L'indizio L'indizio

L'indizio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Margot Lewis insegna all’Università di Cambridge e tiene una rubrica di consigli su un giornale locale. Quando viene a sapere che una sua ex studentessa è apparentemente fuggita di casa, non può non pensare al caso di Bethan, un’altra studentessa sparita quindici anni prima e di cui non si è mai saputo nulla. E quando poi incomincia a ricevere per lettera delle richieste di aiuto proprio da parte di Bethan, Margot si precipita dalla polizia sostenendo che c’è un collegamento fra i due casi e che Bethan è ancora viva. La polizia però è convinta che si tratti solo di un macabro scherzo. Ma Margot è disposta a tutto pur di arrivare alla verità, perfino a partecipare a una trasmissione televisiva, senza calcolare che la sua vita stessa verrà scandagliata, e il suo passato con tutte le sue zone d’ombra e i ricordi rimossi finirà sotto gli occhi di tutti. Compresi i suoi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'indizio 2016-08-09 09:43:15 Christy Unbuonlibro
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Christy Unbuonlibro Opinione inserita da Christy Unbuonlibro    09 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Thriller adrenalinico, ma non convincente

Leggendo la trama de L’indizio sono rimasta molto incuriosita soprattutto dal voler scoprire chi fosse a mandare quelle misteriose lettere alla protagonista. Così ho iniziato la lettura con alte aspettative.
Ho sbagliato a pretendere tanto e me ne rendo conto solo ora, perché ahimè sono rimasta dispiaciuta di non aver trovato tutto quello che speravo in questo libro.

Margot Lewis è un’insegnante, ama il suo lavoro e i suoi alunni. Ma nel tempo libero cura anche la rubrica “Cara Amy” su una rivista locale. Solitamente ricevere lettere da parte di ragazzi e adulti che le chiedono consigli d’amore. Ma quelle che riceve ultimamente sono qualcosa di diverso e sicuramente inaspettato. Qualcuno le scrive a nome di Bethan Avery, una ragazzina scomparsa quindici anni prima e di cui non si hanno mai più avuto notizie. Perché questo qualcuno scrive proprio a Margot? È realmente Bethan a scrivere le lettere? Da qualche settimana inoltre è scomparsa anche un’altra ragazza, alunna di Margot, le due cose sono collegate?
Margot è la protagonista dell’intero libro ed è lei stessa a raccontarci la storia, in prima persona. Espediente che ci avvicina maggiormente alla storia e alla vita di Margot. Proprio per questo mi sono sentita dentro la storia e mi sono fatta accompagnare mano nella mano dalla protagonista.
Solo alcuni capitoli sono dedicati ad altri personaggi secondari, come la nuova studentessa rapita o lo stesso rapitore.
Se per gran parte del libro però la storia si incentra sulle lettere e sulla ricerca della verità, una parte invece è stata dedicata alla storia personale della protagonista. In particolar modo l’autrice ha voluto approfondire il rapporto di Margot con il quasi ex marito e quindi la lotta per il divorzio. Io l’ho trovata una cosa inutile, e mi ha dato molto fastidio, visto che non serve ai fini della storia principale. Anzi credo proprio che disturbi la lettura, facendo perdere il filo del discorso e quindi distraendo il lettore, che così perde interesse verso il libro.
Conoscendo Margot inizieremo anche a conoscere la sua psiche, punto centrale della storia. Infatti la grande abilità di Helen Callaghan, autrice del libro, sta nel saper esplorare i luoghi oscuri della mente, facendoci scoprire verità assopite ed inaspettate, che rendono la lettura sicuramente più avvincente. Così la protagonista si ritrova a riscoprire se stessa e conoscere il suo passato, che è stato sepolto dalla sua mente per proteggersi dal male.

L’indizio è un libro ben sviluppato, che tiene alta l’attenzione e la curiosità dei lettori. Ma, come ho già detto, non ho apprezzato la scelta di voler approfondire la storia personale di Margot, a cui avrei dato un peso minore all’interno del libro, per non distrarre troppo il lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri