L'uomo di Siviglia L'uomo di Siviglia

L'uomo di Siviglia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Raúl Jiménez, personaggio ambiguo legato al bel mondo di Siviglia, ma anche alla malavita e ai ricordi delle atrocità della Guerra civile, muore all'inizio della 'Semana Santa'. L'ispettore capo Javier Falcón capisce ben presto di trovarsi di fronte a un crimine rituale, quasi iniziatico: l'assassino ha voluto impartire alla sua vittima una lezione di "vista". Jiménez è stato legato e costretto a guardare una videocassetta, finché il suo cuore non ha ceduto. Che cos'ha visto di tanto insostenibile? E con quali complicità è stato commesso questo delitto, inizio di una vendetta covata per anni e destinata a non fermarsi al primo omicidio?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo di Siviglia 2019-09-08 08:31:49 sonia fascendini
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    08 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

vecchi debiti

Ci troviamo a Siviglia nella Semana Santa: la settimana che precede Pasqua con tutti i suoi rituali religiosi un po' mistici, un po' macabri. In quest'aria piena di tensione religiosa viene rinvenuto il cadavere di un ricco ristoratore. Un delitto fa parte della realtà di una grande città, ma ciò che turba gli investigatori è la tortura a cui è stata sottoposta la vittima. In particolare è Javer Falcon, il capo delle indagini, ad essere toccato in profondità. nonostante abbia visto di tutto, la rimozione delle palpebre fatta per obbligare la vittima a edere un qualche filmato, non lo lascia dormire. Iniziano così delle indagini piuttosto strane. Da un lato seguiamo gli investigatori attraverso la vita del ristoratore, dall'altro accompagniamo Falcon dentro la sua mente in subbuglio. Scopriamo che la vittima conosceva in passato il padre di Falcon. Niente di strano si trattava di un famoso pittore. Ma le cose si fanno strano quando Façon decide finalmente di riaprire lo studio di suo padre sbarrato alla sua morte. Qui inizia a leggere i suoi diari che pur incompleti ci raccontano le sue esperienze di guerra, il momento dell'incontro con sua madre, e poi lo aiutano a trovare l'assassino.
Questo libro, peraltro piuttosto lungo mi ha dato del filo da torcere per portarlo fino alla fine. Dopo averlo finito devo ammettere che la trama è interessane, la soluzione del delitto non era per niente scontato i personaggi sono diversificati e descritti abbastanza a fondo. E' tutto il complesso, la continua rincorsa tra il passato e il presente, le incursioni dentro la mente malata di Falcon che rendono il libro pesante e macchinoso. Secondo me in un giallo, che dovrebbe cercare di tenere in tensione il lettore sono troppe le pagine del diario del padre che ci sono state propinate. Lo sono a maggior ragione se molte sono quelle che ci raccontano le esperienze tristi, e drammatiche vissuta in battaglia dall'uomo. Sono queste le occasioni in cui viene voglia di abbandonare il libro perché distratti da una marea di informazioni si perde il filo conduttore che dovrebbe essere sapere chi ha ucciso chi e perché..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uomo di Siviglia 2015-07-19 21:14:14 Illary
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Illary Opinione inserita da Illary    19 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'UOMO DI SIVIGLIA

Raúl Jimenéz viene trovato morto di infarto nel suo appartamento. Qualcuno gli ha asportato le palpebre per costringerlo, fino a far cedere il suo cuore, a guardare una videocassetta che non avrebbe mai voluto vedere. L’ispettore capo Javier Falcòn si trova, in una calda Siviglia animata dalla “Feria” di maggio, ad indagare sull’atroce delitto, che immediatamente lo sconvolge. Le certezze dell’ispettore cominciano a vacillare… E forse anche la sua sanità mentale. Proprio in questo clima di confusione compare il diario del padre, il famoso pittore Francisco Falcòn, che ci accompagna nel tempo… dalla guerra civile spagnola, al secondo conflitto mondiale, alla Tangeri del dopoguerra. Ed un dubbio strisciante ma sempre più insinuante si fa strada nella mente del lettore: esiste davvero un collegamento fra l’omicidio di Raúl Jimenéz ed i vecchi diari del defunto Francisco Falcòn? Un thriller di vero impatto. Coinvolgente, insinuante ed accattivante. Il ritmo degli avvenimenti però non è quello “nordico” a cui ci hanno abituato i grandi autori che svettano nelle classifiche negli ultimi anni. Il ritmo è tutto mediterraneo… c’è il sole, c’è caldissimo, c’è incertezza… gli eventi scorrono fluidi ma a velocità ridotta, facendo sì che il lettore faccia suo lo stato d’animo del protagonista e si appassioni alla doppia storia: quella dei diari del pittore, e quella ai giorni nostri dell’ispettore Falcòn. Il finale inaspettato è degno di un Thriller con la T maiuscola. Buona lettura..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri