La consulente La consulente

La consulente

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La giovane Taylor Lockwood divide le sue giornate tra il lavoro e le serate come pianista jazz. Ma la sua vita cambia all’improvviso quando uno degli avvocati dello studio in cui lavora, l’intrigante Mitchell Reece, le affida un compito a dir poco delicato: scoprire chi ha rubato il prezioso documento che potrebbe distruggergli la carriera. Sedotta dal fascino dell’imperscrutabile Reece, Taylor accetta l’incarico. Ma più scava nei segreti della Hubbard, White & Willis, più la posta in gioco si fa alta: perché qualcuno è disposto a tutto pur di veder realizzati i propri sinistri piani, e la sete di verità che sprona Taylor a proseguire nelle indagini rischia ogni ora di più di esserle fatale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
4.3  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La consulente 2014-02-25 20:35:44 paola melegari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
paola melegari Opinione inserita da paola melegari    25 Febbraio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ah l'amore cosa ci fa fare!

Mi sono affacciata a questo giallo con le aspettative di''Il collezionista di ossa''.
Delusione.
Non aspettatevi l'azione e la tensione psicologica del suddetto triller di Deaver. Non c'è paragone.
Continuando poi la lettura, mi sono ricreduta e l'ho letto molto volentieri.
Taylor Lockwood, figlia di un famoso avvocato, è praticante in un prestigioso studio legale di New York.
E' in corso una fusione con un altro studio .
Fra gli associati, c'è chi è a favore e chi è contrario.
Questo genera lotte intestine e strategie senza scrupoli.
Taylor viene incaricata di compiere indagini per la sparizione di un documento importante.
Si trasforma così in investigatrice:perspicace, acuta ed intelligente, la giovane si dimostra all'altezza del compito assegnatole, e fra omicidi-suicidi, agguati, bordelli, le indagini si intrigano con sempre nuovi elementi.
Simpatici i continui rifeimente ad'' Alice nel mondo delle meraviglie'', fiaba che la nostra Taylor ha mitizzato.
Confesso che come altri opinionisti ho avuto piuttosto precocemente il sospetto sull'identità dell'assassino.
Deaver è stato troppo prevedibile.
Carino, piacevole, consigliato a chi ama i legal trillers.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
legal trilleers
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

La consulente 2012-11-11 19:43:20 Pelizzari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    11 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Plotone di avvocati

Assomiglia a un libro di John Grisham, legal thriller ambientato a New York, negli ambienti di un prestigioso studio legale e di tribunali, popolati da un plotone di avvocati di grido e da giovani avvocati praticanti. La protagonista è Taylor ed è lei a spiccare fra tutti questi uomini di specchiata virtù. Intelligente e perspicace, anche molto "cat woman" e molto abile a scovare chi ha il cuore dell'assassino. Lo stile è come sempre coinvolgente, anche se forse rispetto ad altri thriller di questo autore, la prima parte è un pò lenta. Un pò eccessivi, a mio avviso, i frequenti riferimenti ad "Alice nel paese delle meraviglie", un pò stonano. E poi il colpo di scena finale, punto in cui Deaver è un vero maestro. Però...anch'io...questa volta...avevo indovinato!

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La consulente 2012-09-11 12:19:54 Sordelli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sordelli Opinione inserita da Sordelli    11 Settembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questa volta ti ho fregato, Jeffery!

Taylor Lockwood è una brillante giovane che lavora per la Hubbard, White & Willis, un rinomato studio legale di New York. L'altra sua grande passione è la musica jazz, che coltiva suonando in alcuni locali.
La sua vita è abbastanza tranquilla, fino a quando Mitchell Reece, intrigante avvocato del suo studio, le affida un importantissimo compito, chiedendole la massima riservatezza. Così, l'affascinante Taylor, si trasformerà ben presto in una spia e detective privata, scoprendo che dietro alla facciata di quegli "uomini della giustizia", spesso si nascondono delle persone tutt'altro che giuste, capaci di ricorrere ai mezzi più subdoli per vincere le loro lotte di potere o, peggio, persone che nascondono vizi e depravazioni che di legale non hanno proprio nulla.
La sua attività però, la metterà spesso in pericolo. E quando tutto vi sembrerà concluso....non preoccupatevi, perchè non lo sarà per davvero.

Che dire?! Dunque, cominciamo dicendo che sono totalmente di parte, in quanto amo Jeffery Deaver e la sua mente brillante, che partorisce sempre (o quasi) dei romanzi intricati che ti permettono di oliare gli ingranaggi della mente, spesso assopiti dalla tranquillità e banalità della vita quotidiana.
Il mio problema con Deaver è che non sono mai riuscita ad azzeccare chi fosse il colpevole, il che mi ha sempre inviperita in maniera incredile; beh, mai....fino a questo romanzo! Non so se è perchè ormai conosco abbastanza Deaver o se perchè ero stranamente "sveglia", ma ho capito subito chi fosse il mandante e chi avesse architettato tutto! Non capivo però il movente, ma...ehi, non si può capire tutto, no?
Tornando al romanzo, devo dire che mi è davvero piaciuto: la caratterizzazione dei personaggi è eccellente, e il fatto che "l'investigatrice", del resto, sia una ragazza normale (e non un detective pluridecorato o chessò io!) mi ha coinvolta particolarmente. Così mi sono ritrovata anche io ad indagare su questa famigerata cambiale scomparsa, mi sono ritrovata invischiata nella triste cattiva condotta di molti avvocati illustri e mi sono anche un po' innamorata.
Lo stile, a mio parere, è impeccabile. Non ho mai avuto problemi a seguire il filo del discorso e ho letteralmente divorato questo romanzo. Ho trovato altresì interessante l'ambientazione, che forse mi ha anche dato da pensare che probabilmente questo "marciume" descritto da Deaver esiste davvero. Ma questa è solo una mia riflessione e supposizione.
Io, ora, vi lascio alle vostre ;) non perdetevi questo romanzo, ricco di suspense, divertimento (Taylor ha un sarcasmo che adoro!) e di verità nascoste....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La consulente 2012-04-22 15:54:53 GLICINE
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    22 Aprile, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TUTTO ED IL CONTRARIO DI TUTTO

Ennesimo bellissimo libro di questo autore. Riporto testualmente:“Quando muore un’innocente puoi cercare giustizia .O vendetta.” Questa frase inserita sul frontespizio è la frase chiave che muove l’intera vicenda.
Il libro inizia con un avvertenza dell’autore che ricorda una cosa importante: “scrivere è un’arte che va appresa e affinata con la pratica”.Deaver ha affinato la sua arte arrivando a toccare l’eccellenza. Nulla è lasciato al caso, nulla è scritto in modo superficiale, tutto ha un senso ed un intreccio fittissimo che denota una grandissima capacità dell’autore stesso nel creare vicende intricatissime, appassionanti e scorrevoli nello stesso tempo.
Siamo a New York, all’interno del prestigiosissimo studio legale Hubbard White & Willis.
I personaggi sono molti, tutti perfettamente caratterizzati, nell’aria c’è tensione , in quanto i due soci anziani (uno più conservatore dell’altro) hanno creato due fazioni ben distinte all’interno del gruppo,essi si fronteggiano senza esclusione di colpi nel gestire la fusione con un altro studio per cui uno risulta essere a favore e l’altro meno.
Di fianco a questo braccio di ferro spiccano 2 figure: l’avvocato Mitchell Reece che è in procinto di chiudere una causa milionaria,al quale, qualche giorno prima dell’ultimo dibattimento, rubano un documento chiave per la vittoria, ed una praticante, Taylor Lockwood che viene ingaggiata dallo stesso Reece per aiutarlo a scoprire chi e come ha sottratto tale documento e il recupero dello stesso a tempo di record.
Gli ingredienti per un thriller che va anche oltre il thriller stesso ci sono tutti, la fama di potere, il denaro, le donne, la droga,l’ipocrisia. Tutto può essere il contrario di tutto. Ognuno è sospettabile, ognuno ha qualche scheletro nell’armadio che potrebbe rovinarne la carriera.
Come si muoveranno i due protagonisti principali? Il giovane avvocato di successo , punta di diamante dello studio e la giovane praticante che è già un’ottima promessa per il futuro?
Fino alla fine non si ha la percezione dell’epilogo dell’ ardita trama di Deaver che è un genio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mio romanzo viola profumato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orrore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fa troppo freddo per morire
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il presidente è scomparso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo Catalanotti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Tu che sei di me la miglior parte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cattiva
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Lady Las Vegas
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I formidabili Frank
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri