo o per fortuna, dipende dai punti di vista - sarà confermato nel capitolo conclusivo del romanzo, dove la scena la faranno da padrone il redivivo Primo Ministro e il sagace medico della Polizia.

Dobbiamo riconoscere innanzitutto i giusti meriti a Per Walhöö, capace di creare un mix davvero azzeccato fra i generi 'giallo', 'noir' e 'distopico'.
Può apparire come il classico 'romanzo-mistery' in cui troviamo un poliziotto-detective alle prese con un enigma da risolvere, ma lo scenario apocalittico che regna sin dalle prime pagine riesce a spiazzare anche una figura imperturbabile come quella di Jensen.
Collegamenti da e verso l'estero interrotti, coprifuoco serratissimo per ogni singolo individuo, strade e negozi deserti, un'aria carica di tensione e un silenzio assordante di fondo sono gli ingredienti dalle sfumature tipiche della narrativa distopica, come in ogni '1984' orwelliano che si rispetti.
È importante notare anche come il luogo geografico non possegga volutamente nome per evitare censure editoriali - anche se i riferimenti culturali e politici ci indirizzano verso una Svezia di fine anni '60 -, e come si riveli azzeccata la scelta di adottare un linguaggio abulico, asciutto, a tratti stilizzato e ridotto ai minimi termini per ironizzare sull'effettiva efficacia governativa del regime dittatoriale 'della Concordia', perennemente indirizzata ad aumentare i propri consensi e a creare il concetto più vuoto e aleatorio possibile di 'democrazia'.

Per quanto concerne le note meno positive, in primis denotiamo l'effettiva fluidità del romanzo, perché le poche pagine sono sì un punto a favore, ma alcuni snodi della trama sono tanto, troppo macchinosi e una 'fabula' un po' confusionaria richiede sempre quel 'quid' di attenzione extra per evitare di perdersi sul più bello.
Senza dimenticare un Commissario Jensen, nel quale risulta troppo difficile immedesimarsi perchè caratterialmente troppo freddo e distaccato; difficilmente vedremo il suo nome nella lista dei personaggi letterari preferiti dalla maggior parte dei lettori.
Si tratta comunque di un testo che invita a riflettere in modo coscienzioso sulla dicotomia, spesso insanabile, che nasce fra il singolo individuo e il potere centrale. Insanabile a tal punto che la conseguente frattura diventa sinonimo di 'rivoluzione', termine che, nel suo lato più violento, genera inevitabili e devastanti effetti collaterali.

Un romanzo dunque bello, che balla con qualche incertezza di troppo, ma che nel complesso merita di essere letto e apprezzato per il contenuto che propone.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
'1984' di George Orwell;
'Il Principe' di Niccolò Machiavelli.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri