La torre nera La torre nera

La torre nera

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Epilogo del viaggio di Roland e del suo ka-tet alla Torre Nera. Riuscirà il pistolero a salire fino all'ultima, angusta stanza in cima alla Torre? Riuscirà ad avere ragione del suo diabolico figlio Mordred e del malvagio Re Rosso? Cosa troverà nell'ultima stanza?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La torre nera 2016-09-06 15:32:36 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    06 Settembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Quale prossima volta? (ah-ah)"

Lieve Spoiler.

E alla fine Roland alla Torre Nera giunse.
Settimo (oppure ottavo se consideriamo La Leggenda del Vento, inserito a posteriori da King fra il quarto e il quinto volume) e ultimo capitolo.
Mi sono accostata con il consueto misto di aspettative (come andrà a finire?), timori (perderò qualcuno di amato? Cosa farò “dopo”?) e angosce (non mi manderà tutto in malora all’ultimo libro, vero?).
King ci fa soffrire (molto), inventa un altro buon numero di personaggi geniali, mette su carta idee strepitose e scrive – forse – l’unico finale possibile (?).
Joe Collins, Irene Tassenbaum, i Frangitori, Patrick Danville. Mordred.
La "fine” di Walter e del Re Rosso.
Jake e Roland che vanno a salvare Stephen King.
Stephen King che ricambia il favore con un post-it contro il vampiro psichico che permette a Susannah di salvare Roland dalla più risibile morte che un pistolero può fare.
Un bambino che disegna la realtà. Letteralmente.
Una Torre che alla fine è qualcosa più che familiare.
E con un Roland che – se possibile, e sembrerebbe di no – ne esce più solo e disperato di quando è entrato.
E un piccolo (ma piccolo) palpito di speranza finale.
Non so dire di più senza spoilerare ulteriormente.

Fra l’altro King questo finale non lo voleva scrivere. O meglio, non voleva farcelo leggere. In effetti aveva messo insieme una sorta di “happy end” per gli altri personaggi e aveva lasciato il pistolero ai piedi della Torre dicendo “va bene, per me finisce qui… se proprio vuoi gira pagina per il finale.”
Tutte le riflessioni sui finali di King sono buone e giuste:
“I finali sono senza cuore.
Un finale è una porta chiusa che nessun uomo può aprire.
Io ne ho scritti molti, ma soprattutto solo per la stessa ragione per cui la mattina prima di uscire dalla camera da letto, mi infilo i calzoni: perché è il costume del paese. (…)
Quella cosa che chiamiamo lieto fine non esiste.
Non ne ho mai trovato uno che fosse alla pari di «c’era una volta».
I finali sono senza cuore.
Finale è solo un sinonimo di addio.”

Tutto vero, buono e giusto, ma io non ci ho neppure pensato a non leggerlo.
So che questo finale ha “spaccato” i fans, io sono del gruppo che lo ha apprezzato.
E molto.
Non solo per il finale in sé, ma perché mette a posto anche quelle due o tre note stonate di Roland che ancora non mi suonavano nonostante il lungo flashback della Sfera del Buio.
Adesso sì.
Ora suona proprio bene, il pistolero.
Non c’è Conan Doyle, non è Sherlock Holmes, non siamo in pieno positivismo, d’accordo. Ma c’è una logica, una coerenza, una speranza.
Davvero un’esperienza grandiosa.

[PS Le note sono sette, i sentimenti umani una manciata etc etc.
Però. Ultima stagione di Doctor Who, 11° episodio – Heaven Sent (Mandato dal Cielo) – forse che il buon Moffat un occhio alla Torre lo aveva per caso buttato?
Per altro ha fatto pure bene, mica è un caso che il Dodicesimo sia il mio Dottore preferito].

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quantum
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
1.8 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri