Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Le avventure di Sherlock Holmes
 

Le avventure di Sherlock Holmes Le avventure di Sherlock Holmes

Le avventure di Sherlock Holmes

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"Le avventure di Sherlock Holmes" riunisce dodici casi, uno più complesso dell'altro, in cui il celebre investigatore deve salvare la vita di un uomo o il patrimonio di una banca o una donna in pericolo, ricorrendo anche a travestimenti (da prete, da marinaio o da mendicante). Immancabilmente, al suo fianco c'è il dottor Watson, amico e biografo, sbalordito quanto il lettore dalle infallibili capacità deduttive di Holmes.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.2  (5)
Contenuto 
 
3.8  (5)
Piacevolezza 
 
4.2  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le avventure di Sherlock Holmes 2016-02-01 21:48:22 Mr. A
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mr. A Opinione inserita da Mr. A    01 Febbraio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dietro una macchina c'è sempre un uomo

I 12 racconti che Doyle mette in scena in questo libro, sono 12 casi estremamente interessanti, ben scritti, intriganti a tal punto che ogni racconto meriterebbe di essere ampliato in un libro a parte. Doyle è maestro nei gialli e lo dimostra ancora una volta scrivendo 12 trame molto diversificate, ben intrecciate ma ahimé dal finale sempre troppo frettoloso e poco sviluppato.
Se con "uno studio in rosso" e "il segno dei quattro" abbiamo fatto la conoscenza di Sherlock Holmes e del dottor J.Watson, con questi 12 racconti (almeno da quello che ho notato io) si continua a delineare il personaggio di Sherlock Holmes, dove oltre a essere una "macchina" investigativa, logica, pura deduzione, Il nostro amato investigatore mostra il lato umano di sé, un uomo con paure, sogni e timori, capace di provare pietà oltre che per le vittime, anche per i criminali, indagando nel loro passato e cercando di capirne la storia, non saranno pochi i casi in cui Serlock Holmes "chiuderà un occhio" sulla vicenda.
Le storie, sono molto belle ed originali, i moventi non sono scontati, le dinamiche oscure, i reati bizzarri, ma tutto appare incredibilmente chiaro nella mente di sherlock holmes, quel minuscolo dettaglio che non possiamo vedere per lui è evidente ed elementare, tanto che a volte basterà il semplice racconto del caso per dedurre immediatamente il colpevole.

Certo non aspettatevi per ogni caso un omicidio, a volte sono "semplici" storie di vita quotidiana, più bizzarre del solito, ma comunque per chi ama un minimo i gialli, potrà apprezzarne la storia intrecciata e le vicende originali che purtroppo decorrono in un finale molto spesso prematuro e frettoloso, che meriterebbe molte più pagine per essere approfondito ed ampliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Uno studio in rosso, il segno dei quattro, Gialli
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Le avventure di Sherlock Holmes 2014-07-27 16:23:01 Pupottina
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    27 Luglio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Baker Street, 221B

Una buona lettura, non tanto leggera, ma soprattutto interessante.
Arthur Conan Doyle riunisce, in LE AVVENTURE DI SHERLOCK HOLMES, 12 racconti che narrano le avventure del suo celebre ptrotagonista, Sherlock Holmes, padre delle più evolute storie investigative.
Il libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1892, dimostrando incontrovertibilmente la modernità degli spunti creativi in materia di storie poliziesche.
Però, l’essere venuto esattamente dopo i suoi due più grandi capolavori “Uno studio in rosso” ed “Il segno dei quattro” lo rende forse meno interessante agli occhi del lettore, abituato a narrazioni più dettagliate e soprattutto sviluppate a livello quantitativo di narrazione.
Conan Doyle è comunque abile nel tessere delitti straordinari e nel risolverli attraverso il personalissimo metodo d’osservazione del suo Holmes.
Bellissimi soprattutto i primi quattro racconti. Seguono poi alcuni che avrebbero richiesto di essere ampliati e sviluppati per renderne più avvincente e meno affrettata la narrazione finale.
È comunque un classico che merita di essere letto, anche perché non manca lo stile narrativo, fatto di trovate logiche e osservazioni inimmaginabili, proprio di Sherlock Holmes.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le avventure di Sherlock Holmes 2014-02-16 18:33:58 ClaudiaM
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ClaudiaM Opinione inserita da ClaudiaM    16 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le Avventure di Sherlock Holmes – Arthur Conan Doy

Il libro contiene 12 racconti del nostro amato consulente investigativo. Ovviamente non si può pretendere di trovare in un racconto di massimo 30 pagine lo stesso contenuto di un romanzo, eppure la caratterizzazione dei personaggi viene mantenuta, se non approfondita. Alcuni casi sono più intricati, altri si risolvono da sé e altri ancora evidenziano come Doyle fosse influenzato da Edgar Alan Poe (nel racconto “L’avventura del pollice dell’ingegnere” è piuttosto palese). Nel complesso, il libro mi è molto piaciuto e i racconti sono parecchio diversificati tra loro, con trame che non si ripetono.
Lo stile è sempre impeccabile e coinvolgente, tanto che il lettore si troverà risucchiato nel libro a camminare al fianco di Watson e Holmes.
Assolutamente consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le avventure di Sherlock Holmes 2014-01-24 09:35:05 Nikly
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nikly Opinione inserita da Nikly    24 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

221B, Baker Street

Un libro solo, dodici storie da leggere e da vivere. Alcune di esse ci mettono alla prova con veri e propri crimini, altre ci incuriosiscono in quanto riportano fatti particolari che necessitano di essere spiegati da una mente brillante.
Già dalle prime pagine de “ Le avventure di Sherlock Holmes” ho provato una forte ammirazione per il protagonista che, grazie alle sue immense doti di osservazione di ascolto, è in grado di imboccare presto la strada che porta dritto dritto alla verità e, dunque, alla risoluzione dei casi per i quali è stato consultato. Allo stesso tempo, però, mi sono sentita punta sul vivo da una sua accusa: “Lei guarda, non osserva!” che, seppure rivolta al suo fedele amico, ho percepito come diretta a me! Mi sono trovata, così, ben presto a ingaggiare una personalissima sfida contro uno dei più grandi detective della letteratura: ho affrontato ogni pagina con più concentrazione, decisa a trovare e cogliere quel qualcosa che mi permettesse di giungere alla risoluzione del caso proposto … almeno un poco prima che questa mi fosse spiegata da Sherlock Holmes! Proprio grazie a questo, ho iniziato pian piano a percepire la sontuosità di quel personaggio che mi era sempre vicino, che mi veniva a chiamare a casa e che, con un salto spazio-temporale, mi portava nella Londra dell’Ottocento … il Dottor Watson! La penna di Sir Arthur Conan Doyle, infatti, a mio parere, l’ha dotato di un’altra meravigliosa qualità, di cui sono invidiosissima: quella di descrivere perfettamente ogni situazione, ogni luogo, ogni persona … Allora, alla simpatia iniziale si è accostata la stima per colui che non solo è sempre stato portavoce del mio pensiero e del mio stupore, ma che mi ha permesso per ben dodici volte di essere proprio lì, davanti al camino dell’appartamento sito in Baker Street, in compagnia sua e di Sherlock Holmes, in attesa dell’arrivo di un nuovo strampalato personaggio … che ho “realmente” incontrato e ascoltato! Come vi ho accennato all’inizio e come ho tentato di spiegarvi, questa è una di quelle opere dotate , a mio avviso, di quella particolare magia che ci permette di vivere lo scritto!
A questo punto non mi resterebbe altro da aggiungere , se non rendere esplicito il giudizio relativo a questa lettura. Mi sembra, però, di avervi già detto tanto e di avervi dato sufficienti elementi in proposito … Consentitemi, allora, di usare quelle ormai familiari parole per girare a voi il famoso quesito:
“What do you deduce from it?”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le avventure di Sherlock Holmes 2012-10-30 23:51:33 enro
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
enro Opinione inserita da enro    31 Ottobre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Forse troppo elementare Watson

Anche se il canone di Sherlock Holmes è lungo , grazie ai film che mi sono piaciuti molto, sono riuscito ad affrontarlo con un ottimo spirito.
Inizialmente ho trovato i personaggi avvincenti e addirittura superiori alle aspettative..anche la storia è particolare e ti cattura.
Tutto bene insomma, poi però ho cominciato questo libro!

Come lunghezza il libro è leggermente superiore ai primi due gialli..solo che questo è diviso in una dozzina di storie; il problema sta proprio in questa concentrazione di fatti in vicende che potrebbero essere più approfondite.

Con questa velocità di azione le doti di Sherlock Holmes diventano quasi divinatorie, in quanto, riesce a trovare indizi dal nulla o quasi; e le storie stesse ne perdono in qualità..certe diventano un pò banali!

I personaggi poi non vengono ampliati come conoscenza perché ne manca fisicamente lo spazio! Li abbiamo già visti nei libri precedenti e così sono..arrivano risolvono e vanno e non paiono avere una vita anche se Watson ogni tanto si ricorda di scrivere che è sposato.

Lo stile è buono; la lettura è semplice e scorrevole. Ovviamente come detto più volte non si corre il rischio di avere lunghe descrizioni.

Sono rimasto complessivamente deluso dall'opera ma fa comunque parte di un filone importante nella letteratura dei gialli quindi per continuare il canone si può leggere..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri