La chimica della morte La chimica della morte

La chimica della morte

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

In un paesino isolato alla periferia londinese, iniziano a susseguirsi efferati omicidi. L'assassino non si limita a torturare e uccidere le sue vittime - tutte donne - ma le "trasforma" secondo la fantasia della sua mente malata... Deve trattarsi evidentemente di uno psicopatico, e nel paese si diffondono panico e sospetto. E' il dottor David Hunter, assistente del medico condotto locale ed ex autorità mondiale in fatto di analisi dei cadaveri, a indagare sul caso. La verità di cui verrà a capo sarà spiazzante...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.4  (5)
Contenuto 
 
4.4  (5)
Piacevolezza 
 
4.6  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La chimica della morte 2013-12-11 13:02:52 OmarQlibri
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
OmarQlibri Opinione inserita da OmarQlibri    11 Dicembre, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rotelle...che girano nel senso opposto

Coinvolgimento perentorio all'interno di un paesino isolato, abitato da persone semplici, ma furbe e fredde nel far prevalere la forza e l'astuzia su individui ingenui.
Scritto in prima persona, la dice lunga su quanto Beckett voglia renderci partecipi della sapienza del medico forense David Hunter e creare emozioni intense e divergenti durante la lettura del libro: appagamento, delusione, inquietudine, gioia, vertigine è il sapore che si ha leggendo questi capitoli.
Il titolo "la chimica della morte" dice niente sulla trama dell' opera, è può spaventare o far pensare a chissà quale concetto negativo..beh uno dei temi centrali, fin dalle prime pagine è l'amore, amore indelebile verso la moglie e la figlia scomparse tragicamente, ma comunque un amore che lascia spazio ad una una nuova donna, alla quale David cercherà di salvar la vita. Toccante.
Un bellissimo libro, consigliato a tutti..
Una volta finito di leggerlo però..una sola domanda rimane sospesa: "Una persona, a causa di delusioni, paure, problemi causati da altre persone nel corso della vita, può far tanto male ad animali e persone completamente estranee a tutto ciò?".
Strano il nostro intelletto..fa quasi..paura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri 3 libri di Beckett quali: scritto nelle ossa,i sussurri della morte,la voce dei morti.
Che conosca, David Hunter è l'unico protagonista antropologo forense.
Unico nel suo genere.
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
La chimica della morte 2011-05-08 20:29:45 Gondes
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    08 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA CHIMICA DELLA MORTE

Ho voluto conoscere questo autore, proprio partendo dal suo primo libro per non perdermi il suo esordio e valutare meglio gli altri suoi titoli.

Il primo approccio è stato sicuramente positivo. Lo stile è unico ed incalzante. Molto descrittivo, in particolar modo nella parte iniziale del libro, mentre l’ho trovato molto tecnico e preparato nel spiegare le varie fasi dopo la morte, cosa che pochi autori sanno affrontare. Veramente sconcertante ed interessante!!!
Non è uno di quei thriller che è impossibile trovare il colpevole. Ci sono disseminati almeno tre indizi nelle prime 130 pagine che se notati attentamente, danno un buon aiuto nel dare un volto al responsabile. Mi piace molto questa possibilità, mentre altri autori purtroppo non mettono in condizione il lettore di trovare la soluzione, limitandosi a svelare il nome dell’assassino solamente alla fine del libro, magari con un colpo di scena che quasi è impossibile immaginare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
La chimica della morte 2010-10-26 17:26:44 Kirk
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Kirk Opinione inserita da Kirk    26 Ottobre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Romanzo di esordio

Non sono un forte lettore di libri gialli, ma devo dire ho trovato questo libro molto coinvolgente. Molto veloce nel ritmo, prodigo di descrizioni. La trama si sviluppa senza caricarsi troppo aiutando i lettori un po' troppo pigri ( come me.. ) a non perdersi fra personaggi e vicende di contorno. Come romanzo d'esordio mi sembra un buon lavoro non vorrei esagerare in incaute associazioni ma un po' mi ha ricordato il primo Faletti di "io uccido".

Salute a tutti

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La chimica della morte 2009-08-05 18:01:51 Teresa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Teresa    05 Agosto, 2009

E' tutto una chimica..

Nonostante il tema trattato sia piuttosto "forte" per i deboli di stomaco, l'anatomopatologia forense, in parole povere lo studio sui cadaveri dopo il loro decesso, per stabilire motivo della morte, tempi e indizi necessari per capirne la causa, anche tramite lo studio degli insetti presenti sui corpi, lo scrittore riesce a creare la trama di questo thriller in modo poco tradizionale, con passaggi alquanto tecnici che rendono, forse, più leggibili alcune pagine.
Un cadavere di donna viene rinvenuto in un bosco e si scopre essere lì da qualche tempo..La polizia brancola nel buio per la difficoltà nell'identificare il corpo e chiede aiuto al medico di questo piccolo paese in cui si svolge la storia.
Sembrava impossibile, ma questo medico ce la fa...il problema è che la verità che ne trae è veramente sconvolgente.
Un libro che lascia senza fiato, l'ideale per una lettura sotto l'ombrellone!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La chimica della morte 2009-05-16 19:56:54 Sydbar
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    16 Mag, 2009
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza fiato

Il libro lascia davvero senza fiato il lettore, scorrevole e pieno di suspance ad ogni pagina. Se ne consiglia la lettura a chi ha voglia di brividi ed alta tensione in ogni passaggio.

Promosso a pieni voti Beckett

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
81
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri