Una cattiva baby sitter Una cattiva baby sitter

Una cattiva baby sitter

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Jocelyn Holt non ha trascorso un’infanzia felice. Cresciuta nella grande e tetra casa di Lake Hall con due genitori freddi e indifferenti, ha cercato conforto nell’unica persona in grado di dimostrarle affetto: la sua adorata tata, Hannah. Ma una notte, all’improvviso, Hannah è scomparsa senza lasciare tracce e la bambina ne è rimasta sconvolta. Ossessionata da quel mistero, non si è mai ripresa del tutto e, crescendo, è diventata una donna scostante e silenziosa, incapace di fidarsi completamente del prossimo. Trent’anni dopo, Jocelyn è costretta a tornare a Lake Hall insieme a sua figlia Ruby e quindi a confrontarsi con il passato. Ma quando un teschio umano viene rinvenuto nel lago della tenuta, tutte le sue certezze iniziano a vacillare. Potrebbe trattarsi di Hannah? Mentre ipotesi inquietanti iniziano a farsi largo nella sua mente, qualcuno bussa alla porta della grande casa. Qualcuno che potrebbe avere tutte le risposte che Jocelyn sta cercando.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una cattiva baby sitter 2021-06-11 20:52:04 ALI77
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    11 Giugno, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN THRILLER POCO CREDIBILE

Anni fa ho letto il romanzo "9 giorni" sempre della stella autrice e devo dire che ne conservavo un buon ricordo, anche se di certo non era stato il thriller migliore della vita.

Oggi mi trovo a dire che questo thriller mi ha sorpreso ma in negativo, una storia che non è verosimile e che fa acqua da tutte le parti, i personaggi si comportano in maniera assurda e senza un senso logico.

La narrazione è principalmente alternata da due voci narranti diverse: quella di Virginia e quella della figlia Jo.

Jo torna nella città natale dopo più di trent'anni e si presenta con la figlia Ruby, la donna ha avuto un'infanzia difficile e un rapporto complicato con la madre, che l'ha sempre trattata con indifferenza e con un profondo distacco.

Da piccola Jo era molto affezionata alla sua baby sitter, Hannah, che all'improvviso se ne andò, non lasciando nessuna spiegazione per il suo gesto. Un giorno la donna trova, nel lago della tenuta, un teschio umano e lei pensa possa essere della sua tata.

Purtroppo la protagonista Jo, è un personaggio poco delineato e approfondito, ma soprattutto è incoerente e inverosimile, il suo comportamento non è quello che farebbe una persona.

La donna reagisce ad alcuni situazioni come se nulla fosse, senza emozioni, senza avere un turbamento o un cambiamento.

L'autrice mette molta carne sul fuoco, si sofferma su alcuni particolari che non aggiungono nulla di concreto alla narrazione ma che la allungano, senza un reale motivo.

L'indagine per il riconoscimento del teschio ritrovato nel laghetto, è marginale e soprattutto superficiale e ho trovato che questo libro sia più vicino a un dramma famigliare che a un thriller, visto che non c'è né ritmo né suspense.

Il finale è la ciliegina sulla torta e non si capisce cosa voglia dire l'autrice con l'ultima riga, inoltre alcuni dei temi trattati rimangono in sospeso senza una vera conclusione.

La narrazione è scorrevole grazie ai capitoli brevi, nonostante la prima parte del libro sia stata interessante e accattivante, quella centrale è stata confusa e contorta non si capiva dove l'autrice volesse andare a parare e infine il finale l'ho trovato senza alcun senso e surreale.

Quello che mi ha convinto di meno al di là dello sviluppo della trama, è stata la costruzione dei personaggi che non risultano mai credibili, ma agiscono in maniera inverosimile e non come se fossero delle persone reali. Questo è un grave difetto di questo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri