Rosy e John Rosy e John

Rosy e John

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un potente ordigno esplode a Parigi, ma fortunatamente non fa vittime. La polizia pensa subito a un attentato terroristico. Non è così. Il responsabile, un ragazzo di nome John, sostiene di aver piazzato altre sei bombe, e che le farà esplodere tutte al ritmo di una al giorno se sua madre Rosie, accusata di omicidio, non verrà fatta uscire di prigione. John rivela anche di avere piazzato la seconda in una scuola materna, senza però specificare in quale parte del paese: due milioni di bambini sono dunque in pericolo e lui tiene tutti sotto scacco. In fondo non ha più niente da perdere: la madre in carcere, la sua ragazza morta, lui senza un lavoro... Il commissario Camille Verhoeven deve agire molto in fretta, con astuzia e attenzione. Il ragazzo è una vera minaccia o è solo un perdente con manie di grandezza? Soltanto la sensibilità e l'umanità di un uomo straordinario come Camille potranno servire a risolvere un caso senza precedenti nella capitale francese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rosy e John 2018-01-04 16:28:43 68
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    04 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ansia protratta e tempesta imminente

Riecco Camille Verhœven, star indiscussa della famosa e fortunata trilogia di Pierre Lemaitre ( Irène, Alex, Camille ) con i suoi 145 cm di pura collera, la sua calvizie luccicante e quello sguardo affilato come una lama, una storia di sofferenza alle spalle, un uomo che vive di furore placato ma con la lacrima facile.
Una deflagrazione improvvisa scuote Parigi, questa volta il tempo e’ tiranno ed insegue una strage annunciata dallo sguardo impassibile di un ragazzo silente ( John ) che si infila nel metro e non soccorre nessuno, perché quella bomba è opera sua.
Si scatena un caos tra una confessione da estorcere ed una enigmatica storia famigliare, quella controversa relazione madre-figlio ( Rosy e John ) sospesa tra testardaggine e determinazione, lucida volontà e ferrea intenzione.
Ma mentre Rosy volge il proprio sguardo verso il figlio in uno slancio amoroso esclusivo, John fissa il vuoto e sembra, oltre il possibile, avere pensato, organizzato ed orchestrato un piano tutt’altro che fragile e banale.
Chi è realmente costui? Un terrorista, un mitomane, solo un folle, un disadattato o una mente brillante, un intelligente calcolatore, e la sua vita che cosa sottende?
L’ intero paese è scosso, allertato, assediato, mobilitato, un’ angoscia crescente per una decisione assai delicata ed una certezza, il poco tempo rimasto, vittime di un ricatto inaccettabile.
Esperti scandagliano il possibile ed il verosimile, ogni centimetro di realtà, perché … “ questa è la democrazia, un paese nelle mani di professionisti “….
E poi, fortunatamente, c’è lui, il commissario Verhœven, rivestito della propria fallace umanità, che scardina il visibile grazie a logica ed intuizioni geniali, una giusta miscela di deduzione ed indefinitezza.
In questo viaggio fulmineo in un mondo ( quello di Rosie e John ) di degrado socioculturale e follia manifesta, figlie di genetica, impulsi irrefrenabili e morbosità, riconosciamo che, oltre un lucido distacco, casualità apparenti e difficoltà impreviste, forse si nasconde una logica predeterminata ed un percorso a tappe.
Le ore scorrono, implacabili, i minuti inseguono terrore ed attesa, sollievo e silenzio, anche muta rassegnazione, con un dubbio vivido ed un’ ansia protratta, che ci accompagna fino all’ epilogo, una tempesta violenta e risolutiva, perché nulla, al solito, è come sembra….
Un buon Lemaitre, che nella brevità del racconto eleva azione ed attesa frustrante ad elementi primari, in uno stato di apnea interrotto e smorzato dalle riflessioni brillanti e dalle battute sagaci di Camille nei pochi attimi di intimità concessigli ( i messaggi con Anne per un incontro notturno continuamente rimandato ).
Descrizioni pungenti e dialoghi sferzanti, pensieri un po’ folli e fuori dal coro ( quelli di Camille ), Il resto si tinge di sospensione ed attesa protratta, senza fermarsi a riflettere, ma, come spesso accade, la soluzione non è così lontana ed enigmatica, ma una presenza reale, concreta, vicina e visibile a tutti; basta coglierla, identificarla e decodificarla, ma questo, si sa, è mestiere per pochi….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Irene, Camille, Alex
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il profumo sa chi sei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lockdown
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri