Alicante Alicante

Alicante

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In "Alicante" anche un annaffiatoio verde e un imbuto paffuto possono prendere vita. Nelle poesie della Leonetti, sono presenti quasi ovunque le cose, strappando e suscitando qua e là sorrisi stupiti. A volte il filo tra senso e non senso diventa davvero molto sottile. Come ben sottolineato da Rino Tripodi nella sua Introduzione: «I ritmi sono veloci, festosi, scoppiettanti, con frequenti ripetizioni lessicali gaie e briose. Alla poetessa, poi, piace usare anche tutti i possibili espedienti grafici: dai caratteri – maiuscoli/minuscoli, come in molti titoli, che vengono così a far parte pure essi del testo – alla vera e propria costruzione di disegni e forme attraverso i versi stessi, alla maniera di Apollinaire. Quindi, una trascinante sensazione di infantile gaiezza». Per una poesia che si “dissacra” e non si prende troppo sul serio, cercando di adattarsi il più possibile al “disordine” di questo tempo. Il tutto senza alcuna pretesa di denuncia sociale. Solo uno stimolo a una personale riflessione esistenzialista. Che sia lo stesso titolo un omaggio al francese Prèvert? Forse un’indicazione della Leonetti in merito alla chiave di lettura dei suoi versi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Alicante 2008-05-11 01:55:02 patrizia
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da patrizia    11 Mag, 2008

Perché proprio "Alicante"?

Alicante, Carolina Leonetti, Inedition editrice, 2007



Alicante... dopo aver letto questa raccolta di poesie, apprezzandone soprattutto la velocità dei ritmi e la varietà dei temi, ho fatto una ricerca per capirne meglio il titolo. Perché proprio "Alicante"? mi sono domandata. E ho scoperto che Prevert, in realtà, compose una poesia, del resto davvero bella, che si chiamava in questo modo. Difatti la Leonetti richiama in più composizioni la capitale francese: parla della scalinata di Montmartre e di una donna che aspetta l'amante nel Jardin du Luxembourg, ad esempio.

Alicante è poi una città della Spagna. Nonché un tipo di uva presente nel nostro Meridione, soprattutto in Calabria, terra natia dell'autrice. Quale sarà mai il legame tra tutti questi elementi così diversi tra loro? Cosa la Leonetti vuole davvero comunicare al lettore con i suoi giochi di parole, con i suoi colpi di scena e i suoi simpatici oggetti "animati"?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri