Poesia Poesia italiana I miei pensieri
 

I miei pensieri I miei pensieri

I miei pensieri

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di I miei pensieri, poesie di Agnese Bonini pubblicate da Edizioni Agemina. Le poesie di Agnese Bonini, “I miei pensieri”, si presentano, fin dall’inizio, impregnate della esperienza viva della vita per cui pian piano implodono in quella seduzione che soltanto le cose vere sanno dare. L’autrice analizza luoghi, rapporti, relazioni, eventi, come se volesse farne un elenco, ma alla fine essi diventano un unico paesaggio: “Il paesaggio della memoria” che non è l’evanescente passato delle cose vissute e sofferte, ma è il “fatto”, “l’accadimento”, che rende solare l’anima degli stessi versi. In tale contesto le parole diventano cromatiche: “sul pesco, sul ciliegio, e sull’ulivo” illuminati dalla “stella”. È una vita dura quella dei contadini di Valdichiana, ma l’Agnese può revocarla con nostalgia, può ricordare senza rimpianti, con la tenerezza di una madre che, forte della sua pedagogia, dice: “non seguite i fanatici che sanno solo predicare”. Si avverte, infatti, palpitare l’intreccio dei sentimenti: la letizia del ricordo e la tristezza del ritorno come quando “a piedi nudi correvo nei prati” e “la tristezza di non più ritrovarti”. Infatti quel che colpisce è proprio la gamma dei sentimenti che si incrociano nei versi semplici e senza pretese, sentimenti che vanno dall’amore coniugale e materno alla compassione, alla pietà, alla tenerezza, al rimpianto, alla preghiera, per cui il lettore dimentica metrica e stilistica e si lascia coinvolgere dalla cascata di parole purissime. Così il mondo di Agnese diventa un mondo che trasborda dai confini che ad esso l’autrice si prefigge di dare e si fa forma per raccogliere tutte le ansie, le domande e le risposte, gli urti, i fallimenti, i cambiamenti di una realtà che muta sotto l’implacabile scure del progresso... o del... regresso. Al “Fiume” Agnese dice accorata: “sei rimpicciolito e sciupato come un vecchio abbandonato”. Ma la poetessa non critica, osserva, descrive ed accetta con l’unico scopo di continuare ad amare, tant’è che la memoria di qualsiasi evento, non si fa mai per lei deserto. È un mondo autentico che vale la pena assaporare perché lì i versi sprigionano note che si fanno melodia, la quale diventa di per se stessa una interpretazione religiosa del mondo. (prefazione di Mela Mondì Sanò)



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I miei pensieri 2009-03-03 22:21:07 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    04 Marzo, 2009
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una poesia semplice, ma efficace

I ricordi riaffiorano quando si arriva a una certa età, in cui è d’obbligo fare un inconscio bilancio della propria esistenza, ed è quel che ha fatto negli ultimi venti anni Agnese Bonini, con una ricerca della memoria sostenuta da una vita improntata ai valori autentici, come l’amore per la propria famiglia, come il saper cogliere il perché dei fatti nel registro naturale che accompagna ognuno di noi. Una vita semplice è stata la sua, anche faticosa, con il lavoro della terra, ma sempre dedita a quella pace interiore che nel sessantesimo di matrimonio le fa scrivere:



Sessant’anni son passati,

come un sogno son volati,

ma ci siamo tanto amati!



È passato qualche temporale,

ma mai ci siam voluti male.



Di futuro non ne è rimasto tanto,

ma non pensiamoci

e restiamo sempre accanto!



E’ una poesia semplice, affidata per il ritmo anche alle rime esterne, ma traspare evidente da questi versi l’appagamento, la soddisfazione di una persona che ha saputo cogliere il vero significato della vita.

La coscienza di essere parte di un ordine perfetto fa sì che la natura, nella sua semplice e imponente bellezza, sia ricorrente nelle liriche (Affacciandomi ai miei terrazzi, / vedo montagne verdi d’estate / e d’inverno ammantate di bianco. / Sono belle, maestose / sembra non siano mai / né vecchie, né stanche. /…).

E’ una descrizione di rara efficacia, in cui si avverte ancora l’emozione che l’autrice prova per la bellezza del creato.

Ed è con mestizia, quasi con dolore che avverte il prezzo esoso della civiltà industriale rivedendo il fiume della Valdichiana, suo compagno di gioventù, offeso, sciupato come un vecchio abbandonato. C’è tanta tenerezza in questo accostamento fra un emblema della natura e un essere umano avanti con gli anni, due figure che tanto hanno dato e ora invece sono relegate al ruolo di cose vecchie e inutili.

E’ una poesia non mediata, che esce fluttuante dall’animo, come se Agnese stesse raccontando la sua vita ai nipotini, una specie di lunga favola, costellata di tanti episodi, e ognuno con una sua morale, con la visione che questa donna ha del mondo che la circondava e che le sta intorno. Ecco allora un pensiero per gli umili, uno ai bimbi dei contadini, con una vita così diversa dai fanciulli del giorno d’oggi, fatta di fatiche, di lavoro, di cibo modesto e non in abbondanza. Ora invece i bimbi hanno tutto, anche troppo, non si spezzano la schiena e a differenza dei loro coetanei di tanto anni fa hanno perfino il tempo di annoiarsi, un pericolo questo che nonna Agnese evidenzia acutamente in modo poetico (…/Non seguite i fanatici che sanno solo predicare, / ma che in realtà vi vogliono solo schiavizzare / per farvi fare solo quello che a loro piace fare, / mentre voi affamati e miseri rischiate di restare! /…).

E si potrebbe andare avanti con altri episodi di questa bella favola che è la vita di questa signora, ma non voglio togliere ai lettori il piacere di una scoperta, di immergersi per un momento in un ruscello di acque cristalline che dolcemente mormora all’orecchio il senso della vita, una filosofia così complessa nella sua semplicità che solo facendola nostra possiamo apprezzarla, gioirne, coricarci la sera soddisfatti del giorno e alzarci all’indomani con la gioia di ricominciare.

La lettura di questo bel libro è sicuramente consigliabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri