Rue Pigalle Rue Pigalle

Rue Pigalle

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Rue Pigalle e altri racconti, opera di Georges Simenon edita da Adelphi. C'era, in tutta quella faccenda, qualcosa d'infinita­mente triste, come il fiume che da mattina a sera rifletteva lo stesso cielo, come quei convogli di barche che si annunciavano a colpi di sirena (uno per ogni chiatta rimorchiata) e che sfilavano ininterrottamente attraverso la chiusa. Poi, mentre le donne, sul ponte, si occupavano dei marmocchi sorvegliando la manovra, gli uomini salivano fino al bistrot, buttavano giù un bicchierino e riscendevano col passo pesante.«Caso risolto!» aveva dichiarato un collega a Maigret.Eppure il commissario, di umore uggioso come la Senna, uggioso come un canale sotto la pioggia, era tornato alla chiusa e non riusciva più a scollarsene.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rue Pigalle 2018-11-29 06:34:31 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    29 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Deludente

Quello che più mi stupiva, fino a non molto tempo fa, era che, a fronte della corposa produzione di Simenon, le opere di qualità fossero tante, come se il narratore belga fosse un’azienda in grado di sfornare con continuità prodotti di caratteristiche uniformi secondo le normative UNI. Poi, da quando la Adelphi ha iniziato a pubblicare lavori meno noti, grattando come si suol dire il fondo del barile, la qualità è andata scemando, scendendo a livelli insospettabilmente bassi. E’ anche questo il caso di Rue Pigalle e altri racconti, nove prose con protagonista un commissario Maigret che stento a riconoscere, se non a sprazzi e quasi sempre perché sono andato a cercare con impazienza - e anche irrequietezza - caratteristiche che mi erano ben note e che qui latitano. Arrivo al punto di dire che se un lettore si accosta a Simenon leggendo un libro come questo non può che concludere di trovarsi di fronte a un mediocre autore, e non certo al grande narratore, stimato e apprezzato in tutto il mondo. C’è Maigret in questi racconti, ma un Maigret anonimo, un personaggio in cui non si riescono a trovare quelle doti di umanità che paiono contrastare con la sua straordinaria abilità nel risolvere i casi più difficili. Non solo, ma manca anche l’atmosfera che l’accompagna, così come ben poco riconoscibili sono i luoghi in cui si muove; Simenon intende privilegiare la vicenda puramente poliziesca, ma non ha la capacità di costruire una trama dagli intarsi perfetti e poi soprattutto quel che manca è il palcoscenico su cui si muovono i protagonisti, il tutto in una freddezza e anche una certa fretta mai riscontrata nel narratore, quasi che avesse inteso svolgere un lavoro a cottimo. Sono nove, appunto i racconti, e quello in cui per un attimo mi è sembrato di ritrovare il solito Maigret è stato l’ultimo, ma è stato solo un attimo, perché mai e poi mai mi sarei aspettato il commissario che sferra un pugno a un personaggio che è viscido e francamente antipatico, ma che non è un omicida, un’azione che non è certamente da lui. Negli altri la soluzione dei casi, di non particolare interesse, sembra opera di un miracolo, tanto appare poco logica, così che mancando un intreccio valido, con soluzioni campate in aria e in assenza di tutte quelle caratteristiche che ci hanno deliziato leggendo i romanzi gialli con protagonista il celebre commissario resta ben poco, anzi nulla per poter giudicare, anche con un occhio di riguardo, questo libro, che in tutta sincerità mi ha notevolmente deluso.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri