La storia di Lisey La storia di Lisey

La storia di Lisey

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Come è fatto il mondo segreto di uno scrittore strapremiato, adorato dal pubblico e dalla critica? Per venticinque anni Lisey è stata sposata al celebre Scott Landon. Però ora Scott è morto, e la vita di Lisey è uguale a quella di tante altre. Non siamo a Boo'Ya Moon, bensì nel prosaico Maine, dove lei affronta il triste compito di svuotare il gigantesco studio del marito, con la sua mole di manoscritti. Un gesto innocente, ma che può scatenare le reazioni inconsulte di certi fan un po' particolari. E non è tutto. Impegnata da una parte a difendersi dagli assalti alla sua persona, Lisey si rende conto, su un altro fronte, di essere come una porta lasciata aperta su quell'altro mondo ai confini tra ragione e pazzia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.2  (7)
Contenuto 
 
3.9  (7)
Piacevolezza 
 
3.6  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La storia di Lisey 2017-01-08 21:50:49 Microex
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Microex    08 Gennaio, 2017

Uno Stephen King diverso

Ho letto quasi tutti i libri di Stephen King e sono molti quelli che ho trovato brillanti e che mi hanno lasciato un senso di appagamento una volta conclusa la lettura. Ciò però non è accaduto con "La storia di Lisey" (Lisey's Story).
Il libro si discosta dai soliti romanzi Kinghiani: la protagonista è una donna, Lisey, sposa ormai cinquantenne di uno scrittore morto molto famoso e altrettanto problematico. Il libro si articola su 3 archi temporali diversi, cosa che rende un po' lenta la lettura. In alcuni punti si fa fatica a seguire il filo conduttore del romanzo e, fino alla fine, non si capisce a cosa stia andando a parare l'autore. Ho trovato l'uso di termini familiari e colloquiali molto interessante, con l'unica pecca che forse dovevano essere descritti più approfonditamente poiché fino a metà libro ero convinta che il "bool" fosse, erroneamente, una cosa negativa quando invece rappresenta una specie di "regalo" (però non ci metterei una mano sul fuoco, l'interpretazione è sfuggevole).
Fortunatamente tutti i quesiti trovano soluzione, anche se fino all'ultima pagina, si può avere il dubbio del contrario. Bisogna avere solo molta forza di volontà (o amore verso questo scrittore) per riuscire a raggiungere il finale.
La modalità di scrittura è, come sempre, piacevole nonostante la lentezza esasperante di alcuni punti e la difficoltà di seguire appieno alcune descrizioni molto prolisse.
Ho trovato la storia d'amore alle spalle molto bella e coinvolgente, un King davvero romantico e commovente in molti punti (anche se, personalmente, non al livello di 23/11/63) e non ho potuto fare a meno di sentirmi in sintonia con Lisey.
In sintesi direi che il romanzo sarebbe stato perfetto con alcuni tagli, ed io non sono tipa che disprezza i "mattoni" da 1000 pagine. È un esperimento e gli è riuscito solo in parte, ha potuto dimostrare a noi "fedeli lettori" che è capace di mescolare temi disparati facendo uscire un romanzo che non sia un pastrocchio. Non lo consiglio perché vi sono altri suoi libri più belli da leggere ma di sicuro non posso dire sia da buttare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La storia di Lisey 2015-08-23 17:14:09 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    23 Agosto, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due cuori, uno luminoso, l'altro buio.

Appena ho chiuso questo libro, ho pensato di aver appena finito una delle più belle storie d’amore mai lette; di solito non amo il genere “storia d’amore”. In particolare trovo estremamente difficile che le “love story” non siano noiose.
Tristano e Isotta, per me, sono LA storia d’amore. Pochi altri hanno avuto il mio plauso, dopo di loro.
Ma uno è King con la sua Lisey.
E dal momento che si parla di King e di una storia d’amore che piace a me, ovviamente essa è scarsamente “canonica”.
Lisey è la devota ed amatissima moglie di Scott Landon, scrittore di successo, cresciuto in una famiglia difficile e con più di qualche ombra nel suo passato.
Lisey è una moglie quasi sempre in ombra, come apprendiamo sfogliando insieme a lei alcuni ritagli che celebrano la carriera del marito. Poco presente nelle fotografie, quando presente spesso indicata con un nome sbagliato, scritto male, definita “amica” o non menzionata affatto.
In realtà Lisey è una donna coraggiosa ed intelligente che, di fatto, passa la vita accanto a suo marito, capendolo sempre e salvandolo molte volte.
Lisey salva Scott da sé stesso, dai fantasmi del passato, da psicopatici attentatori armati di pistola (e lo salva a colpi di vanga – scena grandiosa, peraltro).
Sfogliamo i ritagli perché Scott è morto e Lisey alla fine decide di riordinare le carte del marito.
Partendo da qui ripercorriamo alcuni momenti della loro vita insieme, apprendiamo il linguaggio segreto che i due coniugi hanno usato (ed usano) ed apprendiamo di un “altrove” dove ci si può rifugiare e qualche volta guarire dal male che si incontra “qui”.
Ma l’altrove è un posto pericoloso, abitato da presenza inquietanti ed insieme di sublime bellezza. Un luogo con regole precise che non possono essere violate.
Neppure quando si torna Qui.
Non voglio spoilerare, ma Lisey con l’aiuto di Scott dovrà affrontare un altro pericoloso e sadico psicopatico, compiere innumerevoli viaggi da qui all’altrove, ritrovare una sorella, prendere forse congedo, per un po’, dal marito.
Il tutto scritto come un continuo passaggio fra presente e passato, fra qui ed altrove, fra un personaggio e un altro. Poteva essere caotico fino a diventare delirante. Ed invece è mirabile.
Certamente uno dei punti di forza del libro.
L’altro, of course, come si diceva è l’amore.
Quello fra Lisey e Scott talmente radicato in loro e allo stesso tempo “normale”, da esigere un linguaggio proprio. Un amore che parte con la consapevolezza che amare non solo rende vulnerabili, ma fornisce anche un tremendo potere sull’altro.
Poi c’è la famiglia.
Quella di Scott che è un grumo di dolore, quella di Lisey viene descritta con pennellate caustiche di rara veridicità, con le sue nevrosi ed ipocrisie di fondo. Ma c’è anche l’amore. In particolare fra fratelli (Scott e Paul) e fra sorelle (Lisey ed Amanda) anche questo ripercorso attraverso ricordi e linguaggi che mi hanno fatto pensare a “Lessico Famigliare” della Ginzburg; ed infine l’amore forse più disperato e impotente, quello paterno, di Sparky Landon per i suoi figli ed in particolare – alla fine – per Scott.
Lo so che forse parlare di “amore” per quest’uomo malato e violento possa anche suonare incongruo. Però ho trovato tanto brutalmente tenero il modo in cui, alla fine, permette al figlio di salvarsi che… e va be’. Mi son proprio commossa.
Ah.
Da leggere subito, obviously.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La storia di Lisey 2013-07-19 20:44:11 Claudio
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Claudio    19 Luglio, 2013

Lento. Prolisso. Debole.

Non fosse stato un libro di Stephen King (sì, sono un suo fan), l'avrei riposto nell'armadio dopo aver letto il primo centinaio di pagine.
Ho trovato questo romanzo davvero troppo descrittivo, con una storia poco incisiva, senza colpi di scena e anche un po' noiosotta.
La lettura è stata a mio avviso troppo macchinosa e "contorta".
Ho odiato quando durante un dialogo, tra una battuta e l'altra, King abbia continuato ad eccedere in parti descrittive o commenti, dilatando a 10 pagine un dialogo che poteva durarne solamente un paio, spezzandone quindi il ritmo e facendo subentrare in me noia e irritabilità!
In un romanzo la descrizione di per se va bene...ma qui si esagera!
Ne "La Storia di Lisey" però non è tutto da buttare via per carità! Su 600 pagine ci sono state parti interessanti (eh meno male!), la cui lettura è risultata piacevole, ma questo non ha avuto la meglio sugli aspetti negativi che ho appena elencato.
Peccato.
La storia in se era affascinante, quasi "malata" (in senso positivo), ma si poteva fare molto di meglio.
King ha fatto molto di meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
La storia di Lisey 2013-04-18 22:12:21 andrea70
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    19 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Adesso siamo due...

Questo è il libro di King più difficile da giudicare e da comprendere, forse il primo davvero lontano dai soliti schemi. Dimenticate i romanzi pieni di tensione e colpi di scena, non cercatene qui o rimarrete delusi . Abbiamo il King più autobiografico, intimista e pieno di simbolismo che abbiate mai letto.
Scott e Lisey, Lisey e Scott, due corpi e un'anima. Lui uno scrittore di enorme successo, lei la moglie devota e silenziosa che, lontano dai riflettori, lo salva più volte dai demoni del suo passato e del presente, è l'unica a cui Scott confidi la follia della sua infanzia, dolcissima e dolorosa, la parte più appassionante del racconto. L'inizio del libro è piuttosto lento, quasi noioso, ma parla della quotidianità di Lisey e poi di Lisey e Scott insieme secondo vari piani temporali, ci vuole tempo per imparare a conoscersi per poi riuscire a comprendersi, ci vogliono pagine per capire dove ci vuole portare King.
Quando Scott muore , la tranquilla Lisey si trova a convivere con un dolore e una solitudine che la soffocano con il peso dei ricordi, ma le minacce di uno psicopatico le faranno ritrovare la forza di lottare sorretta da un legame mai spezzato con il marito. Al buon Stephen piacciono i mondi paralleli e li usa anche qui, ma sono il simbolo del luogo dove va chi si perde, chi fugge dalla realtà travolto dalla proprie debolezze e paure, dove chi ci ama può venire a recuperarci, dove gli scrittori attingono alla "pozza delle storie" , ma dove c'è un mostro in agguato, una figura senza una forma definita che può portarti via, il simbolo di ciò che può distruggere un uomo.
Si possono non amare Scott e Lisey ma non si resta insensibili di fronte alla straordinaria forza del loro legame, all'originalità di un lessico coniugale fuori dal comune e al fascino del loro mondo "parallelo". King pesca a piene mani dalla sua precedente produzione (da "La torre Nera" a "Il Talismano" , da "IT" a "Dolores Claiborne" passando per "Mucchio d'ossa" e lo splendido "Rose Madder"), autoplagio ? No, se un cantante può suonare decine di pezzi che parlano dello stesso argomento allora King può permettersi di elaborare concetti già esposti trovando nuovi sviluppi, mostrandoli attraverso un'altra faccia tra le moltitudini che ci riserva il meraviglioso poliedro della sua fantasia. Romanzo dai molti significati, uno dei quali è in una riflessione di Lisey "C'erano molte cose che non ti raccontavano della morte, e una di quelle principali era quanto ci voleva perchè le persone che più avevi amato morissero anche nel tuo cuore"
A volte tutta la vita che resta...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
22/11/63
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La storia di Lisey 2011-11-06 17:07:04 alexmai
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
alexmai Opinione inserita da alexmai    06 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Loving you without you now...

Amarti anche se non ci sei più. Il titolo di una canzone tratta dal nuovo album di Paul Stanley, frontman di quei Kiss spesso citati in modo oscuro o esplicito da Stephen King nei suoi romanzi, si presta bene a descrivere in una sola frase l'ultima fatica del maestro di Bangor. Lisey's story, La storia di Lisey, è l'ennesimo giro di giostra dedicato a uno scrittore: Tabitha, la moglie di Stephen, non ha preso bene quest'ultimo romanzo, gli ha chiesto se c'era davvero bisogno di un'altra storia del genere, dopo Misery, Mucchio d'ossa, La metà oscura e i molti altri lavori cui state pensando.
Ma stavolta il protagonista non è lo scrittore, quanto la sua superstite moglie, che continua ad amarlo anche se lui non c'è più.
Lisey è la dolce metà, oscura fino alla morte del marito, ritratta in secondo piano su alcune delle foto che suo marito Scott Landon ha conservato nel suo studio. Moglie che lo ha salvato diverse volte, sia metaforicamente dai demoni del passato, sia praticamente da un "cowboy dallo spazio profondo". Questo e altri termini ci fanno compagnia in questo "forcuto" libro, dove la soluzione ai problemi richiede che vengano "cinghiati". All'inizio si fatica un po' a seguire questo lessico familiare, ma poi CISSICA diventerà qualcosa che capiremo al volo.
Lisey si ritrova a combattere con i ricordi, disposti su più piani temporali paralleli, ricordi di momenti perduti "come lacrime nella pioggia", racconti dell'infanzia di Scott, ricca di demoni simili a quelli che potrebbero aver animato quella di Stephen. Il rifugio è Boo'ya Moon, l'Isola che non c'è dove i bimbi sperduti sono coperti da sudari scuri, intenti a scrutare la pozza delle storie, dove "tutti noi andiamo a bere".
Rifugio lungi dall'essere sicuro, abitato com'è da strani esseri da incubo, specialmente quando il sole lascia il posto alla luna. Ci sono frammenti di Rose Madder, de Il Talismano, de La torre nera, piccole strizzate d'occhio al resto della produzione kinghiana. Il bool, gioco dell'oca da sogno o da incubo, a seconda di chi è a disegnarne il percorso, è un modo per trascinarci nel mondo delle storie, meravigliose e inquietanti, di quello che a mio avviso è uno dei più grandi scrittori della nostra epoca, i cui libri saranno ancora sugli scaffali tra qualche decennio.
Davanti alla pozza delle storie, Scott/Stephen potrebbe avere incontrato altri suoi simili. Gente con la mente popolata di storie, storie di bambini cresciuti nella violenza, abituati a combattere demoni invincibili, scrittori apparentemente fragili cresciuti in orfanotrofi, che riescono a trasformarsi per amore di donne come Lisey: sulla riva della pozza c'è gente che racconta storie, e lo scrittore è colui che le porta nel nostro mondo.
La pozza personale di Stephen King, ne sono convinto dopo la lettura di Lisey's story, è ancora ricchissima di sogni e incubi.
Li scopriremo insieme.
Domani.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La storia di Lisey 2010-02-03 17:12:05 William
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da William    03 Febbraio, 2010

Diverso dal solito, ma ottimo risultato

Devo ammettere che leggere questo libro per un'appassionato di King è dura. Il motivo è semplice, è un libro lontano dal mondo a cui king ha abituato molti suoi fans.
Superata la fase iniziale abbastanza ambigua il libro prende parecchio, spazia tra vari temi come l'amore perduto, il rapporto tra sorelle, la voglia di non affrontare il passato, e la forza di andare avanti con la vita. Il genere di questo romanzo dice molto della sua particolarità, secondo me è un libro che spazia dalla storia d'amore al fantasy estremo fino ad arrivare al thriller.
Libro fortemente originale vicino ad essere un capolavoro 9/10.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Sparks
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
La storia di Lisey 2008-05-29 06:03:02 FERDINANDO
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da FERDINANDO    29 Mag, 2008

BANALE

L'AUTORE DELLA SAGA DI ROLAND QUESTA VOLTA NON E' RIUSCITO AD APPASSIONARMI.
IL LIBRO PARLA DELLA STORIA DI LISEY MOGLIE DI UN NOTO SCRITTORE CHE DOPO LA SUA MORTE VIENE PRESA DI MIRA DA UN MANIACO.
SFRUTTERA' DELLE CAPACITA' APPARTENUTE AL SUO DEFUNTO PER TRARSI DI IMPACCIO.
LA STORIA SEMBRA NUOVA MA PRENDE A PIENE MANI DA ALTRE GIA' SCRITTE E PROPRIO DA LUI.
NELLA SAGA DEL PISTOLERO SI TRATTAVA DI ANDARE A CONTEZA NELLA CASA DEL BUIO DI FLIPPARE QUI DI VIAGGIARE MA ALLA FINE SEMPRE DI UNIVERSI PARALLELI SI TRATTA.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri