Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror La torre nera. La chiamata dei tre
 

La torre nera. La chiamata dei tre La torre nera. La chiamata dei tre

La torre nera. La chiamata dei tre

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Secondo romanzo del ciclo de La Torre Nera, La chiamata dei tre riprende la narrazione delle gesta di Roland, l'eroe solitario deciso a raggiungere la misteriosa Torre. Nel loro ultimo confronto-scontro, l'uomo in nero aveva predetto la sorte a Roland con uno strano mazzo di tarocchi, estraendone tre carte: il Prigioniero, la Signora delle Ombre e la Morte. "Ma non per te", aveva aggiunto. Ora il pistolero si ritrova seduto su una spiaggia del Mare Occidentale, dopo un sonno che forse è durato anni. Sa che dovrà trovare le tre porte spazio-temporali per introdursi nel nostro mondo e raggiungere così i tre predestinati. Ma come farà a individuarle?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La torre nera. La chiamata dei tre 2017-09-01 18:28:11 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    01 Settembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alle porte di un altro mondo

Prosegue con "La chiamata dei tre" il mio viaggio nella saga de La Torre Nera.
Stephen King riesce a mantenere l'atmosfera che avevo apprezzato molto nel primo libro(seppur diversificandola un po'), permettendoci di proseguire il viaggio che avevamo iniziato insieme a Roland di Gilead: il pistolero, l'ultimo cavaliere.
La trama rimane intrigante e chiarisce alcuni punti oscuri della storia ma, considerando che siamo ancora all'inizio, ne introduce degli altri su cui verrà sicuramente fatta luce in seguito. L'autore riesce a mantenere alto l'interesse, nonostante in certi tratti la storia risulti un po' ripetitiva a causa delle condizioni precarie dei protagonisti. A tratti frenetici si alternano tratti un po' piatti e monotoni, che però non compromettono la bellezza della storia né il piacere della lettura.

La storia riprende proprio da dove l'avevamo interrotta: Roland è disteso sulla spiaggia e quando si risveglia si ritrova colto di sorpresa dall'alta marea. Una sopresa sicuramente non piacevole, considerando che l'acqua ha bagnato le pallottole, rendendone inservibile una gran parte. Ma al peggio, come si sa, non c'è mai fine. Dalle acque profonde vengono fuori dei mostri simili ad enormi aragoste, con chele velenose e letali, mostri sussurranti delle domande inquietanti e incomprensibili. Roland esce da questa battaglia parecchio provato, e il morso di una di queste creature gli porterà un'infezione che sembra volerlo uccidere lentamente. L'unica cosa che può salvarlo sarebbe un miracolo oppure... una medicina. Arrancando, si imbatterà nell'adempimento delle profezie fatte dall'uomo in nero tramite i tarocchi: il pistolero dovrà chiamare a sé tre uomini, che dovranno portarlo più vicino al suo obiettivo, alla sua meta: la torre nera.
Ci ritroveremo catapultati in un mondo a noi molto familiare, un mondo che per il pistolero è assolutamente estraneo; eppure sarà da lì che proseguirà il suo viaggio verso il compimento dei suoi misteriosi propositi.
Un ottimo seguito per una saga che cattura l'attenzione e intriga come poche.

"Non si vede mai tutto ciò che si vede. Una delle ragioni per cui vi mandano a me è perché vi mostri ciò che non vedete in ciò che vedete, ciò che non vedete quando avete paura o state combattendo o correndo o scopando. Nessun uomo vede tutto ciò che vede, ma prima che siate pistoleri, e mi riferisco a quelli di voi che non andranno a ovest, vedrete in un solo sguardo più di quanto certi uomini vedono in una vita intera. E qualcosa di ciò che non vedrete in quello sguardo vedrete in seguito, con gli occhi della memoria, sempre che viviate abbastanza a lungo da ricordare. Perché la differenza che passa dal vedere al non vedere può essere la differenza tra il vivere e il morire."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La torre nera. La chiamata dei tre 2016-05-24 13:13:39 Anna_Reads
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    24 Mag, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Moriremo. Ma saremo magnifici.

La Chiamata dei Tre – Stephen King, 1987.
II Volume del ciclo de La Torre Nera.

Ho fatto passare quasi due anni e forse più fra il primo e il secondo volume di questa saga.
Il motivo è semplice. Il precedente – L’Ultimo Cavaliere – non mi era piaciuto. Di più. Pur essendo un libellino di neanche 200 pagine avevo fatto fatica a finirlo.
Tanta.
Se è vero che tutti i salmi finiscono in gloria, è anche vero che non tutti ci cominciano e la cosa deve averla chiara anche (the) King perché al libro ha rimesso mano, ma… rien a faire, almeno per me.
Poco importa, perché, se anche avesse avuto qualcosa da farsi perdonare, be’ con la Chiamata, l’ha abbondantemente fatto, accumulando anche un credito pressoché infinito.
Ritroviamo il nostro pistolero solitario Roland, sbattuto su una spiaggia deserta non si sa bene dove a meditare sulle sibilline profezie dell’Uomo in Nero.
In realtà il tempo delle meditazioni è breve… anche perché la spiaggia non è affatto deserta come sembrava. E il nostro avrà il suo bel daffare a rimanere tutto intero. E, ad essere completamente onesti, neppure ci riuscirà.
Ferito e affamato, malato e poi agonizzante si trascina verso il suo obiettivo e verso la soluzione dell’enigma del suo rivale: trovare il Prigioniero, la Signora delle Ombre e la Morte (ma non la sua). Una porta gli si palesa dinnanzi dal nulla e si apre su un altro spazio-tempo.
Quello del suo primo obiettivo: il Prigioniero.
Eddie.
Eddie che è un eroinomane e che spaccia cocaina per la malavita.
Ma Roland scoprirà ben presto che di non essere giunto solo nel tempo del Prigioniero, ma dentro la sua mente. Dovrà portarlo nel suo mondo e coinvolgerlo nella sua ricerca, ma prima convincerlo a salvargli la vita.
Non siamo neanche a pagina 50.
E non voglio spoilerare oltre.
Aggiungo solo che in questa storia c’è anche – cosa rarissima e che accade con una certa frequenza solo a (the) King – un personaggio femminile (quasi due) che mi piace.

King veramente in gran spolvero, in questo libro. Un’inventiva tematica, linguista, di scrittura assolutamente strabiliante. I registri linguistici dei diversi personaggi, i leggeri scarti lessicali fra un mondo e l’altro, la miglior prolessi (o “flashforward” – espediente narrativo con cui si anticipa un fatto successivo rispetto alla narrazione) che abbia mai letto.
Per tacere della storia e dei personaggi.
Impossibile anche solo pensare di smettere di leggere.
(Le mie occhiaie confermerebbero).
Impossibile anche solo pensare di non cominciare immediatamente il libro successivo (Terre Desolate) anche per chi – come me – di solito preferisce centellinare le letture che ama per non farle “finire subito”.
Impossibile!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri