Lumen Lumen

Lumen

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Cracovia, ottobre 1939. Maria Kazimierza, madre superiora del monastero di Nostra Signora delle Sette Pene, viene trovata uccisa da un colpo di pistola nel chiostro del convento. La badessa è in odore di santità, le mani sono segnate dalle stimmate e le vengono attribuiti dei miracoli. Un'indagine spinosa attraverso cui conosciamo Martin von Bora, il giovane e aristocratico capitano diviso tra l'obbedienza a Hitler e il senso personale di giustizia coltivato da un’educazione umanistica. Una ingegnosa combinazione tra romanzo poliziesco e romanzo storico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lumen 2018-11-26 07:47:16 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    26 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delitto al convento

A Cracovia, nel 1939, nella Polonia da poco invasa dall’esercito tedesco viene uccisa Madre Kazimierza, badessa del convento di Nostra Signora delle Sette Pene, religiosa in odore di santità, a cui vengono attribuite profezie e miracoli.
Le indagini sull’omicidio vengono svolte dal capitano Martin von Bora, dei Servizi Segreti dell’esercito di occupazione, e dal sacerdote americano di origine polacca padre John Malecki, che da tempo, su incarico del Vaticano, cerca di appurare se le straordinarie proprietà della suora siano o meno vere. Fra mille difficoltà, con la presenza opprimente delle famigerate SS che già stanno dando corso ai massacri per cui diventeranno tristemente famose, riusciranno alla fine a scoprire il colpevole.
Per sommi capi è questa la trama di Lumen, termine latino che tradotto in italiano significa luce, e che è il primo romanzo scritto da Ben Pastor della fortunata serie che vede come protagonista l’ufficiale tedesco Martin von Bora, personaggio complesso, ma affascinante, eternamente combattuto fra il senso del dovere e la sua coscienza. Benché si sia di fronte a un giallo storico, l’aspetto investigativo non è prioritario, anzi costituisce semplicemente il fil rouge per narrare le vicende di una certa epoca (quelle della seconda guerra mondiale) e le atmosfere che hanno caratterizzato questo periodo bellico, con l’aggiunta di riflessioni per nulla scontate e spesso assai profonde che sono proprie del protagonista e non di rado di personaggi utili alla trama, sovente esistiti veramente. In questa prima opera è già possibile apprezzare lo stile preciso, ma snello, dell’autore e la sua non indifferente capacità di attrarre progressivamente il lettore, la cui attenzione non è volta solo a conoscere l’esito dell’indagine, ma a svelare anche e soprattutto il carattere del protagonista.
La lettura, quindi, è particolarmente piacevole, ma non è solo svago, perché il coinvolgimento comporta frequenti considerazioni su temi primari, in primis su ciò che ci viene imposto di fare e su quello che invece è dettato dalla nostra coscienza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lumen 2013-07-21 11:07:15 Melandri
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Melandri Opinione inserita da Melandri    21 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MIRACOLI E SANGUE

Il termine latino "Lumen" ha molteplici significati, primo fra tanti "Luce". Le pagine che seguono questo fulgido titolo sono piuttosto intrise di una malinconia e di un umido malessere che mi hanno accompagnata sino all'ultima riga.

Polonia, termine degli anni Trenta, le brutalità dell'invasore tedesco disintegrano la vita di questo martoriato popolo. La stagione invernale durante la quale si svolge la storia, mette i brividi alle parole.
Ben Pastor partorisce qui Martin Bora, un capitano dei Servizi Segreti dell'esercito tedesco. Aristocratico e profondamente disciplinato nella vita e nel lavoro, viene incaricato di scoprire l'assassino di Madre Kazimierza, superiora del convento delle Sette Pene, portatrice di stimmate e profezie e oggetto di intensa devozione di un popolo smarrito.
Padre Malecki, curato americano, da mesi a Cracovia per studiare la veridicità dell'aura di santità che avvolge la superiora, diventerà appoggio e confessore di Martin, aiutandolo nelle indagini e ascoltando i primi vagiti della crisi di coscienza che lo stesso Martin si troverà a combattere dentro sè stesso.

La costruzione del giallo non mi ha coinvolta, troppo spesso al lettore vengono tenute nascoste conversazioni intraprese e indizi di cui il protagonista viene a conoscenza. Ciò che forse è stato ideato per creare suspance, blocca il ritmo e l'armonia della narrazione e personalmente mi ha creato un pò di nervosismo....

Al contrario la parte psicologica legata a Martin è completa e magistralmente raccontata. E' una scrittura ricchissima di metafore, sottili e geniali a volte. Il romanzo getta luce su uno degli aspetti più controversi dell'agire tedesco, la profonda separazione di intenti dell'esercito e delle SS, queste ultime descritte come una macchina di morte che agisce indipendente, un corpo impazzito che si nutre di sangue e che non si fa scrupoli nell'attaccare la sua stessa sostanza.

Adatto agli appassionati di questo periodo storico e agli amanti delle mille sfumature psicologiche, da evitare se si cerca un giallo ben congegnato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
La mappa nera
L'uomo dei sussurri
Gli avversari
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Il caso Alaska Sanders
La cameriera
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera