La vacanza ideale La vacanza ideale

La vacanza ideale

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Troppo bella per essere vera. Così sembra a Libby la proposta, del tutto inaspettata, di fare uno scambio di casa per una settimana: una splendida villa, affacciata sul mare selvaggio della Cornovaglia, in cambio del suo piccolo appartamento a Bath. Anche il tempismo non poteva essere migliore. A nove mesi dalle nozze, le cose col marito Jamie non vanno come Libby aveva sperato e pure il lavoro d'insegnante si sta rivelando più frustrante del previsto. E poi c’è quella voglia di scappare, che è diventata sempre più forte da quando una sua foto è comparsa su tutti i giornali, dopo che lei ha salvato uno dei suoi alunni da un incendio divampato a scuola. Da allora, Libby vive nel terrore che quella foto possa spalancare la porta a un passato da cui lei ha cercato disperatamente di fuggire. E i suoi sospetti trovano conferma nel momento in cui arriva in Cornovaglia con Jamie. La sequenza di piccoli incidenti e strane coincidenze è troppo lunga per essere frutto del caso. È possibile che la stiano minacciando? Che quelle presenze sinistre in giardino siano persone che la stanno spiando? Oppure è soltanto la paranoia a rendere Libby sospettosa? La risposta arriva col ritorno a Bath, e non è certo rassicurante. Gli incidenti, infatti, si fanno sempre più gravi e inquietanti. A questo punto Libby non ha più dubbi: qualcuno l'ha trovata. Qualcuno che conosce il suo segreto. E stavolta scappare non servirà a nulla…



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vacanza ideale 2020-04-13 14:31:33 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    13 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL TITOLO DELL'EDIZIONE ITALIANA E' FUORVIANTE

"La vacanza ideale" è il titolo italiano di "Last seen alive" romanzo scritto da Claire Douglas, già autrice del libro "Le sorelle" che ho letto un po' di tempo fa.
Questo thriller ha come protagonisti Jamie e Libby Hall, una giovane coppia sposata da meno di un anno che sta attraversando un momento difficile, infatti hanno da poco perso il loro bambino.
Hanno bisogno di una vacanza e l'occasione arriva con un colpo di fortuna, uno scambio di case e si ritrovano a passare le vacanze pasquali in una meravigliosa villa in Cornovaglia.
Il lettore capisce subito che qualcosa non va, lo scambio non è equo, infatti i due vivono in un modesto appartamento a Bath, ma oltre a questo, lo scambio di casa avviene tramite un biglietto che è stato lasciato direttamente nella casetta della posta.
E' Libby che organizza la vacanza, non si fa molti scrupoli e senza nemmeno incontrare gli altri proprietari gli Heywood, decidono di lasciare tutto e di trasferirsi per qualche giorno in questa meravigliosa nuova casa vicino alla spiaggia.
Philip e Tara Heywood sembrano una coppia perfetta, la loro villa è stupenda, per Libby e Jamie sembra quasi di vivere un sogno, proprio quello che ci voleva per dimenticare il brutto periodo che stanno passando.
Sicuramente troppo bello per essere vero.
"Prendo il guinzaglio dalle mani di Jamie. Non me la sento di lasciare libero Ziggy. Entriamo e andiamo verso la cucina, ma continuo a sentirmi un'intrusa."
Certo, mi sono chiesta subito chi al giorno d'oggi faccia uno scambio di casa così al buio, senza avere un incontro di persona ma solo telefonico e poi quel bigliettino nella posta mi sembra alquanto strano, come ci suggerisce il titolo è chiaro che siamo di fronte ad una trappola.
Anche se devo dire che dare questo titolo all'edizione italiana è stata una scelta infelice, la vacanza di cui si parla è sicuramente un elemento importante della storia, ma poi la vicenda da metà libro in poi si svolge a Bath, nell'appartamento dei protagonisti.
A poco a poco, conosciamo Libby, una ragazza con un passato misterioso, è una persona che non ama parlare di sè, è molto riservata e non ha confessato tutta la verità sul suo passato, nemmeno a suo marito.
Ha lottato molto per diventare un'insegnante e lavorare con i bambini, che è da sempre il suo grande sogno e vorrebbe diventare presto una buona madre.
"Non credo di essere stata coraggiosa. Penso che chiunque altro l'avrebbe fatto, al posto mio. Sono un'insegnante, un mestiere che amo e che mi dà tante soddisfazioni. I bambini per me vengono prima di tutti"
Durante la loro vacanza succedono delle cose alquanto strane, rumori sospetti, persone che sembrano spiarli e tanto altre cose non quadrano, tanto che Libby cede sempre di più alla disperazione e Jamie cerca di calmarla e di riportarla alla ragione.
"Lo so che vuole farmi passare le mie ansie. Lo fa da quando ho perso il bambino. Cerca sempre di farmi star bene."
Ad un certo punto devono tornare a Bath, ma le cose non vanno meglio e altre coincidenze strane spaventano moltissimo i due protagonisti e la loro vita va sempre più a rotoli.
E poi c'è la famiglia di Jamie, nè la madre nè la sorella Katie sopportano Libby e oltre a questo Hannah, l'ex fidanzata dell'uomo, è sempre in mezzo in ogni occasione.
Ma i colpi di scena si susseguono uno dietro l'altro e non riuscivo a capire, chi dei due protagonisti mentisse, non riuscivo ad intuire come si sarebbe sviluppata la vicenda.
Quando arriviamo a tre quarti del libro l'autrice svela le sue carte e ci rivela uno dei punti principali della storia, da qui in poi il lettore non può che assistere al tracollo del libro.
Se per la maggior parte della narrazione, il thriller è stato un crescendo di tensione, colpi di scena e di curiosità, l'autrice ha sviluppato in maniera poco chiara l'ultima parte che era fondamentale per chiudere in bellezza la storia.
E' come se dopo aver creato un sacco di intrecci narrativi, non sapesse come concludere la storia, preferendo un finale aperto dove molte domande non trovano risposta.
E poi arriva il momento tanto atteso, la resa dei conti e non capisco perché l'autrice abbia scelto di descrivere la scena in quel modo, la tensione è altissima ci si aspetta un qualcosa di sconvolgente e... non succede quello che pensava il lettore.
Io ritengo folle, sul serio non riesco a capire questa è pura follia.
Dopo aver letto il romanzo d'esordio dell'autrice non mi aspettavo molto dalla lettura di questo thriller, invece mi ha sorpreso fino a tre quarti del libro, poi il finale è stato molto deludente.
Non saprei se consigliarlo e in questo momento non so nemmeno se leggerò altro di questa scrittrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
gli altri libri dell'autrice
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vacanza ideale 2019-03-14 19:18:21 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    14 Marzo, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Libby e Beth

Libby, donna in crisi perché ha appena perso un bimbo in gravidanza, poi vittima di un incidente sul lavoro, è una maestra; legge un annuncio di una coppia residente in Cornovaglia che propone uno scambio di case , ne parla col marito, accetta e da lì iniziano una serie di vicissitudini incredibili. Si parte dallo scambio di case per poi finire a scoprire a scambi d'identità, odi antichi, amicizie del passato, amori finiti riemergono da un vissuto apparentemente dimenticato. L'autrice è abile a far scoprire al lettore le pieghe dell'animo della protagonista. Concludo estrapolando un passaggio che mi ha colpito
""Viviamo le nostre vite cercando di fare il nostro meglio, commettiamo errori e senza volerlo, o a volte facendo apposta, facciamo arrabbiare le persone. Ma come facciamo a saper se poi si vendicheranno? Come facciamo a sapere se vi porteranno rancore, o quanto a lungo?"
Intrigante

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vacanza ideale 2019-01-20 09:01:36 deborino
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
deborino Opinione inserita da deborino    20 Gennaio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non c'è due senza tre

Ho aspettato per tanto tempo l'uscita del terzo libro della Douglas.
Seguo l'autrice da: "Le sorelle" e ho amato ogni suo pagina perchè ha una capacità di tenerti incollato ai libri incredibile.
Stavolta, però, sono rimasta delusa...non perchè il libro sia "brutto" o "scritto male" solo che da lei mi aspettavo di più.
Per la prima volta, leggendo, riuscivo ad anticipare ciò che sarebbe successo e soprattutto per la prima volta il finale non mi ha lasciata spiazzata.
Nonostante lo stile sia sempre magico per come scrive, per il resto penso che questo libro sia stato un po deludente.

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri