Poesia Poesia italiana La corte dei miracoli
 

La corte dei miracoli La corte dei miracoli

La corte dei miracoli

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di La corte dei miracoli, poesie di Yorick. Un libro sottilissimo, a metà strada tra la poesia e la prosa, che ricorda per forma ed atmosfere la baudelairiana Parigi dello spleen. Ricco di luci e ombre, santità e depravazione, "La corte dei miracoli" ci presenta un mondo agrodolce fatto di contrasti forti, che strapazzano il lettore con repentini cambi di scena ed inattese, quanto gustose ed originali mescolanze dei più disparati personaggi e contesti. Dipinte con tratti accennati e colori acquosi, le sue figure si muovono in una dimensione obliqua tra sogno e reale, dove pensieri, fantasie, ricordi e nostalgie si mescolano in un unico, sfocato alone. A volte con tristezza, altre con sorprendente magia. Un piccolo filo di perle preziose, da portare con sè e gustare poco alla volta, per scoprirsi ancora capaci di lasciarsi rapire, meravigliare, commuovere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La corte dei miracoli 2008-04-30 15:52:32 Sabrina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Sabrina    30 Aprile, 2008

Aprire gli occhi del cuore

All'inizio, questo libro mi ha fatto pensare che l'autore doveva essere alterato. Forse aveva bevuto troppo assenzio come i poeti maledetti che tanto sembra amare: le sue descrizioni sono surreali, vede persone e luoghi che sembrano distanti dalla realtà, sembra enfatizzare cose irrilevanti e tralasciarne altre importanti.



Ma poi, dopo qualche pagina, il mondo che descriveva diventava sempre più interessante, comprensibile, vicino.

Le piccole cose importanti prendevano una dimensione vicina, vera. Le cose tralasciate non contavano più. Non importava sapere il nome dei personaggi, nè dove si svolgeva la scena: importava la sensazione, il riflesso, il ricordo evocato. Importavano i pensieri più che i fatti, i sogni e le paure, che si facevano di colpo piu' reali di tutto il resto.



Queste poche pagine schiudono un universo magico, una terra di fantasia, di visioni.

E' un libro da non perdere, che sembra capace di commuovere e far riflettere con i suoi racconti brevi, con una immediatezza ed efficacia che tante parole non avrebbero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
La corte dei miracoli 2008-04-29 23:00:26 instabile.equilibrio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
instabile.equilibrio Opinione inserita da instabile.equilibrio    30 Aprile, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una raccolta di realtà, sogni e magia

Per chi è scritto questo libro?



Per chi cerca un libro diverso.

Per chi vuole sentirsi raccontare qualcosa di insolito, con parole e sensazioni insolite.

Per chi ama la narrazione che è quasi poesia e le descrizioni a mezzo tra la verità piu' cruda ed il sogno.

Per chi non ha paura di sperimentare.





'La corte dei miracoli' e' un libro molto leggero, si compone di poco piu' di cinquanta pagine, ognuna contenente un brevissimo racconto, quasi una fotografia, che ritrae personaggi diversi, scorci diversi di una città popolata da fantasmi, poveri, demoni e santi.



Non ci sono riferimenti geografici, non ci sono nomi neè date: tutto viene lasciato sospeso in un'epoca senza tempo, in un limbo tra veglia e sogno, dove non si capisce mai quale sia davvero il confine tra cio' che l'autore descrive e cio' che invece immagina, tra cio' che vive e vede, e cio' che invece immagina soltanto.

E' questa una scelta deliberata, risulta chiaro sin dalla prima rapida scorsa alle storie: tutte sono studiate per lasciare quel mistero, quell'alone di magia che le avvicina alle favole, elevandole a poesia anche quando si ispirano a realtà di decadenza e bassezza morale.



Il soggetto narrante è l'autore stesso, che racconta in ogni pagina qualcosa che ha visto: di lui si scopre tuttavia ben poco, nonostante questo. La narrazione è oggettiva, infiorata di ritocchi ed accorgimenti tecnici e metrici (ad esempio, ogni racconto termina con due versi conclusivi) ma quasi mai estesa fino ai sentimenti dell'io narrante.



Questo e' un testo che va trattato piu' come una raccolta di poesie che come narrativa.

Come in copertina ci viene consigliato, è un libro da tenersi vicino, magari mentre si viaggia, da cui assaporare un paio di pagine alla volta, con il giusto tempo per goderne e senza leggere di filato tutto fino in fondo. Vanno apprezzati i termini, la costruzione spesso ricercata, spesso inusuale delle frasi e dei paragrafi, che tende, come tutto, a emozionare, toccare, comunicare le emozioni nel modo piu' forte possibile.



Di particolare rilevanza, nell'insieme dei racconti brevi, sono a mio avviso "L'ultimo bacio" e "La corte dei miracoli"( che da il titolo alla raccolta): costituiscono il primo e l'ultimo elemento del libro e sono dotati di una forza evocativa e di un repertorio d'immagini di rara forza e espressività.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Adelchi
L'ultimo turno di guardia
Uno più uno fa uno
Aforismi e magie
Poesie dell'indaco
Diavolo di sabbia
L'ennesimo angolo
Haikugrafia
La strada dei colori
Se non mi confonde il vento
Forza e libertà attraverso Alda Merini
I passeri di fango
Cento poesie d'amore a Ladyhawke
Haiku della buona terra
Ultimo viandante
Cartoline di mare