Scritto nelle ossa Scritto nelle ossa

Scritto nelle ossa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un cadavere incenerito, del quale restano però misteriosamente intatti una mano e i piedi. Questo l’enigma che si trova davanti il dottor David Hunter quando raggiunge un cottage isolato su una sperduta isola delle Ebridi Esterne. Sembra un caso da manuale dell’inspiegabile fenomeno di autocombustione spontanea, ma Hunter è deciso a non cedere alle tentazioni del paranormale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.4  (5)
Contenuto 
 
4.0  (5)
Piacevolezza 
 
4.2  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Scritto nelle ossa 2018-01-21 19:52:00 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    21 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I segreti dell'isola

Gran bel thriller, che non dà niente per scontato e che, soprattutto verso la fine, quando pensi ormai di aver capito tutto, ti offre mille possibili soluzioni, perché la linea che separa la vita quotidiana dal caos è davvero molto molto sottile. E’ ambientato in un’isola desolata e selvaggia e la comunità isolana è ciò che più intriga in questa storia davvero ben congegnata, dove la parola d’ordine è prudenza, verso tutto e verso tutti. Lo stile è accattivante, è scritto in prima persona, una scelta stilistica che avvicina il lettore, e la voce narrante è quella dell’antropologo forense protagonista. Uomo dal mestiere raccapricciante forse, ma che esprime, nell’amore per il proprio lavoro, un profondo rispetto per i morti, più forte del rispetto che tante persone hanno per i vivi. Sorprendente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scritto nelle ossa 2014-09-23 06:34:41 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    23 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Efferati omicidi e sconcerto su un'isola sperduta

La storia è affascinante; l'ambiente è ottimamente descritto e mette in luce la routine di un'isola sperduta nelle Ebridi Esterni scozzesi, spezzata da una serie di efferati delitti che danno molto filo da torcere all'antropologo forense David Hunter. Gli accadimenti si svolgono in un'atmosfera soggiogata dagli elementi avversi della natura. Tutto ciò che sembra avere una soluzione è invece illusione; i colpi di scena si susseguono fino all'ultima riga del romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scritto nelle ossa 2011-07-07 17:24:05 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    07 Luglio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SCRITTO NELLE OSSA

Quello che ricorderò di questo libro anche a distanza di tempo sarà sicuramente la splendida ambientazione. Beckett ha puntato molto su questo aspetto, facendo girare tutta la storia attorno al fatto di trovarsi su di un’isola a nord della Scozia, rimasta irraggiungibile per diversi giorni a causa di una epocale tempesta. David Hunter viene chiamato su quest’isola, quando ancora il tempo lo permetteva, per valutare una morte sospetta, ma dopo poco tempo capisce che la persona è stata uccisa in modo violento e quindi iniziano le indagini per trovare il responsabile e scoprire l’identità della vittima. Purtroppo l’assassino inizia a sentirsi braccato e incomincia a perdere la testa, commettendo altri delitti, lasciando però altri importanti indizi.
Lo stile di questo thriller ricorda qualche libro di Agatha Christie, dove l’assassino è per forza uno dei presenti in quanto essendo isolati non è possibile arrivare ma neppure andarsene. Attenzione al finale perché fino all’ultima riga, anzi alle ultime parole ci sono sorprese !!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
81
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scritto nelle ossa 2010-10-21 09:57:03 faye valentine
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
faye valentine Opinione inserita da faye valentine    21 Ottobre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il tenente Colombo

Con molto entusiasmo ho iniziato la lettura di questo giallo, forte delle ottime recensioni lette su questo sito, ma fin dall'inizio mi sono trovata di fronte ad un romanzo che non era affatto come me lo aspettavo: infatti io pensavo fosse uno di quei super-gialli che non ti lasciano un attimo di respiro, a ritmo serrato, con eventi su eventi, omicidi a raffica, depistaggi.. e invece no! Si badi bene, non che tutte queste componenti non ci siano, solo che sono dosate con estrema cura dall'autore, anzi, forse il termine più adatto è "centellinate"...
Il romanzo inizia con una spettacolare descrizione delle isole Ebridi Esterne (e non scrivo "spettacolare" a caso: sono descritte in modo vivido e con una dovizia di particolari che vi sembrerà di essere là con tutta la compagnia dei protagonisti!), prosegue incanalandoci nelle storie dei vari personaggi, ma sempre con estrema cautela... come se stessimo entrando in punta di piedi... In molti frangenti mi sono chiesta il perché di questo stile un po' a moviola, che mi ha davvero disorientata: considerate che a pagina 80 il nostro antropologo forense, protagonista, sta cominciando a vestirsi per accingersi ad effettuare l'esame delle ossa (direte voi: a vestirsi???? ma come????? e che ha fatto fino ad ora??????!!!!!), ma tenetevi forte: l'esame comincia a pagina 178!!!!
Nonostante questa sorprendente lentezza devo dire che Beckett è notevolmente capace di creare tensione, anche se penso che la Signora del Giallo (Agatha Christie, n.d.a.) e Il tenente Colombo gli abbiano dato lezioni esemplari.
I personaggi sono interessanti, specialmente il nostro caro protagonista, David Hunter: un uomo dal forte vissuto, carico di grande esperienza, che però, arrivato sull'isola dove si dipana la vicenda, appare spesso disorientato quasi fosse un apprendista alle prime armi. Ma meglio così se siamo stanchi di detective infallibili e onniscienti!
Tutto sommato, il libro non me lo aspettavo così com'è, ma mi è piaciuto: l'ambientazione e le doti descrittive dell'autore vi faranno vivere un'esperienza unica (e ve lo dice una persona che non è una grande amante dei "paesaggisti"!), i personaggi sono abbastanza stereotipati, ma piacevoli nel loro interagire, i colpi di scena ci sono fino all'ultima riga, ma ci sono anche parecchi indizi, disseminati tra una descrizione e l'altra, che rendono agevolmente raggiungibile anche da parte vostra la soluzione finale del caso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
la mia recensione! ;)
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scritto nelle ossa 2009-06-12 23:55:29 Sydbar
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    13 Giugno, 2009
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scritto nelle ossa

Se "La chimica della morte" vi ha entusiasmato, questo secondo libro di Beckett vi lascerà senza fiato.

Non potete mmagianre quanti colpi di scena e vi assiucuro fino all'ultima riga.

Si legge in modo scorrevole, meno particolareggiato nelle descrizioni delle scene del crimine rispetto al primo, ma senza dubbio vi lascerà sgomenti.

Attendo il terzo libro di Beckett con impazienza ed ormai dovrebbe essere una cosa di alcuni giorni la fine dell'attesa.

Se volete leggere qualcosa che vi catturi bè questo autore fa per voi.

Promosso a pieni voti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
121
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri