Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror La notte dimenticata dagli angeli
 

La notte dimenticata dagli angeli La notte dimenticata dagli angeli

La notte dimenticata dagli angeli

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

.Una giovane donna viene brutalmente violentata da tre uomini nel suo appartamento di Tokyo, sotto gli occhi della detective privata Murano Miro. Fortunatamente è solo una scena di Ultraviolence, un film hardcore di grande successo tra gli appassionati del genere. Miro sta fissando lo schermo seduta nell'ufficio di Watanabe Fusae, proprietaria di una piccola casa editrice di orientamento femminista e presidente di un'associazione in difesa delle donne. E lei ad averla contattata: Isshiki Rina, l'attrice protagonista del film, è scomparsa da alcuni giorni e Watanabe teme per la sua vita. Bisogna trovarla al più presto. Comincia così un'indagine all'interno della zona d'ombra della capitale, nei videonoleggi specializzati in film hard e nei locali notturni di Kabukicho, il quartiere a luci rosse di Tòkyo. Ad accompagnare Miro è Tomobe Akihiko, il suo nuovo vicino di casa, un simpatico quarantenne che gestisce un gay bar nel frenetico quartiere di Shinjuku. Le loro ricerche si rivelano subito fastidiose per gli uomini della Create Pictures, la casa di produzione di Ultraviolence: figure che si muovono abilmente tra il mondo della pornografia e quello della prostituzione, come il regista Yashiro Sen, uno dei personaggi più in vista e influenti nel mondo del porno. L'indagine si fa a tal punto intricata che Miro dovrà rischiare la propria incolumità e scavare a fondo nel fosco passato di Rina per venirne a capo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La notte dimenticata dagli angeli 2016-12-07 07:16:29 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    07 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricerca di una verità occulta

Murano Miro ritorna in un thriller dai contorni violenti, con tratti eleganti ed intrecci erotico-sentimentali in una Tokyo fredda e piovosa che conserva i colori tenui della notte, cupa come il mondo pornografico ivi descritto ed i loschi personaggi di contorno che si muovono nell' ombra.
La trama, semplice e lineare, ha inizio con la misteriosa scomparsa di una ragazza, Isshiki Rina, dal passato enigmatico e dal presente nebuloso, invischiata suo malgrado nel mondo della pornografia ( nei panni di attrice ), forse morta suicida, o assassinata, o semplicemente fuggita per ragioni imperscrutabili.
L' investigatrice Murano Miro viene contattata da Watanabe Fusae, promotrice di un movimento in difesa dei diritti violati delle donne, per rintracciare la ragazza, ricostruirne la storia e capire se abbia subito una violenza ( come si sospetta ) durante uno dei film interpretati.
Inizia un iter investigativo che alterna intrecci personali, relazioni erotico-sentimentali vere o presunte, una discesa agli inferi in un mondo aspro e crudele ( la pornografia ) in bilico tra finzione e realtà, potere e denaro, al confine tra indagine poliziesca e storia romanzata e con colpi di scena finali ( pochi e piuttosto scontati ).
Murano Miro è una donna sfuggente, malinconica, segnata da un dolore incancellabile ( la morte del marito due anni prima ), si muove nell' ombra, è di poche parole, scarsamente empatica se non con chi sente parte di se' ( il vicino di casa Tomobe ).
Si sposta in solitudine, osservando il reale e ricostruendo il possibile, tessendo una trama ogni volta strappata e reinventata, analizzando il profilo psicologico dei personaggi in scena, sempre con una posizione defilata, in punta di piedi, accarezzando la storia, con grazia e leggiadria.
Per gran parte della narrazione più che di un thriller parliamo di romanzo, perché gli intrecci sono romanzati, le cadenze lente, lunghe descrizioni analitiche tratteggiano vite e protagonisti, costruiscono realtà disparate, intrecciano rapporti profondi, entrano in mondi sommersi.
Ne esce una scrittura con cadenze non propriamente da giallo, ovvero quella lentezza apparente che può anche ammagliare ma che finisce con il suscitare ( in questo contesto ) una certa staticità.
Tutta la prima parte è un racconto ripetitivo nei contenuti, certamente ben scritto ma non propriamente originale. La figura di Isshiki Rina, la ricercata, è sfuggente, scompare nell' ombra, forse è solo una ipotesi, potrebbe anche non esistere, o mostrarsi sotto mentite spoglie, vittima o colpevole, non lo sappiamo.
I personaggi di contorno non spiccano per originalità, sono stereotipi della contemporaneità ( il cattivo sadico, bello e impossibile, la femminista oltranzista e battagliera, la vamp fascinosa e crudele, gli scagnozzi palestrati, l' intellettuale solo e sfigato ) fuorche' Tomobe, figura complementare a Murano, in un certo senso sua antitesi, ( l' amore tra i due è impossibile per le inclinazioni sessuali di lui ), in realtà suo complemento, dotato di un certo spessore umano e culturale oltre che di humour ( alquanto briosi i dialoghi tra i due ).
Il finale è una corsa contro il tempo, un insieme un po' frettoloso di situazioni e capovolgimenti con cambi improvvisi di rotta, sarebbe stato più opportuno un approfondimento dei temi trattati con particolare riferimento alla figura di Isshiki Rina a scapito della prima parte, lunga e melensa.
Ed allora cosa rimane? Della storia e del giallo non molto, dall' esito piuttosto scontato, della scrittura una certa linearità e naturalezza tendente alla prolissità, alcuni dialoghi vivaci ed interessanti, ma soprattutto l' affascinante Murano Miro, voce fuori dal coro, dotata di semplice complessità, di spessore psicologico, sfuggente e intrigante, dolce e mordace, la sola protagonista di un romanzo-thriller per il resto non propriamente esaltante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri