Poesia Poesia italiana Istanze e sogni
 

Istanze e sogni Istanze e sogni

Istanze e sogni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Gli oltre quaranta componimenti della raccolta offrono un ampio repertorio tematico. Si va dalla veemente critica di alcuni aspetti dell’attuale vita sociale ad una poesia più vaga, introspettiva. Una lettura più attenta consente tuttavia di trovarvi un filo conduttore, un approccio poetico che chiude il cerchio e rivela un legame tra poesie apparentemente diverse: la capacità di interpretare e trasmettere le emozioni e le sensazioni dell’animo umano. La poesia di Panzardi è caratterizzata da un ritmo incalzante, dal susseguirsi di versi che spesso iniziano e si concludono in se stessi. Gli incisi vogliono aggiungere qualcosa, un dettaglio in più, attirare l’attenzione sulla scansione delle parole e sulle parole stesse.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Istanze e sogni 2007-10-20 15:17:20 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    20 Ottobre, 2007
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mondo negli occhi del poeta

Nel Poeta è sempre presente una solitudine interiore che lo spinge a comunicare con gli altri tramite i versi. E’ un secondo io, sempre presente, ma che in momenti di particolare tensione emotiva trova un suo sfogo guidando la mano a comporre riflessioni, urla di sdegno, silenzi che parlano più di qualsiasi voce.

Ritroviamo questo pathos anche nella raccolta poetica di Luigi Panzardi, caratterizzata da una quarantina di liriche dalle tematiche più disparate, dall’osservazione della natura alla dolorosa immagine dei diseredati.

In ogni caso è sempre presente la consapevolezza della caducità della vita, della conclusione di un ciclo con la morte, un evento accettato con una rassegnazione stanca.

Al di fuori di canoni stilistici ben precisi, si può far rientrare tuttavia questo modo di poetare nel post-ermetismo, riprendendo da quest’ultimo alcune caratteristiche che impongono al lettore un’attenta lettura e rilettura, onde comprendere, peraltro senza soverchie difficoltà, il senso del messaggio.

Aggiungo che c’è una costante linearità dell’esposizione, a volte accompagnata da incisi in funzione rafforzativa, in una stesura dal lessico non complesso, quasi comune, che non impedisce tuttavia il raggiungimento di un’armonia semplice, ma funzionale.

Valga un esempio per tutti quella che, a mio parere, è la lirica più riuscita, dove il contrasto fra il desiderio di una donna emarginata e la realtà del mondo è espresso senza enfasi, e proprio per questo induce a una più ampia e serena riflessione.



Davanti allo specchio di una vetrina



Paralizzata, guarda la vetrina,

gode per la lussuria dei colori esposta.

Un fragore di luci bianche

avvolge il nero vestito di seta giacente,

imperlato, come un cielo gremito di stelle.



Raspa con le mani il vuoto della borsetta,

ha l’animo agghiacciato dalla fame,

ha il cuore dentro che urla stupito,

chiede di sapere perché non può

correre sull’azzurro del mare.



Alle spalle il fiume gonfio e lento sta,

della folla di uomini e macchine,

scorre sullo schermo a due dimensioni:

una è ricchezza, l’altra è povertà.



Ecco, in questi versi c’è tutto lo sdegno per un mondo che accetta solo se stesso, c’è il naturale desiderio, il sogno di una donna per un abito che non può comprare, con quella mano che inconsciamente cerca quello che non c’è nella borsetta. Come tutti i sogni lo scontro con la realtà impone la domanda del perché altri sì e lei no.

E la risposta è nell’ultima quartina, con quel fiume di un’altra umanità che scorre insensibile, lasciando sulle sponde chi non può percorrerlo.



Basterebbe questa lirica a dare valore a una raccolta che ne presenta altre di significativo rilevo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fiori e fulmini, di Cristina Bove;<br />
Canti celtici, di Renzo Montagnoli.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri