Libra Libra

Libra

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La silloge poetica di Barbara Bracci comprende liriche davvero sorprendenti, in quanto ognuna di esse esprime uno stato d’animo, identificato dal titolo, con immagini metaforiche molto originali ed evocative. Interessante pure la loro costruzione formale, sapientemente congegnata e arricchita da allusioni, giochi di parole, assonanze varie, omoteleuti, enjambement [...]. Molto spesso le singole sensazioni che ogni poesia descrive nel suo particolarissimo modo allusivo e metaforico sono collegate con le vicissitudini legate all’inizio, all’apogeo e alla fine dell’amore: l’amore che fa “Volare all’ottava nota sopra” ma anche “Scavare fino all’ottava sotto [...] / Dove i battiti sono tuoni / Il tuono impossibile / L’inferno possibile” (Amore) [...]. La natura è fonte anche di riflessione, nell’osservazione della sua meravigliosa complessità, scoprendo ad esempio “il motore” del girasole (Complessità); è legata spesso, infatti, alla scoperta, come nei ricordi risalenti all’infanzia, dove il salto di un grillo disvela l’“imperfezione” del nome dell’autrice [...]. La riflessione dell’autrice è incentrata inoltre sulla vita in generale, la sua circolarità dalla nascita alla morte: “Il cerchio della vita. [...] / Pietra sepolcrale / con polvere di latte / riempita” (Continuità).



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Libra 2010-09-04 20:30:55 Volpe
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Volpe Opinione inserita da Volpe    04 Settembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Recensione a Libra

Barbara Bracci ha intitolato la sua preziosa raccolta “Libra”, ovvero bilancia.

Potremmo dire che il lavoro della Bracci non è null’altro che uno splendido bilancio delle emozioni umane, una vera Via Crucis di trentatre poesie che tentano di spiegare a parole le parole che troppo spesso vengono usate senza farci troppo caso, senza dare troppo peso.

Barbara vuole, dunque, cogliere il peso specifico di quei concetti convenzionali ed umani, vuole sondarli, capirli, approfondirli, racchiudendoli in immagini, o in concatenazioni di immagini che tendono a sbalordire per la loro compattezza e brevità.

I componimenti della poetessa umbra, infatti, sono dotati di quella asciuttezza e di quella concisione che conferiscono all’intera opera il volto di un pensiero ben levigato, lucido, chiaro.

La Bracci è capace di un’essenzialità ben studiata, degna di una professionista della parola, e di una sonorità e di un ritmo unici ed originali, e le sue brevi poesie, spesso spezzate da enjambement o caratterizzate da visivismo grafico, dimostrano quanto questa giovane poetessa abbia imparato dal secolo che ci siamo da poco lasciati alle spalle.

Eppure la sua grande capacità di dominare la parola e la particolare destrezza che Barbara dimostra non le impediscono di essere insicura come ogni altro, non le impediscono di essere dubbiosa, curiosa, stranita. In una parola: umana.

“Insicurezza”, infatti, è la prima poesia, il primo concetto che la Bracci affronta.

L’ultimo concetto, “Complessità II”, è una reiterazione del tema (da qui il II che accompagna il titolo), ripetizione forse dovuta, appunto, alla sua complessità, che già Barbara aveva tentato di descrivere all’interno dell’opera senza, forse, a suo giudizio, riuscirci.

Un'altra parola-chiave della raccolta è “Imperfezione”, un’imperfezione che ossessiona la poetessa nonostante la perfezione formale raggiunta, un’imperfezione che la perseguita anche nel suo nome (scrive in questa lirica: “Il mio nome. Due sequenze perfette / rotte dal finale / bar bar a).

Inoltre proprio in “Imperfezione” la Bracci scrive: “L’imperfezione, / unico piatto della bilancia, / Libra.”, trovando, così, il titolo che è emblema stesso dell’opera.

Avendo a che fare con una realtà che è “Complessità” a cui si tenta disperatamente di dare identità tramite l’uso della parola, è ben facile sentirsi impotenti, inabili, imperfetti, cogliere i limiti del proprio (anche se acutissimo e originalissimo) pensiero, cadere nel dolore che ognuno di noi prova nel trovarsi immagine di “Imperfezione”.

Essa rimane, dunque, l’unico piatto della bilancia, un piatto che Barbara ha saputo riempire di testi veri, pregnanti, corposi, facendoci condividere con lei il mistero di questa realtà assurda che alle volte ci investe e stordisce, di questa “Libra” immensamente difficile da descrivere quanto immensamente affascinante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri