Maigret Maigret

Maigret

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Maigret accese la pipa, lasciò che il fiammifero bruciasse fino in fondo e poi si alzò chiamando: «Cameriere!». Ritto in mezzo alla sala con la sua mole imponente, aspettava il resto guardandosi tranquillamente attorno. «Dove andiamo?» gli chiese Philippe quando furono usciti. Maigret si voltò a guardarlo come se fosse stupito di trovarselo davanti. «Tu vai a dormire» rispose. «E tu, zio?». Il commissario alzò le spalle, si ficcò le mani in tasca e si allontanò senza rispondere. Aveva trascorso una delle peggiori giornate della sua vita. Per tutte quelle ore, seduto nel suo angolo, si era sentito vecchio e rammollito, privo di risorse e di idee. Ma adesso dentro di lui era scattato qualcosa, si era accesa una fiammella. Doveva approfittarne subito. «La vedremo, perdio, eccome se la vedremo!» borbottò per farsi coraggio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Maigret 2018-03-04 09:32:21 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    04 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'importante è finire

Doveva essere l’ultimo e lo fu, seppure solo per cinque anni. Per suggellare le avventure del suo ormai ingombrante personaggio, Simenon sceglie il titolo eponimo e immagina Maigret già in pensione e impegnato soprattutto ad andare a pesca in quel di Meung, sulle rive della Loira. Una notte, il tranquillo tran-tran viene sconvolto dal nipote: giovane poliziotto a Parigi, è accusato di aver ucciso il padrone (un prestanome, come si scoprirà ben presto) del locale che era incaricato di sorvegliare. Di malavoglia, lo zio ritorna in città e, sfruttando gli appoggi che ha ancora in polizia malgrado le inevitabili gelosie, riesce a ristabilire la verità. Le modalità sono le solite – molto spirito di osservazione, testardaggine al limite del masochismo (Maigret resta seduto allo stesso tavolo di un bistrot per un infinito numero di ore) e alcune brillanti intuizioni – ma l’indagine svolta nell’ambiente della piccola criminalità parigina che sfrutta prostituzione, spaccio e locali equivoci segue un percorso diverso dal solito: non c’è la caccia a un assassino misterioso bensì il lungo lavorio necessario per spingere alla confusione l’evidente colpevole. Il piccolo e non più giovanissimo boss Cageot, detto il Notaio, viene lavorato ai fianchi con le tecniche che utilizzerebbe un tenente Colombo e infine fatto cadere in trappola in un estenuante faccia a faccia giocato tutto in punta di dialettica in cui il commissario si fa aiutare da qualche astuto sotterfugio. Il ritorno al buen ritiro è il meritato premio che serve probabilmente anche a disintossicare il fegato provato dagli abbondanti sbevazza menti al termine di un’avventura interessante, ma che procede a strappi: le stasi nell’indagini si riflettono nel ritmo della scrittura e nel complesso, se lo fosse davvero stato, si sarebbe trattato di un addio in tono minore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri