La tempesta del secolo La tempesta del secolo

La tempesta del secolo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Little Tall Island è un'isoletta davanti alle coste del Maine. D'estate ferve di turisti e aragoste, d'inverno i pochi residenti - gente solida, di mare - restano a fronteggiare una natura ostile. Una comunità piccola ma efficiente, abituata a contare su se stessa e a custodire i propri segreti... Come in questa bufera, in cui l'isola rimane tagliata fuori dal mondo per più giorni e, assieme alla furia degli elementi, si scatena anche qualcos'altro. Qualcosa che nessuno aveva mai visto fino ad allora.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.6  (5)
Contenuto 
 
4.4  (5)
Piacevolezza 
 
4.6  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La tempesta del secolo 2020-05-18 20:14:43 Bruno Izzo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    18 Mag, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il valore delle scelte

Molti, direi anche troppi, dei romanzi di Stephen King hanno avuto una trasposizione cinematografica, alcuni anche molto fortunata.
Anzi, qualcuno conosce più lo scrittore del Maine come ispiratore di film baciati da un certo successo, a firma di registi che vanno per la maggiore, che per averne effettivamente letti i libri.
È il caso di “Shining” diretto da Stanley Kubrick, de “Le ali della libertà” o “Il miglio verde”, ambedue a cura di Frank Darabon; molti altri invece sono stati magari successi di pubblico, ma da dimenticare, film davvero di bassa lega, horror e splatter che con il vero King, signor scrittore, non hanno molto a che fare.
Il motivo per cui il cinema ha massivamente saccheggiato i testi di King per farne copioni e sceneggiature stanno, oltre che nell’originalità dei temi e la ricchezza di spunti e idee ammalianti nei suoi testi, proprio nel modo direi magistrale di scrivere del nostro.
Nei suoi libri, Stephen King si esprime per immagini, letteralmente ti fa “vedere” luoghi, fatti, personaggi; il Re dell’Horror, com’è superficialmente etichettato, ha un modo tutto suo di esternare cose e sentimenti, letteralmente pone il suo lettore in prima fila, e gli sciorina i suoi testi sotto forma di figure animate sul personale schermo mentale di ognuno.
King è un maestro nella sospensione dell’incredulità, stringe un patto con i suoi fedeli lettori, li invita ad accomodarsi, fidarsi di lui, girare le pagine, e letteralmente ti trasporta nel suo mondo fantastico.
Nello stesso tempo che il lettore è rapito dall’incanto della sua narrazione, lo emoziona, e intanto che scorre la sua narrazione, tra le righe infila il suo messaggio artistico, la sua morale, la sua opinione.
Non la sussurra all’orecchio, te la fa vedere in testa, a modo tuo, nella maniera più adatta al suo lettore, che così si ammalia, si lega per sempre alle sue storie, ai suoi libri, almeno quelli più riusciti. Uno scrittore che si esprime per immagini, dunque, l’ideale per i cineasti.
Volete che un autore così non si cimenti lui stesso, direttamente, in una sua sceneggiatura?
“La tempesta del secolo” infatti, non è un romanzo, ma una sceneggiatura.
Uno spettacolo con un cast ricchissimo, l’intera cittadinanza di una piccola isola, e questo è nelle corde dello scrittore, abilissimo a descrivere tutti i tratti somatici e interiori caratterizzanti le singole figure che animano le sue storie, senza perdere di vista l’insieme del racconto.
A complicare le cose, il set è ridimensionato, giusto per dare un pizzico di pepe in più alla narrazione; a causa, infatti, di una perturbazione di eccezionale violenza, la tempesta del secolo, appunto, l’intera comunità è intrappolata sull’isola, nessuno può entrare, nessuno può uscire.
Niente di grave, dopotutto, queste comunità isolane mettono in preventivo la possibilità di ritrovarsi tagliati fuori dal mondo per un periodo, sono attrezzati all’uopo.
Solo che stavolta, rinchiuso con loro, con loro, c’è una brutta persona: Andrè Linoge.
Angelo o demonio, stregone o umano, tra loro c’è l’elemento perturbatore degli equilibri che intercorrono tra i cittadini, brave persone quando tutto va bene. E quando tutto va male?
Quando il male si chiama Andrè Linoge? E chi sarebbe, chi è Andrè Linoge?
Essenzialmente, André Linoge è un contenitore.
Un armadio, un archivio, un classificatore, un vaso di Pandora all’incontrario.
Esso è un recipiente che racchiude in sé tutte le nefandezze, le scelte errate, scorrette, sballate, malefiche commesse dagli abitanti della piccola isola.
Si badi, Linoge non è il male, è soltanto un involucro che racchiude il male commesso dagli uomini, da quegli uomini; non esiste il male in sé, esistono le scelte malvagie, volutamente realizzate e messe in atto per i propri egoistici e perfidi interessi.
Meglio ancora, egli è uno specchio, nel quale ciascuno rivede i propri errori, le proprie malefatte volontariamente compiute, il male deliberatamente fatto e del quale non ci si pente, non ci si sforza in alcun modo di porvi riparo, ci si compiace.
L’artificio dello specchio non è nuovo in King, egli l’ha già usato, per esempio, in “It” e “Cose preziose”, ma è ancora efficace. In questo senso, allora, Linoge rappresenta un deposito delle scelte negative dei protagonisti, e in lui sono contenute scelte tipo il tradimento della persona amata, l’abbandono degli anziani indifesi, il traffico di stupefacenti, l’aborto gratuito non giustificato dalla gravità delle motivazioni, tutta una miscellanea di cattive azioni, un miscuglio di malvagità gratuite, letteralmente una “legione”, un misto di scelte spregevoli, abiette, ignobili, vergognose.
Gli abitanti dell’isola compiono delle scelte, e sono scelte meschine; danno un certo valore a queste scelte, le considerano pregevoli, valide, eppure sanno, in cuor luogo, che, in realtà, sono scelte miserabili. Volutamente e coscientemente, piccola metafora di gran parte dell’umanità, essi fanno scelte disgraziate, ma le scelgono comunque, quelle e non altre, perché gli danno un valore alto; e non si rendono conto, o non vogliono accorgersi, che il prezzo da pagare sarà, inevitabilmente, altrettanto alto. Certamente l’animo della maggior parte di loro è lacerato dai complessi di colpa: si rendono conto della grettezza delle loro scelte, ma non possono o non vogliono, magari non ci riescono, nonostante i loro sforzi, a mutare rotta. Si struggono, si tormentano, si affliggono per le loro scelte sbagliate, non pensano che potrebbero porre fine alla loro sofferenza interna semplicemente compiendo una scelta diversa, rimediando al danno già fatto, imparando dagli errori e non seguitando a compierli; si fa fatica, richiede un forte impegno e perciò non attrae, non conviene, non fa comodo cambiare strada, scegliere un diverso cammino, modificare drasticamente la propria scala dei valori, correggere il valore delle scelte.
Non reiterare le stesse, medesime, immutabili, sbagliatissime scelte, malgrado Linoge glielo dica apertamente, l’inferno è ripetizione. L’inferno, semmai esiste, è su questa terra, e consiste nel perseverare la propria malvagità. I loro dilemmi interiori certamente li struggono, con loro combattono ma preferiscono soccombervi, pertanto rimangono a lacerarli, generano nel loro animo turbamento, subbuglio, agitazione, una vera e propria burrasca dei sentimenti; e poiché i propri problemi, i propri interessi, le proprie ansie sono sempre sentimenti unici, sono egoisticamente ed individualmente i più importanti, i più essenziali, i più degni di nota, ecco che la burrasca della coscienza e del giudizio non è, per ciascuno di loro, una tormenta qualsiasi, una perturbazione come quella degli altri, ma la più grande, l’unica, la madre di tutte le tempeste, la tempesta del secolo.
Il male è una scelta consapevole, non è mai casuale, e se e quando lo è, perde d’efficacia, di potenza, si può porvi rimedio. Il male richiede una scelta determinata, perché non è mai inconsapevole, chi fa il male, tranne le dovute eccezioni, sa benissimo quello che fa, ma lo fa con coscienza per i suoi interessi, rinunciando con questo alla correttezza ed al bene alla base della propria umanità. Il male richiede decisione, consapevolezza, convinzione, richiede quindi forza nel cedere alla debolezza di compiere il male.
Il male va combattuto con correttezza, nel rispetto delle regole, altrimenti non differisce in nulla ciò che è giusto dall’ingiusto. Non si combatte la violenza con la violenza, non si ripagano gli assassini con la pena di morte, la legge del taglione era valida, semmai lo era, ai tempi del Medio Evo. Gli abitanti della piccola isola sono dei bravi e fedeli americani, patrioti che si commuovono alle note di “Star and stripes”, hanno giurato fedeltà alla Costituzione, hanno votato l’approvazione della Miranda Escobedo, eppure il maggior amministratore dell’isola, e con lui la moglie dello sceriffo, e quindi una persona vicina a chi sa di legge, non esita un istante a proporre allo sceriffo stesso di piazzare una pallottola fra gli occhi di Linoge, così, giusto per evitare rottura di scatole varie, prima ancora che Linoge si riveli compiutamente. E la Costituzione, le leggi, il Bill of Rights? Gesù, ma che bella gente gli abitanti dell’isola! Si meravigliano che sono stati scelti da Linoge per la sua ricerca? Di che cosa tratta, dunque, “La tempesta del secolo”?
Un buon libro, ve lo assicuro, mi correggo, una buona sceneggiatura di King.
Tout court esso afferma, lo dice lo stesso Mike Anderson, nello struggente prologo: “Nella vita, si passa pagando. Talora tutto ciò che si ha.”
Intende affermare che ogni scelta che si compie comporta una conseguenza, se la scelta è nefasta, il prezzo sarà maligno, se la scelta è corretta e rispettosa, la conseguenza sarà giusta e gratificante. Anderson è la personificazione del “buono” nella storia, ma direi di più, è la personificazione di chi cerca, si sforza, s’impegna ogni giorno della sua vita, per fare del suo meglio; e quindi, per fare il bene. Com’è giusto che sia. Non è per niente una persona eccezionale: egli fa appello esclusivamente alla sua buona volontà, al buonsenso, alla propria fondamentale onestà, al rispetto delle regole del gioco, qualunque esse siano. Volendo credere a Linoge, non è egli stesso immune da colpe, ha compiuto azioni disdicevoli, ma non di gravità tale da nuocere deliberatamente al proprio prossimo, che egli tanto giustamente rispetta, chiunque esso sia, di qualsiasi razza, religione, essenza, e se pure lui stesso, come tutti, ha talora sbagliato, ha riscattato e sopperito alla sua scelta errata con una condotta non diciamo esemplare, che non esiste, ma una condotta di vita impegnata, questo sì, alla giustizia ed al bene, in assoluta buonafede.
Ci si può ribellare a Linoge?
Naturalmente. C’è sempre un’alternativa ad una scelta sbagliata, il male non è inevitabile.
Linoge è un miserabile sciamano, la sua forza consiste in quello che siamo disposti a credere.
Come un vampiro, non entra se non lo lasciamo entrare; non si fanno scelte sbagliate se non ci si auto convince che sono indispensabili.
Linoge lo dice: non posso costringervi, il che ci fa capire subito che non può tutto, che non è invincibile! Ma posso punirvi, questo sì. Avanti, allora! Fatti sotto, pezzo di merda!
In “It”, i bambini si fanno da sé una piccola pallina d’argento, e credono, assai fortemente credono, con fede devota e incrollabile, che questa fa male ai lupi mannari! Gli fanno male davvero!
Anderson lo dice: confidiamo in Dio, è l’unica scelta di valore. Voleva dire, confidiamo in noi stessi, abbiamo fede nella nostra decisione, diamo un valore inestimabile alla nostra scelta di non rinunciare, nemmeno per un momento, alla nostra umanità. Comunque fossero andate le cose, Linoge sarebbe stato sconfitto. Ma essi scelsero diversamente. Linoge li scelse appunto per la loro diversità, perché erano malati, ciechi, deboli, vigliacchi. Non perché avevano qualcosa che gli dava fastidio, come pensa Mike ricordando il biblico “fammi sapere perché” di Giobbe, ma perché avevano, al contrario, qualcosa che gli piaceva: davano pochissimo valore a scelte che nuocevano gli altri, andava tutto bene fino a quando non erano toccati nel loro privato giardinetto. Ognuno per sé e Linoge per tutti, un gregge esemplare adeguatamente guidato da un pastore pedofilo.
Come sempre accade, il male colpisce gli innocenti. In guerra, i civili inermi sono le vere vittime. Le donne, i bambini…Naturalmente, i bambini.
L’unico a salvarsi è, naturalmente, Mike Anderson.
Avrà la sua ricompensa. Perché il difficile, in simili tragedie, è la certezza del sapere, sapere ad esempio che suo figlio è in pace, libero di giocare in un posto dove i bambini sono veramente bambini, e scelgono di rimanere tali per sempre, mentre nella mente gli scorrono i versi finali di un’antica, bellissima, proposizione di scelta, una eternamente valida dichiarazione dei valori principali, ideata millenni prima da un oscuro predicatore della Galilea, figlio di un modesto falegname, che con le sue scelte, i suoi valori, avrebbe segnato per sempre la storia dell’umanità.
Versi che, giustamente, terminano con un “…e liberaci dal male”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Stephen King, of course.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La tempesta del secolo 2019-04-08 13:42:37 luvina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    08 Aprile, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'anagramma di LINOGE

Dopo anni nei quali mi sono interessata ad altri autori e letture sono tornata ad un vecchio amore: Stephen King e l’ho fatto con questo romanzo, forse non dei più conosciuti ma dal quale è stata tratta una miniserie veramente splendida e fedele.
“The King” ci porta su Little Tall Island, una delle tante isole disseminate lungo la costa del Maine, proprio durante una tempesta di neve che taglia fuori dal mondo per due lunghi giorni la piccola comunità locale. Siamo nel 1989, a poco a poco impariamo a conoscere tutti i nomi degli abitanti dell’isola, soprattutto il loro carattere chiuso e anche il loro far parte di una comunità dove ci si sostiene e si conta l’uno sull’altro -”perchè non c’è comunità negli Stati Uniti così strettamente chiusa in sé stessa quanto quelle delle isole davanti alla costa del Maine”-. Nei due giorni di tempesta, la comunità ed il suo poliziotto part time, Mike Anderson, avranno a che fare con uno spietato assassino e con una sua agghiacciante richiesta.
Quello della comunità è uno dei concetti cardine sui quali è imperniata tutta la vicenda, come anche quello della chiusura al mondo, quello del saper mantenere i segreti e quello delle scelte condivise dalla collettività, ed è proprio per questo che ciò che accadrà durante quella tempesta troverà ben pochi ostacoli -”far fronte comune dà sempre per risultato il comune bene? Il concetto di comunità scalda sempre il cuore o qualche volta gela il sangue?”-. La comunità di Little Tall Island ha già i suoi segreti: qui infatti è stato ambientato anche “Dolores Claiborne” come ci ricorda l’autore con alcune frasi nel racconto.
In realtà il libro non è scritto sotto forma di romanzo ma di sceneggiatura comunque la lettura risulta molto agevole anzi a volte ne guadagnano la descrizione e la suspence. E’ un libro bellissimo, che ci pone davanti ad inquietanti interrogativi: Cosa faremmo noi al loro posto? Si può dar seguito alle richieste di un assassino soprattutto a costo di un nostro sacrificio? Naturalmente è inutile dire come l’autore riesca benissimo a render l’atmosfera claustrofobica dovuta alla tempesta di neve e vento; splendida è la similitudine tra il faro che piano piano si sgretola fino al crollo a causa della forza del mare in tempesta così come la comunità che non sarà mai più la stessa dopo gli eventi occorsi in quei due giorni. Ho trovato molto interessanti anche alcuni commenti inseriti da King durante la narrazione, sulla famiglia come anche sul lato oscuro di ciò che siamo e dei nostri comportamenti. In una comunità dove sarebbe stata utile neanche la Chiesa viene salvata e il reverendo non è uno dei personaggi migliori di quell’isola. Come altri romanzi di Stephen King anche questo narra una storia che potrebbe succedere anche a noi, anche oggi, ed è forse proprio questo (e non l’horror) a lasciarci quella strana inquietudine che ci si porta sempre dentro dopo aver letto un suo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Soprattutto IT
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La tempesta del secolo 2013-11-06 08:05:19 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    06 Novembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando la tempesta arriva...

Avevo questo libro in biblioteca e viste le recensioni che lo riguardavano l'ho visionato velocemente e poi letto con piacere...
Un King esplosivo nei tempi in cui scriveva storie horror, noir che a me piacciono tanto. La vicenda è la seguente: in una piccola isola, Little Tall, giunge spaventosa e inaspettata una tempesta che viene denominata "la tempesta del secolo" per la sua mortale influenza travolge tutto...portando devastazione e morte...
La piccola isola è solita a rimanere isolata per burrasche di ogni tipo ma questa è così terribile da rassomigliare a una Apocalisse e oltre i fenomeni naturali devastanti conduce sull'isola un personaggio terrficante, criminale, che rassomiglia a un orrido demone proveniente dall'inferno...
La prima azione che egli compirà sarà l'omicidio di un'anziana signora del luogo, dopo di che si consegnerà volontariamente alle autorità dell'isola.
"Sapete cosa desidero e se me lo darete, io me ne andrò..." le parole sibilline del terribile killer turbano la popolazione...portando un ulteriore sconvolgimento nella vita degli abitanti dell'isola...
Non svelerò altri particolari del libro, perchè il mistero contenuto in questa rivelazione racchiude in sè il fascino occulto di questo libro...
Molto particolare e avvicente la rappresentazione cinematografica...scaturita da questo libro...
Qualche riflessione personale: in certi casi la tempesta e la devastazione possono arrivare anche nella nostra vita e quando la bufera arriva...non si può far nulla se non attingere alla riserva della nostra energia mentale e della nostra volontà di riemergere dal buio tunnel...
Dopo la tempesta, infatti sorge il sereno di una vita migliore...e di una riconquistata serenità....
La maturazione dell'individuo talvolta passa sotto il travaglio di apocalittiche bufere personali....
Consigliato e promosso a pieni voti.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri di King..
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
La tempesta del secolo 2013-11-05 08:25:29 marlon
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
marlon Opinione inserita da marlon    05 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MORS TUA VITA MEA

Little Tall (Maine)
Un paesino di pescatori, che si affaccia nell’Atlantico, viene investito da una tempesta di proporzioni bibliche. La laboriosa comunità vive prevalentemente di pesca e turismo. Essa è abituata alla furia degli elementi ed alla vita dura. Ma questa volta lo scenario è apocalittico, tanto da isolare Little Tall dal resto del Mondo. In questi giorni di emergenza e panico compare sulla scena un uomo, uno “ straniero”. Il suo nome è Andrè Linoge e il suo biglietto da visita è un omicidio. Linoge uccide, con crudeltà e ferocia, un’anziana del luogo e comodamente attende il suo arresto sul luogo del delitto !!!!
Una volta incarcerato, l’assassino comincia a terrorizzare la popolazione, già ferita dalla immane tempesta. Egli sfoggia le sue abilità di manipolatore mentale e dimostra la sua conoscenza dei segreti più nascosti di Little Tall e di tutti quelli che vi ci abitano … L’intento è quello di piegare la gente alla propria volontà, spaventandola, ricattandola , frugando nelle loro menti, nelle loro anime.
“ DATEMI CIO’ CHE VOGLIO ! E ME NE VADO … “
Già, ma cosa vuole Andrè Linoge ? E chi è Andrè Linoge ?
Un libro abbastanza scorrevole ed ambientato in situazioni estreme. L’ autore mette sotto la lente d’ingrandimento, per l’ ennesima volta, la comunità in genere. Come in Cose Preziose, The Dome, L’ombra dello Scorpione, The Mist ecc. King ci fa riflettere su alcuni aspetti di noi “umani”. Come al solito ci ricorda che ognuno ha dei segreti da nascondere. Ma soprattutto mette l’accento sulla comunità, sulla massa … Spesso la collettività, in situazioni di panico, dimostra di possedere una mente ben definita. Una mente che produce reazioni crudeli ed insensate alle avversità. L’istinto di sopravvivenza della massa crea terrore e caos, oppure, nel caso della “ Tempesta del Secolo”, assume contorni inquietanti …. MORS TUA, VITA MEA ! ( e poi , quando tutto torna alla normalità, dobbiamo fare i conti con la coscienza …. )
Anche stavolta Stephen King si dimostra un ottimo scrittore, ma c’è una cosa che mi lascia perplesso. Perché i suoi romanzi sono catalogati come horror ? Posso anche sbagliare ma non riesco a dare la definizione horror alle sue opere. Comunque bravo. Buona lettura …

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
La tempesta del secolo 2012-03-31 19:06:27 Nothingman
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nothingman Opinione inserita da Nothingman    31 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La tempesta del secolo

Little Tall è una piccola isola che sorge davanti alla costa del Maine. La piccola popolazione può essere considerata come una grande famiglia dove tutti conoscono tutti e tutti conoscono tutto di tutti. O almeno così credono. A sconvolgere la vita della popolazione isolana ci penserà un essere dalle forme umane che si presenta come Andre Linoge. Il “mostro” approfitterà della tempesta che si abbatte sull'isola, isolandola dal resto del mondo, per mostrare i suoi poteri sovrannaturali causando terribili e sanguinose morti che gli renderanno possibile sottomettere i cittadini a un terribile ricatto. La visita di Linoge cambierà per sempre la vita degli abitanti di Little Tall, e sopratutto quella di Mike Anderson, commerciante e sceriffo, che ci racconta l'accaduto.

Se in un primo momento la scelta di King di scrivere il romanzo appositamente sotto forma di sceneggiatura per un film può lasciare perplessi, con le pagine che si susseguono il lettore ha il tempo di abituarsi e ben integrarsi in questa schematica forma letteraria cogliendo le peculiarità Kinghiane. E' evidente come lo scrittore abbia voluto cimentarsi in una nuova esperienza, con curiosità e intraprendenza, riscuotendone un notevole successo.

Come già accennato, una volta preso il ritmo di lettura, abituatisi alla “nuova forma” letteraria, King si dimostra ancora una volta capace di incollarti alle pagine del libro, tenendoti col fiato sospeso finché non arrivi alla conclusione. Mai scontato “La tempesta del secolo” lascia stupiti dalla prima all'ultima pagina, per le vicende che si susseguono e per il finale assolutamente inaspettato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri