Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror La notte del professor Andersen
 

La notte del professor Andersen La notte del professor Andersen

La notte del professor Andersen

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Solo nel suo appartamento, il professor Andersen, cinquantacinquenne divorziato, docente di letteratura all’università di Oslo, sta festeggiando con solennità il Natale: l’albero decorato, l’abito elegante, la cena tradizionale. Mentre medita sul senso di appartenenza che gli dà abbandonarsi con «semplicità infantile» a quel rito collettivo, vede da una finestra della casa di fronte un uomo che strangola una donna. Afferra il telefono per avvertire la polizia, ma poi riaggancia, non chiama, e giorno dopo giorno continua a rimandare, finché la sua esitazione si trasforma in una totale paralisi della volontà. Perché è incapace di denunciare un omicidio? Perché è sempre più affascinato dall’assassino e ne spia ogni movimento, fino al momento in cui si troveranno faccia a faccia? Un inizio da Finestra sul cortile alla Hitchcock per quello che diventa un geniale «giallo di inazione», in cui la suspense è data non dall’indagine sul delitto, ma dalla crisi del testimone e dalla sua ossessiva autoanalisi che finisce per coinvolgerci in una spirale di provocatori interrogativi. Esiste un fondamento assoluto alla morale? La letteratura e l’umanesimo sono ancora in grado di influire sulla coscienza? Non consegnare un assassino vuol dire contravvenire a uno dei cardini della società o rifiutarsi di scagliare la prima pietra?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La notte del professor Andersen 2018-02-19 08:14:26 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    19 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La crisi dell'intellettuale in Norvegia

Un remaque de La finestra sul cortile, questo libro di Dag Solstad, intitolato La notte del professor Andersen. Ma non solo: un ritratto particolareggiato delle usanze norvegesi, il ruolo dell’intellettuale nella società norvegese, un monologo interiore sul vuoto morale della modernità. Parte da un delitto per terminare all’analisi della consapevolezza di una crisi, che è quella dell’intellettuale e della sua di lui generazione, mutati nell’intimo e nel proseguo della vita. E’ un noir filosofico, con poca azione, ma ricco di “polpa esistenziale”.

Il professor Andersen è, appunto, un professore universitario, un po’ dandy, insegna all’Università di Oslo, dove insegna letteratura, che è:

“un dandy antimaterialista in completo italiano solo al tavolo di un ristorante. Godeva comparire così davanti ai suoi studenti (…). In realtà non voleva far colpo su di loro, ma su se stesso. Indossare uno di quei completi gli dava un inebriante senso di libertà.”.

E’ la notte di Natale, e il professore sta festeggiando la ricorrenza con tutti i crismi. Non tanto perché ci crede, ma in quanto gli procura una felicità interiore, che è:

“ un ossequio alla tradizione culturale del suo paese, non da un senso religioso. La sua è una devozione atea a resti del passato, (…) smarrendosi nella nebbia della storia poco dopo aver visto la luce.”

In questo stato d’animo si affaccia alla finestra dove assiste ad un omicidio: un giovane uomo stringe forte il collo ad una donna, che crolla a terra. Dopo di che le tende vengono tirate e con loro cala il buio più totale. Il professore si rende conto di dover avvertire la polizia, ma non ci riesce. Solleva la cornetta del telefono e poi l’abbassa. Ne scaturisce il racconto, denso e filosofico, del flusso di coscienza che ne scaturisce. E’ uno scavo intimo e riflette non solo sulla coerenza e sul senso delle scelte individuali, ma anche sulla coscienza storica ed intellettuale della sua generazione. Ci sono pagine bellissime sullo scorrere del tempo e l’immortalità dell’ingegno dell’arte. Per non parlare della crisi dell’intellettuale moderno che lo conduce a domandarsi dove è finito il sentimento della sua generazione, quell’alleanza fra radicalismo politico ed avanguardia artistica, alla luce delle mutate condizioni socio-economiche della maturità.

Il dilemma è tra realtà e rappresentazione, e quello tra volontà e rappresentazione che sfocia in una forte dissonanza cognitiva: quello che è certamente successo (l’omicidio, di cui il lettore dubita fortemente), e il racconto, ovvero la rappresentazione di quel fatto.

Il colpo di scena di questo giallo metafisico è questa secca aporia lasciata in eredità al lettore. Così “l’autocoscienza” si disperde in una miriade di possibilità, che conducono al null, al nichilismo. Una lettura densa, molto forte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri