Psycho Psycho

Psycho

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Una giovane segretaria che ruba quarantamila dollari e scappa; il fidanzato e la sorella, increduli dinanzi alle accuse che piovono sul capo della giovane; un ostinato detective che desidera far luce sulla vicenda e infine loro, i Bates, proprietari dell'omonimo motel dove la ladra si nasconde. Soprattutto lui: Norman, pingue uomo di mezza età, con più di uno scheletro nell'armadio, completamente succube di una madre immobile e autoritaria. Sono i personaggi principali di Psycho, l'inquietante ritratto di un mostro della porta accanto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Psycho 2018-09-23 16:06:26 deborino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
deborino Opinione inserita da deborino    23 Settembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prima di Hitchcock

Premetto di essere una grandissima amante di tutti i capolavori del grande Hitchcock, ed in particolare di Psycho: il film che l ha reso più famoso.
Con grande stupore ho scoperto recentemente che esiste una versione cartacea di psycho, proprio il romanzo da cui Hitchcock ha tratto ispirazione per il suo film.
Che dire? Peccato che avessi già visto il film perché altrimenti il libro mi avrebbe fatto molta più paura.
Non ho amato granché lo stile di scrittura dell autore, ma la storia è senza alcun dubbio GENIALE!
Voglio anche aggiungere che è utilissimo per chi, come me, ha già visto il film perché spiega delle particolarità molto interessanti e che fanno capire più a fondo la personalità di Norman Bates. Assolutamente da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Psycho 2014-06-26 08:16:46 Ginseng666
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    26 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'insospettabile vicino di casa...

A volte non si vorrebbe mai credere o sospettare che l'apparentemente innoquo vicino di casa possa nascondere scheletri nell'armadio, possa essere un mostro, un individuo con turbe psichiatriche gravi, una persona potenzialemnte pericolosa.
La vicenda raccontata nel libro è attuale poichè noi vediamo nella cronaca del nostro paese esempi di gente insospettabile che poi si è rivelata omicida e che ha svelato infine il suo lato oscuro...
Un serial killer, uno psicopatico...il mio vicino, ma chi l'avrebbe mai detto?
Eppure qualche segnale, sicuramente c'è stato a svelare l'arcano: le bizzarrie del comportamento, le occhiate torve...le maniere non convenzionali...
Vero che non tutte le persone stravaganti sono dei killer, occorre però prudenza nelle relazioni sociali anche per non trovarsi invischiati in qualche storia a senso unico, che non ha ritorno...
Ora parliamo del libro che ha ispirato il famoso film omonimo: Norman, l'inquietante personaggio rientra nel profilo del vicino di casa che attraverso comportamenti inusuali svela la sua doppia natura,
succube di una madre autoritaria che nonostante tutto si ostina a far rivivere in un tragico fantoccio, vivo solo nei suoi ricordi, si manifesta nel teatro di una grottesca messa in scena...
La pericolosità di Norman non si manifesta subito, ma coloro che lo circondano ne vedranno infine gli aspetti più inquietanti e pericolosi....
Attenti ai vicini di casa, mostri nostrani di casa nostra, in cui comunque spira la tempesta di una follia appena sopita da repressioni e convenzioni...
Io ho sempre tenuto le distanze..non sia mai che...
Consiglio questa lettura.
Io l'ho trovata appassionante..
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Psycho 2014-06-24 19:30:52 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    24 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mamma!

Un motel sinistro, su una strada poco battuta (“Ma non è probabile che qualcuno passi di qui. Tutti ormai prendono la nuova strada”). Il suo gestore è Norman Bates: un uomo succube della madre (“lei gli aveva sempre imposto la sua legge”), con evidenti problemi d’identità e di autostima (“sei una femminuccia”).
Lì capita Mary, un’avvenente giovane donna che ha rubato (“in totale quarantamila dollari”) per amore.
Dopo averle assegnato la camera numero 6, Norman invita a cena Mary nella “casa sul pendio della collina dietro il motel”, ove l’uomo vive con la stramba mamma.
Dalle parole di Norman traspaiono soggezione (“La mamma non permette che ci siano liquori in questa casa”), riconoscenza (“… so quanti sacrifici ha fatto. Se oggi appare un poco strana, è colpa mia”), senso di colpa (“sono io il responsabile. Quando è venuta da me quella volta e mi ha detto che voleva risposarsi, sono stato io a impedirglielo”) e anche qualche mania (“Volevo parlarvi delle mie piccole manie. Ho una specie di laboratorio, giù nel seminterrato…”). Mary Crane conclude che “il poveretto aveva terrore di avvicinare una donna”.
In realtà le turbe di Norman sono ben più gravi: tanto per cominciare (e non finire) sono di carattere sessuale (“impotente”) e voyeuristico (“spiare attraverso il piccolo buco che aveva praticato tanto tempo addietro”).
La reazione della mamma - gelosia? Istinto repressivo? - non tarda ad arrivare e Norman non esita a coprire il delitto (“ora l’essenziale era far sparire le prove. Il corpus delicti”): quello famosissimo e celebrato da Hitchcock nell’indimenticabile scena della doccia…
Ma la mamma è sempre la mamma e Norman la pensa proprio così: “Ed eccola scivolare fuori, con un delizioso abito a trine. Aveva il viso incipriato di fresco e appena passato il rossetto, era graziosa come un quadro e sorrideva mentre si avviava giù per le scale”.
Le gesta successive di Norman mirano a rintuzzare Lila Crane e Sam Loomis, rispettivamente sorella e fidanzato di Mary, che tentano di far luce sulla sparizione di Mary affiancati dall’investigatore assicurativo Milton Arbogast.

Questo psicothriller è un capolavoro: si trastulla tra asperità e sfaccettature del complesso di Edipo, asseconda la violenza della rimozione (“solo di una cosa era lieto: di non essere responsabile di quanto era accaduto”), rappresenta con potenza scenografica le dilacerazioni che nella psicosi dissociativa trovano teatrale e rutilante manifestazione: “Norman il ragazzino che aveva bisogno della madre e odiava tutto quello che si metteva tra lui e lei. Poi c’era Norma la madre, che non si poteva lasciar morire. Il terzo aspetto potrebbe essere chiamato Normal… il Norman Bates adulto che doveva adattarsi al lavoro quotidiano e nascondere al mondo l’esistenza delle altre personalità… l’empia trinità.”

Da leggere, mantenendo - negli occhi che scorrono sulle parole del libro - il diaframma delle immagini del film di Hitchcock.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...la tragedia greca
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri