Prima di morire addio Prima di morire addio

Prima di morire addio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Durante una festa notturna a piazza Farnese viene assassinato Henri Valhubert. A essere sospettato è il figlio Claude, che a Roma studia da anni assieme agli inseparabili Tiberio e Nerone. Ma accade qualcosa che sconcerta ancor di più il silenzioso e impulsivo Valence e il loquace ispettore Ruggieri, i due detective che si ritrovano, fianco a fianco, a dover risolvere l'enigma. Mentre l'intrigo coinvolge una bibliotecaria di inossidabile virtù, l'incantevole Laura, affascinante matrigna di Claude e il vescovo Lorenzo Vitelli, che fra le tante altre cose è anche il protettore designato di Claude, e amico dei tre ragazzi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 10

Voto medio 
 
2.6
Stile 
 
3.1  (10)
Contenuto 
 
2.2  (10)
Piacevolezza 
 
2.5  (10)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Prima di morire addio 2013-02-12 07:35:51 *Monica*
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
*Monica* Opinione inserita da *Monica*    12 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PRIMA DI MORIRE ADDIO

Il giallo è ambientato a Roma. Durante una festa in piazza Farnese, l' esperto d'arte francese Henri Valhubert viene ucciso da una dose di cicuta. L'uomo era arrivato improvvisamente a Roma per scoprire la provenienza di un disegno inedito di Michelangelo comparso sul mercato e probabilmente rubato dalla Biblioteca Vaticana. Le indagini vengono affidate all' ispettore italiano Ruggeri e al giurista francese Richard Valance, mandato a Roma dal fratello della vittima per insabbiare il caso ed evitare uno scandalo...

Premetto che questo è il primo libro di Fred Vargas che leggo e mi è piaciuto. La storia è ben costruita ed è coinvolgente dalla prima all'ultima pagina. La lettura è molto scorrevole e la scrittura raffinata, i personaggi ben tratteggiati, divertenti ed eccentrici (soprattutto i tre imperatori) e non mancano i colpi di scena.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2012-12-25 18:35:45 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    25 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I tre imperatori

Di questa storia colpiscono i ritratti dei personaggi protagonisti: Claude, di un'aggressività esagitata; Tiberio, dalla mente eccezionale; Nerone, un amorale esaltato, capace di assurdità sconcertanti; Laura, vera signora parigina. Ma più di tutti il poliziotto edil vescovo Lorenzo Vitelli. Un uomo dai gesti lenti, che ha in queste pagine una patina vellutata, soffusa di discrezione, come molti uomini di legge, medici o ecclesiastici. Oltre a questo ritratto, poco altro rimane di questa storia, se non un'ironia un pò d'oltrealpe, che non è proprio di mio massimo gusto.

Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2012-09-06 19:32:05 Gianfranca Fois
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Gianfranca Fois    06 Settembre, 2012

Prima di morire addio

Non avevo mai letto libri della Vargas ma ne avevo sentito parlare. Mai mi sarei aspettata un libro così mediocre (a voler essere gentili). La storia è banale e scontata, i personaggi stereotipati e inconsistenti, semplici macchiette. Il tutto immerso nel nulla. La scrittura è piatta, le uniche note positive sono il modo con cui la scrittrice termina i paragrafi e il fatto che sia un romanzo breve (purtroppo ho l'abitudine masochista di terminare i libri che incomincio a leggere, con la speranza di miglioramenti, in questo caso vana speranza).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2012-01-27 10:30:02 Araba fenice
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Araba fenice Opinione inserita da Araba fenice    27 Gennaio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Morituri te salutant

Non capisco perchè il libro non sia stato pubblicato con il titolo di cui il titolo francese è la traduzione( morituri te salutant).Si temeva che gli Italiani fossero tanto ignoranti da non conoscere, o da farsi spaventare, da una frase latina notissima e gladiatoria? Tanto più che ci stava benissimo con l'ambientazione e con i protagonisti, i tre imperatori.Da notare che il libro non è affatto l'ultimo della Vargas(non confondiamo l'anno di edizione italiana con quello in cui è stato scritto). Questo spiega il tentativo, forse non del tutto riuscito, di forgiare questi tre ragazzi che ricordano, e anticipano, i magnifici tre storici di "Chi è morto alzi la mano". Detto questo la magica Vargas conferma di essere una scrittrice troppo frettolosa.Le dimensioni del libro sono quasi da racconto lungo e lo sviluppo dell' azione e i personaggi fatalmente ne risentono.Lei è sempre brava, ha uno stile personale che ti costringe a leggere anche se alcune situazioni generano fastidio e disappunto.Esempio:non credo che esista una donna che piace fisicamente a tutti senza eccezione(non c'è forse il detto non è bello quel che è bello ecc...?)e soprattutto i personaggi simpatici non possono essere tutti buoni(la Christie docet).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2011-11-16 13:46:58 lela77
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
lela77 Opinione inserita da lela77    16 Novembre, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

si poteva fare meglio

non è il primo libro che leggo di questa autrice e questo non è sicuramente il migliore. personaggi interessanti, ma non sviluppati, non sufficientemente delineati.
rimane la grazia e la raffinatezza della sua scrittura, sempre piacevole e la sua capacità di creare scenari stralunati ed accoglienti.
questi personaggi sono comunque notevoli, anche se solo abbozzati, e spero che l'autrice li sviluppi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2011-08-24 16:48:45 cesare giardini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    24 Agosto, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Raffinato e intrigante

Fred Vargas è lo pseudonimo di una scrittrice che dal 1985, oltre alla sua attività di ricercatrice di archeozoologia presso il CNR francese e di esperta di medioevistica, produce romanzi tradotti in moltissime lingue, riscuotendo un vasto successo. Questo romanzo (del ’94) rivela una scrittrice sensibile e raffinata, che si cimenta in un giallo complicato e con inattesi colpi di scena, sino alla sconcertante rivelazione finale. L’azione si svolge a Roma, ambientata ai margini della Biblioteca Vaticana, e coinvolge personaggi legati tra loro da complicità inconfessate e inconfessabili, che un solerte commissario riuscirà a dipanare sia pure a prezzo di estenuanti indagini. Il romanzo è intrigante, ma l’eccessiva ricerca della perfezione stilistica e della raffinatezza narrativa induce alla noia, come se l’azione si svolgesse in un altro mondo, lontanissimo dalla realtà quotidiana. In effetti alcuni personaggi come il vescovo Vitelli e i tre giovani stralunati (che paiono usciti pari pari da un film di Fellini) hanno talora comportamenti ai limiti dell’assurdità come se si volesse rappresentarli come emblema di un certo mondo più letterario che reale. Tutto sommato, l’azione narrativa è però incalzante : un buon romanzo, da leggersi in spiaggia senza troppo riflettere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Fred Vargas
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2010-10-22 13:56:44 Tanu
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    22 Ottobre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrogante

Forse avevo aspettative esagerate su quest'autrice che non conoscevo ma questo libro è davvero bruttino.
Spero di aver cominciato dal suo peggior lavoro: aldilà dei personaggi davvero vacui e che non attirano minimamente la simpatia del lettore, la storia è banale, scontata e con un finale prevedibile. Non manca quell'arroganza tutta francese in cui gli italiani hanno un'immagine stereotipata: preti libidinosi, donne facili e poliziotti stupidi. Spero di ricredermi su questa autrice: quest'opera è decisamente mediocre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2010-10-21 21:43:07 Enzo63
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Enzo63 Opinione inserita da Enzo63    21 Ottobre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Deludente giallo romano

Non conoscevo questa scrittrice, un'amica me ne ha parlato molto bene e così mi sono deciso a leggere questa sua ultima fatica (come stampa in Italia, il libro è del 1994).
Devo dire di essere rimasto alquanto deluso della lettura. Il libro è ambientato a Roma ma non vi è alcuna descrizione dei luoghi frequentati dai personaggi del racconto, i protagonisti (soprattutto quella che avrebbe dovuto essere la donna misteriosa e affascinante del libro) sono così poco definiti che non si riesce ad inquadrarli e anzi le poche descrizioni fatte dei "tre Imperatori" spesso sono fastidiose. Unica nota positiva che per scoprire il colpevole bisogna arrivare quasi alla fine del racconto.
Esame non superato, sarà necessario rimandare il giudizio finale su questa scrittrice dopo aver letto qualche altro suo libro.
N.B. Nelle note di presentazione della scrittrice si dichiara che Vargas è considerata l'anto Patricia Cornwell ... non ho capito in che senso, spero che qualcuno riesca a spiegarmelo!!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2010-10-15 06:54:25 ellen80
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ellen80 Opinione inserita da ellen80    15 Ottobre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Raffinato

in questo libro Fred Vargas conferma la sua bravura, ambientato nella Città Eterna, in una Roma stranamente bohemien, dalle sfumature francesi.
I protagonisti sono tre giovani, tre "imperatori" così diversi tra loro, così sfaccettati, così coraggiosi.
La storia è scritta davvero bene, in maniera oserei dire raffinata.
Uno dei personaggi, Tiberio, mi ricorda Henry, uno dei protagonisti di Dio di Illusioni di D.Tartt: forte, protettivo, folle e astuto. non si può non amarlo.
Si tratteranno argomenti forti, come quello della Chiesa che, anche in questo caso, ne uscirà con le ossa a pezzi...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di morire addio 2010-06-03 09:02:01 NRG
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
NRG Opinione inserita da NRG    03 Giugno, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prima di morire, addio

Ambientazione e personaggi nuovi per la Vargas che, decisamente, non convince nel suo ultimo romanzo giallo.
Non la consueta Parigi o l’entroterra francese, ma una Roma sfocata, appena abbozzata e forse sconosciuta all’autrice fa da sfondo alla nuova storia.
Ugualmente sfocato e distante è il protagonista mandato a Roma da Parigi appunto, per investigare su un delitto di una grossa personalità e col compito di “ insabbiare” gli esiti dell’indagine. Appena trattegiati i personaggi di contorno che risultano, dunque, poco credibili, dalla collocazione incerta e del tutto superflui per lo sviluppo della trama o la piacevolezza del racconto.
Anche la protagonista femminile che, nell’intento, dovrebbe essere capace di suscitare emozioni anche nel lettore è in realtà priva di spessore e personalità.
Risultato prevedibile e lettura priva di vivacità; sconsigliato e molto deludente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
81
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il dottor Bergelon
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola