La figlia del tempo La figlia del tempo

La figlia del tempo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di La figlia del tempo, romanzo di Josephine Tey edito da Sellerio. Forse perché in Italia solo da poco tempo il racconto «giallo» ha vinto ogni discriminazione che lo esiliava dalla parte nobile della repubblica delle lettere, il nome di Josephine Tey da noi non ha una notorietà all'altezza della sua importanza. Si pensi che, in un catalogo critico di una decina di anni fa, introdotto da Patricia Highsmith - Crime & Mistery -, questo La figlia del tempo è citato fra i cento migliori polizieschi di tutti i tempi. Dagli anni Trenta ai Cinquanta, infatti, la Tey è stata una creatrice di grande forza innovativa, con l'invenzione del suo personaggio, l'ispettore capo Grant, che unisce l'aristocratico talento del venerando detective dilettante alla tenacia da segugio del poliziotto londinese che ama perdersi nella nebbia. Non c'è nebbia però in questo racconto, diventato una sorta di esemplare irripetibile nella storia del poliziesco. L'ispettore capo Grant è costretto in ospedale per un banale incidente e si annoia a morte. Un'elegante amica gli porta delle stampe che lo distraggano. Tra queste il ritratto di Riccardo III, famigerato sovrano inglese del xv secolo di cui la storia narra che fece uccidere i nipotini per impadronirsi del trono. Ma c'è qualcosa in quel viso, in quella postura, che accende l'intelligenza del raffinato detective e la pietà del poliziotto. E studiando carte, test e documenti, Grant scopre quanto la verità sia figlia del tempo: il tempo, che distorce e che riabilita.

Josephine Tey, pseudonimo di Elizabeth MacKintosh (1896-1956), scozzese, ha scritto numerosi polizieschi con l’ispettore capo Grant, tra cui L’uomo nella fila, il primo della serie, nel 1931.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La figlia del tempo 2012-11-22 22:30:55 Sydbar
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    23 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La figlia del tempo

Josephine Tey farebbe storcere un po' il naso ai puristi del giallo ma la rende comunque un'autrice di genere molto interessante.
In quest'opera narra di un'indagine accademica seguita a quattro mani da un funzionario di Scotland Yard, di nome Grant, costretto a letto per una semi-paralisi ed uno studioso di storia presso il British Museum di Londra, tale Carradine di origine statunitense.
L'argomento nasce come per una scommessa tra Grant ed una sua amica che passa in ospedale a trovarlo durante il suo ricovero.
L'arghomento? La vera personalità di Riccardo III, re d'Inghilterra, si lo stesso "orco" raccontato e descritto anche dal celebre William Shakespeare.
Attraverso tale indagine i due protagonisti ripercorrono, tramite lo studio di vari libri e documenti, la vita del pluridannato re anglosassone, scoprendo che a volte la storia è tutta una frottola ma che è altrettanto difficoltoso far emergere la verità, anche perchè la gente difficilmente accetta quello che ha appreso dandolo per scontato nonostante le strane evidenze. Riccardo III sarà stato davvero così perfido? Si sarà realmente macchiato di indicibili delitti come l'infanticidio?
La Tey ripercorre attraverso tale romanzo l'intera storia Inglese, fatta di sotterfugi, misteri e tradimenti, la storia inglese della caduta della famiglia dei Plantageneti a favore della famiglia dei Tudor.
Uno stile molto asciutto, pratico e diretto, con capitoli brevi rendono l'opera appassionante senza grandi clamori a cui il classico giallo può averci abituato.
La lettura risulta piacevole ma non entusiasmante.
Buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gialli, ma non per i puristi del genere.
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il dottor Bergelon
Il mistero della signora scomparsa