La ragazza senza pelle La ragazza senza pelle

La ragazza senza pelle

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un giornalista che si imbatte in un mistero conservato per anni dai ghiacci perenni, e una ragazza inuit un po' selvatica ma forse disposta ad aiutarlo. Il nuovo thriller nordico arriva dalla Groenlandia. Matthew Cave è tornato in Groenlandia - terra di notti troppo lunghe e di un bianco che ferisce lo sguardo con la sua bellezza accecante - per lasciarsi alle spalle un dolore devastante. Quando viene ritrovata una mummia, la cui scoperta potrebbe cambiare la storia del Paese, Matthew è il primo giornalista a precipitarsi sul posto. Durante la notte, però, il corpo mummificato scompare e il poliziotto di guardia viene ucciso con ferocia disumana. Tagliato fuori dalle indagini, Matthew decide di scoprire qualcosa su alcuni casi degli anni Settanta che sembrano collegati alla vicenda della mummia. Suo unico aiuto Tupaarnaq, una ragazza nativa con la quale finirà invischiato in una storia ben più complessa di quel che potevano sospettare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La ragazza senza pelle 2018-12-09 21:14:04 AndCor
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    09 Dicembre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il concetto di 'razza' nel 1973 e nel 2014

Siamo in Groenlandia, paese del cielo nero perlato della notte e del bianco rifulgente della neve di giorno.
Il giornalista americano Matthew Cave torna per lavoro nella sua terra natale, carico di un doloroso passato che accompagna la sua quotidianità con lacrime e incubi. Nella capitale Nuuk, è stata rinvenuta una mummia all’apparenza millenaria, e Matthew ha l’incarico di scrivere un normale articolo di Archeologia, quando accade l’impensabile durante la prima notte successiva al ritrovamento: il corpo mummificato sembra essersi volatilizzato e il sorvegliante di turno Aqqalu viene trovato sventrato e privo delle interiora. Le indagini ufficiali escludono ovviamente il coinvolgimento del reporter, ma quest’ultimo svolge un lavoro parallelo che fa riemergere una serie di ‘cold case’ avvenuti nella stessa cittadina e risalenti agli anni Settanta che presentano numerose analogie con l’omicidio di Aqqalu. Qui entra in gioco Tupaarnaq, una nativa del luogo dal fascino magnetico e marchiata a fuoco in gioventù dalla condanna per omicidio plurimo dei suoi familiari: i due scaveranno a fondo, sin troppo, fino a scoperchiare un vaso di Pandora fatto di sperimentazioni farmacologiche, vendette efferate, silenzi e abusi su donne e bambini.

In una dimensione geografica quasi del tutto inesplorata a livello letterario-romanzesco, siamo di fronte a un thriller dall’impronta essenzialmente nordica, dove risalta il perfetto connubio tra la scenografia di grande potere evocativo e l’intreccio narrativo ricco di poche luci e molte ombre. Ombre che richiamano persino le cupe sfumature del nazionalsocialismo, e in cui personaggi dall’animo dannato e irredimibile si muovono su due piani temporali paralleli legati dall’estremo bisogno dell’oblio: in passato, sopraffare e spadroneggiare sui più deboli ha messo in mostra il loro volto più bieco e spietato, e le conseguenze si riflettono sul presente dei sopravvissuti, condannati a una (non) vita di perenni ansie e inquietudini.
Non mancano inoltre continui riferimenti alla cultura groenlandese, con superstizioni, riti, usi e costumi che sono parte integrante dell’intreccio e della vita dei personaggi principali. Risulta dunque un romanzo mai asfittico o banale, dal ritmo sbarazzino e dalla narrazione che viaggia repentinamente dai fatti attuali ai flashback raccontati attraverso le pagine di un taccuino dotato di vita propria.

Un thriller che non (si e ci) risparmia niente, in cui è impressionante come ‘A volte i periodi difficili spingono le persone ad abbandonare la morale e l'etica.’.
Aspetti salvifici, questi ultimi due, e presenti in un finale che sorride alla speranza e introduce già l’inizio del secondo romanzo della serie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri