La notte più lunga La notte più lunga

La notte più lunga

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Come a ogni alba, la detective Renée Ballard torna al distretto con addosso tutta la stanchezza della notte. È la sua croce, fin da quando si è scontrata in malo modo con i suoi superiori: essere relegata al turno che va dalle sette di sera alle sette di mattina, quello che i poliziotti chiamano "l'ultimo spettacolo", e dove se resti troppo a lungo ti appioppano soprannomi come "il Relitto". Ma stavolta alla stazione di polizia c'è una sorpresa ad aspettarla: uno sconosciuto con i capelli grigi e i baffi, intento a frugare tra i vecchi schedari. Un intruso che si chiama Harry Bosch. Proprio lui, il detective del LAPD in pensione che adesso si occupa di cold case al distretto di San Fernando. Harry sta indagando sul caso irrisolto della quindicenne Daisy Clayton, una ragazzina scappata di casa e ritrovata morta in un cassonetto. Una giovane vita finita come un sacco di spazzatura. Bosch ha conosciuto la madre della ragazzina, e non riesce ad avere pace sapendo che chi ha fatto del male a Daisy è ancora a piede libero. Non è facile per Renée, la cui natura scontrosa le ha già alienato parecchie amicizie, superare la diffidenza: Harry Bosch l'ha sentito nominare, sì, ma per lei è un perfetto sconosciuto. E comunque, di solito, Renée non si fida degli uomini. Eppure, quando viene a saperne di più sul caso a cui Bosch è tanto interessato, qualcosa in lei si scioglie. Al punto che sarà proprio lei a voler partecipare alle indagini...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La notte più lunga 2019-10-16 08:29:51 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    16 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una nuova coppia

In questo romanzo Connelly fa incontrare due dei suoi figli più noti al pubblico. Ne esce una coppia credibile, ben assortita e capace di mettere assieme una trama semplice, ma di effetto. Avevo già conosciuto il detective Bosch agli albori della sua carriera letteraria, adesso l’ho ritrovato dopo parecchi anni un po’ acciaccato e stanco nel fisico, ma ancora entusiasta. Conosco qui, invece la detective Ballard altrettanto attenta e precisa nel lavoro e con molti motivi razionali e validi per cambiare lavoro ma molte più ragioni irrazionali per continuare, invece a farlo. Entrambi, per ragioni diverse sono stati spinti dal sistema ai margini del distretto di polizia. Lui, ormai in pensione si occupa di casi freddi: i reati piuttosto datati, ma mai risolti. Nel corso del libro riuscirà a farsi buttare fuori anche da questo lavoro, ma non a farsi passare la voglia di giustizia. Lei, è stata punita per avere denunciato delle molestie sessuali subite sul posto di lavoro e quindi trasferita al turno di notte. Si tratta del turno più scomodo: quello in cui i poliziotti iniziano a fare esperienza e da dove se ne vanno il prima possibile alla ricerca di migliori opportunità di carriera. Rassegnata al suo destino, ma mai attirata dall’umano desiderio di prendersela comoda o di tirare a campare. Entrambi conducono per scelta una vita solitaria e direi quasi ai minimi termini. Molto pochi i contatti umani che hanno nel privato, ma quei pochi possono contare su due persone leali, generose e sempre pronte a spendersi. E’ questa loro caratteristica a farli incontrare e a convincerli a superare la loro naturale ritrosia e a impegnarsi nella soluzione dello stesso caso. Si tratta della morte di una ragazzina scappata di casa avvenuto parecchi anni prima. La madre della ragazza è temporaneamente ospitata a casa di Bosch e lui le ha promesso che le porterà un colpevole, anche lavorando nel suo poco tempo libero. Ballard, invece non ha alcun contatto con la vittima, ma quando trova quell’uomo dalla chioma argentata che fruga nei cassetti di un suo collega si incuriosisce e decide che Daisy merita giustizia. I due iniziano la collaborazione, continuando contemporaneamente a svolgere il lavoro quotidiano. Connelly è molto abile nell’accompagnarci nell’attività quotidiano dei due senza mai farci perdere di vista il caso principale: quello di Daisy. Con l’abilità degna solo di chi ha lunga esperienza lo scrittore ci racconta varie vicende, diversi crimini, facendo in modo di mantenere sempre la nostra attenzione. Tutto è chiaro e lineare, mai un passaggio brusco, mai la necessità di fermarsi per capire in che intrico siamo finiti. I personaggi pur nella loro bizzarria sono comunque realistici e capace di attirarsi simpatia. Molto credibili anche le indagini fatte a volte frutto di intuizioni e di qualche colpo di fortuna, ma sempre giustificate da spiegazioni razionali e logiche. Anche il paziente lavoro di archivio fatto dai due investigatori non è mai noioso, semmai serve a stuzzicare la curiosità del lettore. Interessanti le figure dei due protagonisti. Due poliziotti navigati, la cui esperienza avrebbe potuto farli diventare aridi e duri, ma che invece mantengono una rigida morale, che solo a fatica si deforma. E’ la stessa Ballard a mettere i paletti del loro lavoro: piegare le regole, ma mai infrangerle. Mi è piaciuto anche il finale: senza grossi picchi di adrenalina, come non ce ne sono in tutto il resto del romanzo, ma comunque capace di far passare in poche righe tutta una gradazione di emozioni e di dubbi morali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri